Diabete di tipo 1

Il diabete mellito di tipo 1 è una classica malattia organoimmune autoimmune, che provoca la distruzione delle cellule β pancreatiche produttrici di insulina con lo sviluppo di una carenza assoluta di insulina.

Le persone che soffrono di questa malattia hanno bisogno di terapia insulinica per il diabete di tipo 1, il che significa che hanno bisogno di iniezioni di insulina quotidiane.

Anche molto importante per il trattamento sono dieta, esercizio fisico regolare e monitoraggio costante della glicemia.

Cos'è?

Perché questa malattia si verifica e che cos'è? Il diabete mellito di tipo 1 è una malattia autoimmune del sistema endocrino, la cui principale caratteristica diagnostica è:

  1. Iperglicemia cronica - elevati livelli di zucchero nel sangue.
  2. Poliuria, come conseguenza di ciò - sete; perdita di peso; appetito eccessivo o ridotto; grave affaticamento generale del corpo; dolore addominale.

I casi più comuni di giovani (bambini, adolescenti, adulti sotto i 30 anni) possono essere congeniti.

Il diabete si sviluppa quando si verifica:

  1. Insufficiente produzione di insulina da parte delle cellule endocrine pancreatiche.
  2. Interruzione dell'interazione dell'insulina con le cellule dei tessuti corporei (resistenza all'insulina) come risultato di un cambiamento nella struttura o diminuzione del numero di specifici recettori per l'insulina, un cambiamento nella struttura dell'insulina stessa o una violazione dei meccanismi intracellulari di trasmissione del segnale dai recettori agli organelli cellulari

L'insulina è prodotta nel pancreas - l'organo situato dietro lo stomaco. Il pancreas è costituito da gruppi di cellule endocrine chiamate isolette. Le cellule beta nelle isole producono insulina e la rilasciano nel sangue.

Se le cellule beta non producono abbastanza insulina o il corpo non risponde all'insulina che è presente nel corpo, il glucosio inizia ad accumularsi nel corpo, piuttosto che essere assorbito dalle cellule, che porta al prediabete o al diabete.

cause di

Nonostante il fatto che il diabete sia una delle malattie croniche più comuni del pianeta, nella scienza medica non esistono ancora informazioni chiare sulle cause dello sviluppo di questa malattia.

Spesso, al fine di sviluppare il diabete, sono necessari i seguenti prerequisiti.

  1. Predisposizione genetica
  2. Il processo di decadimento delle cellule beta che compongono il pancreas.
  3. Questo può accadere sia sotto effetti avversi esterni che sotto autoimmuni.
  4. La presenza di costante stress di natura psico-emotiva.

Il termine "diabete" fu introdotto per la prima volta dal medico romano Aretius, che visse nel II secolo d.C. Descriveva la malattia come segue: "Il diabete è una sofferenza terribile, non molto frequente tra gli uomini, che scioglie la carne e gli arti nelle urine.

I pazienti, senza cessare, emettono acqua in un flusso continuo, come attraverso le condutture dell'acqua aperta. La vita è breve, spiacevole e dolorosa, la sete è insaziabile, l'assunzione di liquidi è eccessiva e non commisurata all'enorme quantità di urina dovuta a diabete ancora più grande. Nulla può impedirgli di assumere liquidi ed espellere l'urina. Se per un breve periodo si rifiutano di prendere liquidi, la bocca si secca, la pelle e le mucose si seccano. I pazienti hanno nausea, sono agitati e muoiono in breve tempo. "

Cosa succederà se non trattato?

Il diabete è terribile per il suo effetto distruttivo sui vasi sanguigni umani, sia piccoli che grandi. I medici per quei pazienti che non curano il diabete mellito di tipo 1, danno una prognosi deludente: lo sviluppo di tutte le malattie cardiache, dei reni e degli occhi, la cancrena delle estremità.

Pertanto, tutti i medici sostengono solo il fatto che ai primi sintomi è necessario contattare un istituto medico e condurre test per lo zucchero.

effetti

Le conseguenze del primo tipo sono pericolose. Tra le condizioni patologiche sono le seguenti:

  1. Angiopatia - danno ai vasi sanguigni sullo sfondo della carenza di energia dei capillari.
  2. Nefropatia - danno ai glomeruli renali sullo sfondo dei disturbi circolatori.
  3. Retinopatia: danno alla retina oculare.
  4. Neuropatia: danno alle membrane delle fibre nervose
  5. Piede diabetico - caratterizzato da lesioni multiple degli arti con morte cellulare e presenza di ulcere trofiche.

I pazienti con diabete di tipo 1 non possono vivere senza terapia sostitutiva con insulina. Con una terapia insulinica inadeguata, rispetto alla quale non vengono raggiunti i criteri per la compensazione del diabete e il paziente è in uno stato di iperglicemia cronica, le complicanze tardive iniziano a svilupparsi rapidamente e progrediscono.

sintomi

Il diabete di tipo 1 della malattia ereditaria può essere rilevato dai seguenti sintomi:

  • sete costante e, di conseguenza, minzione frequente, che porta alla disidratazione;
  • rapida perdita di peso;
  • costante sensazione di fame;
  • debolezza generale, rapido deterioramento della salute;
  • L'insorgenza del diabete di tipo 1 è sempre acuta.

Se si riscontrano sintomi di diabete, è necessario sottoporsi immediatamente a una visita medica. Se si verifica una diagnosi del genere, il paziente richiede un controllo medico regolare e un monitoraggio costante dei livelli di glucosio nel sangue.

diagnostica

La diagnosi di diabete di tipo 1 nella stragrande maggioranza dei casi si basa sull'identificazione di una significativa iperglicemia a digiuno e durante il giorno (postprandiale) in pazienti con gravi manifestazioni cliniche di insufficienza assoluta di insulina.

Risultati che mostrano che una persona ha il diabete:

  1. Il glucosio a digiuno nel plasma sanguigno è 7,0 mmol / lo superiore.
  2. Quando si eseguiva un test di due ore per la tolleranza al glucosio era il risultato di 11,1 mmol / l e oltre.
  3. La glicemia in una misurazione casuale era 11,1 mmol / lo superiore e ci sono sintomi di diabete.
  4. Emoglobina glicata HbA1C - 6,5% o superiore.

Se hai un misuratore di glucosio nel sangue a casa, misuri semplicemente il tuo zucchero, senza dover andare al laboratorio. Se il risultato è superiore a 11,0 mmol / l - probabilmente è il diabete.

Metodi di trattamento per il diabete di tipo 1

Immediatamente si deve dire che il diabete di primo grado non può essere curato. Nessun farmaco è in grado di rianimare le cellule che muoiono nel corpo.

Gli obiettivi del trattamento del diabete di tipo 1:

  1. Mantenere il livello di zucchero nel sangue il più vicino possibile alla norma.
  2. Monitorare la pressione sanguigna e altri fattori di rischio cardiovascolare. In particolare, per avere risultati normali di esami del sangue per colesterolo "cattivo" e "buono", proteina C-reattiva, omocisteina, fibrinogeno.
  3. Se si verificano le complicazioni del diabete, quindi rilevarlo il più presto possibile.
  4. Lo zucchero più vicino in un diabetico è normale, minore è il rischio di complicanze nel sistema cardiovascolare, nei reni, nella vista e nelle gambe.

L'obiettivo principale nel trattamento del diabete di tipo 1 è il monitoraggio costante della glicemia, delle iniezioni di insulina, della dieta e dell'esercizio fisico regolare. L'obiettivo è mantenere la glicemia nell'intervallo di normalità. Un controllo più stretto della glicemia può ridurre il rischio di infarto e ictus legati al diabete di oltre il 50%.

Terapia insulinica

L'unica opzione possibile per aiutare un paziente con diabete mellito di tipo 1 è prescrivere la terapia insulinica.

E prima viene prescritto il trattamento, migliore sarà la condizione generale del corpo, dal momento che lo stadio iniziale del diabete mellito di grado 1 è caratterizzato da una insufficiente produzione di insulina da parte del pancreas e in seguito smette di produrlo. E c'è bisogno di introdurlo dall'esterno.

I dosaggi dei farmaci vengono selezionati singolarmente, mentre si cerca di imitare le fluttuazioni insuliniche di una persona sana (mantenendo il livello di fondo della secrezione (non associato con l'assunzione di scrittura) e postprandiale - dopo un pasto). Per fare ciò, applicare insulina ultracorta, durata d'azione breve e media e azione prolungata in varie combinazioni.

Di solito l'insulina estesa viene somministrata 1-2 volte al giorno (mattina / sera, mattina o sera). L'insulina breve viene iniettata prima di ogni pasto - 3-4 volte al giorno e secondo necessità.

dieta

Per controllare bene il diabete di tipo 1, devi imparare molte cose diverse. Prima di tutto, scopri quali alimenti aumentano il tuo zucchero e quali no. La dieta per diabetici può essere utilizzata da tutte le persone che seguono uno stile di vita sano e vogliono preservare la giovinezza e un corpo forte per molti anni.

Prima di tutto è:

  1. Esclusione di carboidrati semplici (raffinati) (zucchero, miele, confetteria, marmellata, bevande zuccherate, ecc.); consumare principalmente carboidrati complessi (pane, cereali, patate, frutta, ecc.).
  2. Rispetto dei pasti regolari (5-6 volte al giorno in piccole porzioni);
    Limitare i grassi animali (lardo, carne grassa, ecc.).

L'inclusione sufficiente nella dieta di verdure, frutta e bacche è utile perché contengono vitamine e oligoelementi, sono ricchi di fibre alimentari e forniscono un normale metabolismo nel corpo. Ma va tenuto presente che la composizione di alcuni frutti e bacche (prugne, fragole, ecc.) Include molti carboidrati, quindi possono essere consumati solo tenendo conto della quantità giornaliera di carboidrati nella dieta.

Per il controllo della glicemia, viene utilizzato un indicatore come un'unità di pane. Ha introdotto per controllare il contenuto di zucchero nel cibo. Un'unità di pane è pari a 12 grammi di carboidrati. Per lo smaltimento di 1 unità di pane richiede una media di 1,4 unità di insulina. Pertanto, è possibile calcolare il fabbisogno medio del paziente negli zuccheri.

La dieta numero 9 nel diabete comporta il consumo di grassi (25%), carboidrati (55%) e proteine. Nei pazienti con insufficienza renale è necessaria una più forte restrizione dello zucchero.

Attività fisica

Oltre alla terapia dietetica, alla terapia insulinica e all'accurata autocontrollo, i pazienti devono mantenere la loro forma fisica applicando le attività fisiche determinate dal medico curante. Tali metodi cumulativi aiuteranno a perdere peso, a prevenire il rischio di malattie cardiovascolari, cronicamente ipertensione.

  1. Durante la pratica, aumenta la sensibilità dei tessuti del corpo all'insulina e il tasso di assorbimento.
  2. Il consumo di glucosio aumenta senza ulteriori porzioni di insulina.
  3. Con allenamenti regolari, la normoglicemia si stabilizza molto più velocemente.

L'esercizio fisico ha un forte impatto sul metabolismo dei carboidrati, quindi è importante ricordare che durante l'esercizio fisico il corpo utilizza attivamente le riserve di glicogeno, quindi può verificarsi un'ipoglicemia dopo l'esercizio.

Diabete di tipo 1: sintomi, trattamento, alimentazione e dieta

Il diabete mellito di tipo 1 è chiamato insulino-dipendente. Questa malattia del sistema endocrino umano e molti mammiferi è associata a una carenza o completa assenza dell'insulina ormonale nel corpo, che è responsabile del trasporto del glucosio attraverso le membrane cellulari.

A differenza del diabete del primo tipo, irto di corso acuto (labile), il diabete del secondo tipo non è direttamente correlato alla sintesi dell'insulina e ha uno sviluppo più rilassato, anche se per gli effetti a lungo termine non è meno furbo.

Vita dolce amara

Zucchero: carburante per tutte le cellule del corpo: nervo, grasso, muscoli, pelle. Ma affinché le molecole di glucosio penetrino nella cellula, hanno bisogno di una chiave di insulina. Se non c'è una chiave o se viene prodotta in quantità insufficiente, il glucosio inizia ad accumularsi in modo incontrollabile nel sangue. Una tale "dolce vita" per il corpo non è affatto dolce. L'eccesso di zucchero distrugge le pareti dei vasi sanguigni, i microangiomi insorgono - danni ai vasi renali, che assorbono il lavoro principale per rimuovere zucchero in eccesso e macroangiomi - danni a grandi vasi principali, causa di futuri attacchi e infarti cardiaci, così come "piede diabetico" e retinopatia diabetica, che porta a perdita della vista irreversibile.

Un paziente con diabete vuole bere tutto il tempo, la minzione diventa più frequente. Il nome "diabete" dal greco antico può essere tradotto come "sifone" - non comprendendo appieno la natura della malattia, gli antichi dottori hanno colto l'essenza - il corpo inizia a perdere l'acqua inseguendo sé stesso.

I reni, cercando di liberare il sangue dal glucosio in eccesso, lavorano con il massimo sforzo, ma il diabetico non porta né il bere né il passaggio di grandi quantità di urina in sollievo. Il fatto è che le cellule del corpo, non ricevendo un'alimentazione adeguata dall'esterno, iniziano a "mangiare" se stessi, digerendo le riserve di grassi e carboidrati. Disturbi del metabolismo dei carboidrati portano ad avvelenamento cronico del corpo da prodotti di decomposizione, diminuzione del peso corporeo. La magrezza dolorosa è un sintomo caratteristico del diabete di tipo 1, mentre il diabete di tipo 2 cronico e pigro è quasi sempre accompagnato dall'obesità.

Cause e conseguenze

Il colpevole per la mancanza di insulina naturale è il pancreas. Il ruolo del pancreas nella comparsa del diabete negli studi su animali è stato confermato nel 1889 da Joseph von Mehring e Oscar Minkowski. Nella ghiandola, ci sono aree chiamate isolotti di Langerhans, che contengono cellule beta che producono insulina. Questo stesso nome deriva dalla parola latina insula - "isola". Fu inventato nel 1910 dallo scienziato britannico Sir Edward Sharpay-Schaefer, che collegava l'attività endocrina della ghiandola e il disturbo del metabolismo dei carboidrati.

Nei pazienti con diabete a causa di predisposizione genetica, lesioni o malattie del pancreas e interruzioni autoimmuni, le cellule beta producono insulina meno del normale o non la producono affatto. Di conseguenza, i sintomi tipici del diabete mellito del primo tipo appaiono molto rapidamente:

  • debolezza muscolare e stanchezza;
  • sete e fame persistenti, che non placano né una dieta accresciuta né un consumo eccessivo;
  • minzione frequente, aggravata di notte. La quantità di liquido rilasciato supera la quantità di liquido consumato, la disidratazione e l'insufficienza di ioni di potassio si sviluppano;
  • perdita di peso improvvisa;
  • l'odore dell'acetone che esce dalla bocca, dalla pelle, dal sudore e dalle urine. Dice che nel corpo sono processi estremamente pericolosi associati all'accumulo nel sangue di corpi chetonici tossici.

In contrasto con il decorso a lungo termine del diabete del secondo tipo, che non è direttamente correlato alla produzione di insulina, il diabete insulino-dipendente è acuto ed è irto di conseguenze fatali in assenza di cure mediche.

Il livello di zucchero nel sangue sta crescendo drammaticamente. A una velocità di 5,5-6 mmol / litro, può raggiungere 20-25 mmol / litro. Questo porta a complicazioni così terribili come la chetoacidosi e il coma diabetico. I prodotti del metabolismo delle proteine ​​e dei grassi colpiscono tutti i tessuti e gli organi, principalmente il sistema nervoso, il fegato e i reni. La pelle soffre - si asciuga, si stacca, la minima abrasione porta alla formazione di ulcere non cicatrizzate. C'è il rischio di sviluppare una sepsi diabetica. Un sistema immunitario indebolito non può far fronte a infezioni innocue. Danni alle pareti dei vasi sanguigni dell'occhio portano alla cecità.

Storia e statistica

Storicamente, il diabete di tipo 1 può essere considerato il principale: è stato lui a essere diagnosticato in pazienti con medici antichi e medievali. Le prime descrizioni di una malattia simile al diabete mellito di tipo 1 si trovano nell'antico papiro egiziano, datato al XV secolo aC.

L'iperglicemia era determinata senza alcun disgusto... dal gusto dell'urina. Simile era la diagnosi nei medici dell'antico est. Tradotto dal cinese antico, il diabete di tipo 1 è una "malattia dell'urina dolce". Ma i fastidiosi vecchi medici indiani fecero una diagnosi, osservando se alle formiche piacesse l'urina del paziente. Il nome latino per il diabete mellito - "diabete del miele" (diabete mellito) apparve in letteratura piuttosto tardi - a metà del XVIII secolo.

Nei tempi antichi, l'aspettativa di vita media non superava i 30 anni e fino all'età in cui il diabete del secondo tipo di solito si sviluppa, le persone semplicemente non sopravvivono. E anche se vivessero, nessuno prestava attenzione al "lieve malessere" sullo sfondo di epidemie e guerre costanti.

Il diabete di tipo 1 a volte viene ancora chiamato "diabete giovanile". Questo non è giusto, è possibile ammalarsi di iperglicemia insulino-dipendente a qualsiasi età, sebbene nella maggior parte dei casi il processo patologico si sviluppi ugualmente nei primi 25-30 anni di vita del paziente. Il diabete infantile è particolarmente pericoloso: il bambino soffre di sofferenza fisica, la malattia spesso influenza il suo sviluppo generale e causa inevitabilmente molti problemi associati alla necessità di un'attenta aderenza alla dieta e all'attività fisica, nonché alle iniezioni regolari di insulina.

Gli scienziati hanno dati che lo stress permanente della società post-industriale può causare cambiamenti nel sistema endocrino, tra cui inspiegabile fino alla morte delle cellule isolotto beta del pancreas. Ci sono statistiche e l'incidenza del primo tipo di diabete tra i diversi popoli, così come tra gli uomini e le donne.

I diabetici del primo tipo sono 10 volte più piccoli dei diabetici del secondo.

La razza mongoloide si rivelò la più vulnerabile, poi seguirono gli abitanti della pelle scura del pianeta, poi i bianchi. La più grande percentuale di pazienti registrati ad Hong Kong, il minimo - in Cile. Le giovani donne e le ragazze sono più inclini al diabete di tipo 1 rispetto a uomini e ragazzi, anche se rispetto al secondo tipo, è vero il contrario - il sesso più forte è più spesso malato.

Ora la tendenza osservata prevalenza del diabete in tutto il mondo dai paesi sviluppati ai paesi in via di sviluppo. In termini quantitativi i diabetici primo tipo è inferiore a coloro che soffrono di diabete di tipo II. Ma i successi di terapia sostitutiva danno un risultato paradossale - ad una molto più pericolosa iperglicemia insulino-dipendente l'aspettativa di vita dei pazienti oggi è superiore a quello di coloro che sono malati del secondo tipo e ha detto la sua condizione spiacevole, ma non mortale.

Può la cura del diabete?

Fino all'inizio degli anni '20 del XX secolo, il diabete di tipo 1 era incurabile. I pazienti sono morti per coma diabetico e complicazioni infettive nell'infanzia o in giovane età.

I tentativi di trovare una panacea per la terribile malattia iniziarono immediatamente dopo che von Mehring e Minkowski scoprirono la causa alla radice della malattia e Sharpay-Schaefer isolò l'insulina. Nel 1921, gli scienziati canadesi Frederick Banting, Charles Best e John MacLeod, in esperimenti sui cani, scoprirono che l'introduzione di un'isoletta di cane sana in un animale con un pancreas rimosso di un estratto dal tessuto isolotto di Langerhans rimuove temporaneamente i sintomi del diabete. Per il trattamento delle persone, gli scienziati hanno isolato l'insulina delle mucche. Nel 1922, condussero i primi esperimenti clinici, che si conclusero in un incantevole successo. I pazienti che sono in coma e dichiarati senza speranza, dopo le iniezioni di insulina, sono tornati in sé e sono tornati in vita. Per questa scoperta nel 1923, Banting e McLeod hanno ricevuto il premio Nobel in Fisiologia e Medicina. Il compleanno di Banting il 14 novembre è stato successivamente dichiarato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come la giornata internazionale per combattere il diabete.

Trattamento del diabete oggi

Per un centinaio di anni il trattamento del diabete di tipo 1 non è cambiata radicalmente. Al suo cuore si trova ancora sottocutaneo e l'iniezione intramuscolare di insulina nel corpo, il dosaggio e la frequenza delle iniezioni è determinata dal controllo regolare della glicemia ed è collegata ai pasti e l'esercizio fisico piano.

La sfida delle iniezioni consiste nel compensare i picchi di zucchero nel sangue immediatamente dopo un pasto.

Per facilitare l'iniezione di insulina da parte dei pazienti, oltre alle solite siringhe vengono utilizzate siringhe speciali che non richiedono l'inserimento dell'ago e lo svuotamento manuale della siringa, tutto avviene premendo un pulsante.

Iniezione di penna per siringa da insulina per via sottocutanea con diabete di tipo 1.

Per la distribuzione ottimale di dosi di insulina durante il giorno utilizzato microinfusori - i dispositivi collegati al corpo con un comando manuale o elettronico che eroga automaticamente il farmaco, a seconda delle prove integrata nel misuratore di pompa e sensazioni soggettive del paziente.

Pompa per insulina intimo per diabete di tipo 1.

La pompa aiuta in situazioni non standard quando è richiesto un aumento o una diminuzione della dose standard di insulina:

  • dopo l'attività fisica o lo sport, quando la dose deve essere ridotta;
  • durante l'immobilità prolungata (ad esempio, durante un lungo viaggio in auto) quando è necessario aumentare la dose;
  • durante la malattia, lo stress psicologico, le mestruazioni nelle donne, quando la dose basale richiede aumenti ripetuti.

Le moderne pompe a controllo elettronico sono facilmente sintonizzabili su tutte le modalità e consentono al paziente di condurre una vita piena senza pensare alla malattia.

Per le persone che soffrono di fobie e che non sono in grado di darsi un'iniezione, sono stati sviluppati inalatori di insulina e compresse che si sciolgono sotto la lingua. Tuttavia, la loro efficacia è molto inferiore rispetto alle iniezioni o alla pompa di insulina.

L'insulina è stata a lungo sintetizzata artificialmente, senza danneggiare gli animali.

Nutrizione e stile di vita del diabete

Sebbene la terapia di compensazione con l'insulina rimanga il fattore decisivo nel trattamento del diabete del primo tipo, nessuno ignora la necessità di aderire a uno stile di vita sano e soprattutto all'alimentazione. Le persone con dipendenza da insulina reagiscono istantaneamente a cibi con un alto contenuto di zuccheri, e non scuotere con una malattia endocrina così grave non porta il corpo a nulla. Sapere cosa si può o non si può mangiare è particolarmente importante se il diabete è associato a lesioni organiche del pancreas, come la pancreatite. Una corretta alimentazione in questo caso non solo manterrà il normale contenuto di zucchero, ma preverrà anche le complicazioni del tratto gastrointestinale.

Sette principi di nutrizione nel diabete

I pazienti con diabete di tipo 1 devono ricordare: la malattia non è una frase, ma solo una ragione per condurre uno stile di vita speciale e abbastanza sano. È necessario rispettare le sette regole di base:

  1. C'è bisogno di regolarmente, almeno 4 volte al giorno (e meglio, più spesso).
  2. Il valore energetico del cibo è distribuito uniformemente durante il giorno.
  3. Il cibo corrisponde alla dieta medica numero 9, ma con la massima diversità possibile.
  4. La tabella delle calorie dei prodotti dovrebbe essere costantemente visibile, dovresti controllarla, programmando di mangiare questo o quel prodotto.
  5. Al giorno è necessario bere non più di 1,2-1,5 litri di liquido (a seconda del peso corporeo), comprese le zuppe.
  6. Almeno quattro volte al giorno, è necessario controllare i livelli di zucchero nel sangue. La prima misurazione viene eseguita a stomaco vuoto, il resto - dopo aver mangiato. In modo ottimale, il problema del monitoraggio del glucosio viene risolto da una pompa per insulina con un contatore elettronico collegato tramite una connessione wireless a un computer o uno smartphone o con un microprocessore integrato.
  7. Invece di zucchero, i sostituti dello zucchero dovrebbero essere consumati, ma assicurati di portare caramelle in caso di improvvisa brusca diminuzione della glicemia.

L'ipoglicemia è una complicazione altrettanto formidabile, irta di sviluppo di coma diabetico, nonché un brusco salto nel livello dello zucchero. Si verifica con un forte aumento del consumo di glucosio - durante lo stress, un notevole sforzo fisico, nel caso in cui il paziente ha iniettato l'insulina, ma non ha mangiato.

Cosa può e non può essere mangiato con il diabete

I divieti sono rigidi ma non assoluti, ci sono norme ammissibili per l'uso di quasi tutti i cibi "proibiti".

Quindi, cosa è impossibile (o quasi impossibile) mangiare nel diabete di tipo 1:

  • verdure ad alto contenuto di carboidrati - patate, fagioli, barbabietole, carote, piselli, salinità e conservazione. L'importo massimo è di 100 g per persona per adulto;
  • dolci e pasticcini - cioccolato, dolci, gelati, marmellate, miele, biscotti, torte, prodotti a base di farina di pasta lievitata;
  • bevande gassate;
  • frutta dolce, bacche e succhi di frutta. Questi includono banane, mango, uva, fichi, datteri, uvetta;
  • carne e pesce grassi, fritti e affumicati.

I diabetici non sono raccomandati di mangiare molto sale, abusare di spezie e spezie, bere tè e caffè forti. Sotto il divieto, tutte le bevande alcoliche, dato che sono calorie, stimolano l'appetito, contengono acqua e inoltre inibiscono il pancreas, il che non è così facile.

Il rispetto di una dieta per diabetici di tipo 1 non significa un completo abbandono dei piaceri gastronomici. Ecco un elenco di ciò che puoi mangiare con il diabete:

  • pane senza lievito e pane con farina di segale - fino a 200 g al giorno;
  • latticini a basso contenuto di grassi - principalmente kefir, fiocchi di latte e casseruole da esso. Panna acida e panna - a basso contenuto di grassi e non più di 1 volta a settimana;
  • primi piatti - zuppe di verdure, zuppa di bue su carne magra, zuppa di funghi, okroshka, zuppa di pesce;
  • porridge di cereali in acqua. Ammessi cereali solidi - grano saraceno, riso, miglio, avena, mais. Il porridge è un'alternativa alla norma del pane, se c'è del porridge, quindi senza pane. Nei tempi di pre-insulina, i medici prescrivevano la farina d'avena ai diabetici, ritenendo che aiutasse a combattere la malattia;
  • carne magra, preferibilmente pollo senza pelle, al vapore, stufata o bollita;
  • formaggi duri non salati e magri;
  • bollito o cotto al cartoccio pesce bianco di mare;
  • uova e omelette al tasso di non più di 2 uova 2 volte a settimana;
  • verdure a basso contenuto di carboidrati - cavolo e cavolfiore, pomodori, cetrioli, melanzane, zucchine, patissons, zucca, cipolle, porri, aglio, verdure varie;
  • quantità limitate di frutta non zuccherata - pere, mele verdi, kiwi, agrumi.

In tutte le grandi città e in molti centri regionali, negozi specializzati nella vendita di alimenti per diabetici sono in funzione da molto tempo. Consultazioni di esperti e centinaia di ricette per la cucina casalinga sono disponibili su Internet. Aderendo a una dieta sana e controllando la glicemia, puoi condurre una vita piena, lavorare, dedicarti agli hobby, allo sport e alla creatività, avere una famiglia e dei figli.

Diabetici famosi

Decine di celebrità del 20 ° secolo e all'inizio del nostro secolo hanno sofferto di diabete di tipo 1 e l'hanno combattuta con successo. Molti di loro ora sono in età avanzata, ma rimangono attivi e allegri.

Edgar Alan Poe e Thomas Edison sono stati in grado di vivere una grande vita creativa ancor prima dell'invenzione della terapia insulinica.

Qui ci sono alcuni famosi diabetici del primo tipo:

Sylvester Stallone Mikhail Boyarsky Girl James Bond Halle Berry Modella e attrice Sharon Stone Leggenda del calcio mondiale Pele

Diabete di tipo 1

Sotto il diabete di tipo 1, i medici implicano di solito una malattia autoimmune sistemica caratterizzata da carenza assoluta di insulina. Nonostante il fatto che il diabete mellito del primo tipo sia rilevato solo nell'8-10% dei pazienti con diagnosi di diabete, è il caso più grave e crea il massimo rischio per la salute umana, soprattutto se non viene diagnosticato in tempo.

Case history

Gli antichi greci conoscevano il diabete, ma credevano che la sindrome fosse associata alla patologia dell '"incontinenza acquatica" sulla base di uno dei sintomi più importanti della malattia: sete inestinguibile ed eccessiva produzione urinaria. Nel corso del tempo, il concetto di sindrome è cambiato - nei secoli XVII-XVIII, era già associato, insieme all'incontinenza di glucosio, o alla malattia "dell'urina dolce".

Solo all'inizio del XX secolo sono state rivelate le vere cause del diabete - lo scopritore dell'essenza del problema è stato Edward Albert Sharpay-Schaefer, che ha determinato che la malattia dipende direttamente dalla mancanza di una sostanza sconosciuta rilasciata dalle isole di Langerhans nel pancreas e da Frederick Banting, che ha ricevuto ormone noto e metterlo in pratica.

A partire dagli anni '20, iniziò il rapido sviluppo della produzione di insulina, anche se il meccanismo stesso e le differenze tra i tipi di diabete furono dimostrati due decenni più tardi - il definitivo "spartiacque" fu stabilito da Harold Percival Himsworth, creando un paradigma sull'insufficienza insulinica assoluta del primo tipo e sull'insufficienza dell'insulina relativa del secondo tipo.

motivi

Nonostante il fatto che il diabete mellito di tipo 1, come una classica malattia autoimmune, sia stato conosciuto dalla medicina tradizionale conservativa per quasi 100 anni, gli scienziati non hanno ancora scoperto le ragioni esatte della sua comparsa. Studi recenti in quest'area mostrano che nella maggior parte dei casi il processo è catalizzato da proteine ​​delle cellule del sistema nervoso, che penetrano nella barriera emato-encefalica e vengono attaccate dal sistema immunitario. Poiché le cellule beta pancreatiche hanno marcatori simili, sono prodotte da anticorpi prodotti dall'organismo in modo simile, con il risultato che il sistema immunitario distrugge l'insulina prodotta.

I virus che colpiscono le cellule pancreatiche possono dare un certo contributo al processo di avvio della malattia - per più di due decenni, gli esperti hanno notato un aumento del rischio di diabete di tipo 1 in pazienti con rosolia e virus Coxsackie, mentre non esiste un'unica teoria coerente su questo problema.

Inoltre, alcuni farmaci e sostanze, come la streptozitsin o alcuni tipi di veleno per topi, possono danneggiare le cellule beta e quindi provocare una mancanza di insulina.

Il diabete di tipo 1 può essere trasmesso per via ereditaria - la probabilità di contrarre diabete in un bambino aumenta del 5-10%, se uno dei genitori ha la diagnosi confermata sopra menzionata.

Sintomi e segni di diabete di tipo 1

L'insufficienza della produzione di insulina da parte delle cellule endocrine può causare i sintomi caratteristici del diabete mellito di tipo 1:

  1. Bocca secca e grande sete
  2. Minzione frequente, specialmente durante i periodi notturni e mattutini.
  3. Alto livello di sudorazione.
  4. Aumento dell'irritabilità, depressione frequente, sbalzi d'umore, isteria.
  5. Debolezza generale del corpo, accompagnata da grave fame e perdita di peso.
  6. Il gentil sesso ha frequenti infezioni fungine di tipo vaginale, che sono difficili da trattare.
  7. Disturbi della visione periferica, occhi sfocati.

In assenza di un trattamento adeguato, il paziente può mostrare segni di chetoacidosi del tipo diabetico:

  1. Grave nausea e gagging.
  2. Disidratazione del corpo
  3. Il distinto odore di acetone dalla bocca.
  4. La gravità della respirazione.
  5. Confusione di coscienza e sua perdita periodica.

diagnostica

La moderna pratica medica offre diversi metodi per determinare il diabete mellito di tipo 1, basato sull'analisi dei parametri del metabolismo dei carboidrati nel sangue.

Analisi dello zucchero a digiuno

Viene affittato al mattino, 12 ore prima del test, è necessario abbandonare l'assunzione di cibo, alcol e attività fisica, cercare di evitare lo stress, assumere farmaci di terze parti e procedure mediche. L'affidabilità del testo è significativamente ridotta nei pazienti dopo operazioni, persone con problemi gastrointestinali, cirrosi epatica, epatite, così come donne in travaglio e donne durante il periodo mestruale o in presenza di processi infiammatori di varie eziologie. Con tassi superiori a 5,5 mmol / l, il medico può diagnosticare lo stato limite del prediabete. Con parametri superiori a 7 mmol / l e il rispetto delle condizioni del test ha confermato il diabete di fatto. Maggiori informazioni sui test della glicemia.

Prova di carico

È un'aggiunta al classico esame del sangue a digiuno: dopo la sua somministrazione, 75 grammi di soluzione di glucosio vengono somministrati per via orale al paziente. Ogni 30 minuti vengono prelevati campioni di sangue per lo zucchero per due ore. La concentrazione massima rilevata di glucosio nel sangue è il valore di uscita del test. Se è nell'intervallo compreso tra 7,8 e 11 mmol / l, il medico determina la ridotta tolleranza al glucosio. Con tassi superiori a 11 mmol / l - la presenza di diabete.

Test dell'emoglobina glicata

Il metodo di laboratorio più preciso e affidabile per la determinazione del diabete oggi. Dipende debolmente da fattori esterni (i risultati non sono influenzati dall'assunzione di cibo, tempo del giorno, attività fisica, farmaci, malattia e stato emotivo), mostra la percentuale di emoglobina che circola nel plasma sanguigno, che è associata al glucosio. L'indicatore è superiore al 6,5% - conferma della presenza di diabete mellito - Risultati entro il 5,7-6,5% - una condizione pre-diabetica con ridotta tolleranza al glucosio.

Inoltre, durante la diagnostica complessa, lo specialista deve garantire che il paziente abbia i classici sintomi esterni del diabete (in particolare polidipsia e poliuria), escludere altre malattie e condizioni che causano iperglicemia e chiarire la forma nosologica del diabete.

Dopo aver eseguito tutte le misure di cui sopra e affermando il fatto del diabete in un paziente, è necessario confermare il tipo di malattia. Questo evento viene effettuato misurando il livello dei peptidi C nel plasma sanguigno - questo biomarcatore caratterizza la funzione di produzione delle cellule beta pancreatiche e, a un ritmo basso, indica il diabete di tipo 1, rispettivamente, la sua natura autoimmune.

Trattamento del diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è impossibile da curare completamente. La moderna terapia medica ha lo scopo di normalizzare il metabolismo dei carboidrati e i parametri di concentrazione di glucosio nel sangue, oltre a minimizzare i possibili rischi di complicanze.

Dieta e stile di vita sano

Il medico prescrive una dieta personalizzata a basso contenuto di carboidrati con il calcolo delle "unità di pane" usate - la norma condizionale corrispondente a 10-13 grammi di carboidrati. Il cibo sovraccarico di carboidrati deve essere evitato, così come il cibo frazionale. Inoltre, è necessario smettere di fumare, abbandonare l'assunzione regolare di alcolici e rispettare le istruzioni dei medici sulle attività fisiche individuali misurate, come aerobica (corsa, nuoto) e anaerobica (esercizi di forza e cardio).

Terapia insulinica

Il metodo di base per compensare i disturbi del metabolismo dei carboidrati con la somministrazione regolare per tutta la vita delle dosi di insulina selezionate individualmente con vari metodi. Nei paesi post-sovietici, l'uso di penne a siringa e siringhe per insulina classiche è comune, mentre nei paesi occidentali è più noto il metodo per collegare una pompa automatica che fornisce esattamente il volume richiesto di insulina. L'essenza del metodo è la massima correlazione tra le dosi di insulina somministrate in relazione alle normali norme fisiologiche per una persona sana. A tale scopo, vengono utilizzati sia i tipi combinati di farmaci (azione breve e prolungata) sia i dialoghi mono secondo il metodo intensificato. Il dosaggio esatto e la frequenza d'uso delle iniezioni di insulina, a seconda del cibo che mangi, saranno segnalate dal tuo endocrinologo. Non dimenticare - l'abuso eccessivo di insulina è pieno di ipoglicemia e di una serie di problemi correlati!

Tecniche sperimentali

Il mondo scientifico negli ultimi decenni ha cercato attivamente modi alternativi per combattere il diabete di tipo 1, che potrebbe diventare un'alternativa al classico compenso del metabolismo dei carboidrati, tuttavia, nonostante i risultati incoraggianti ottenuti da numerosi studi, non c'è ancora un serio salto in questa questione. Le aree più promettenti sono il vaccino a DNA, che ripristina parzialmente le funzioni delle cellule beta, così come l'uso di cellule staminali con la loro trasformazione in analoghi maturi del risultato della produzione di isole pancreatiche di Langerhans. Al momento, queste e altre metodologie sono in fase di test preliminare e possono essere presentate ufficialmente al pubblico nei prossimi 5-8 anni.

Controllo delle malattie associate

In caso di malattie associate, il medico può prescrivere ACE inibitori (ipertensione), aspirina (prevenzione dell'attacco cardiaco), statine (riduzione del colesterolo), Creonte, festale, aprotinina (tutto - lotta contro le lesioni pancreatiche), prescrivere emodialisi (per reumatico / tossico problemi) e altre azioni conservative, strumentali, chirurgiche e fisioterapiche necessarie.

Trattamento popolare del diabete di tipo 1

Il diabete mellito di tipo I è una grave malattia autoimmune con cui una persona deve esistere per il resto della sua vita. La medicina tradizionale postula centinaia di ricette che possono teoricamente aiutare a combattere la malattia, tuttavia, come dimostra la moderna pratica medica, tutte danneggiano solo la terapia complessa, modificando sistematicamente i parametri del metabolismo dei carboidrati e rendendoli imprevedibili.

Se apprezzi la tua salute, spendi le iniezioni regolari di insulina, segui la dieta necessaria e prendi altre misure per mantenere un tenore di vita naturalmente alto, quindi non ti raccomandiamo assolutamente di usare ricette di medicina tradizionale per il tuo trattamento.

Dieta per il diabete di tipo 1

Una dieta per il diabete di tipo 1 è un metodo di base e di base per il controllo della gravità lieve e moderata, che non solo riduce la dose necessaria di somministrazione regolare di insulina (che riduce gli effetti collaterali di questo processo), ma in alcuni casi consente di rifiutare completamente la terapia insulinica per lunghi periodi di tempo..

Raccomandiamo una dieta povera di carboidrati ad eccezione di pane, patate, cereali, dolci e frutta ricchi di questo ingrediente. Il suo principio è la quantità di carboidrati consumata con le dosi regolari di insulina. Pianificare il menu in anticipo, provare a variare la nutrizione. Evita spuntini, dividi l'assunzione di cibo in 4 set ed assicurati di mangiare proteine ​​ad ogni pasto!

Escludere dalla dieta zucchero, dolci (compresi i cosiddetti "diabetici"), prodotti con cereali (grano saraceno, mais, grano, riso bianco, ecc.), Patate, prodotti farinacei, pane (incluso "pane dietetico" ") Muesli. Limitare sostanzialmente il consumo di frutta (ad eccezione dell'avocado) e succhi di frutta, zucca, peperone dolce, pomodori dopo il trattamento termico, barbabietole, legumi, cibi pronti, snack confezionati, latte condensato, yogurt, latte intero.

Diete povere di carboidrati, prodotti a base di carne (compresi rosso, pollame), pesce, uova, verdure verdi (cavoli, zucchine, cetrioli, funghi, verdure, peperoni piccanti, spinaci, pomodori crudi), frutti di mare, noci (in quantità ragionevole ), soia, così come alcuni prodotti caseari, in particolare formaggio a pasta dura (eccetto la feta), burro e crema naturali cremosi.

Menu di esempio per la settimana

Di seguito, ti offriremo un menu indicativo per una settimana. I singoli prodotti in esso contenuti possono essere sostituiti, tenendo conto del numero di "unità di pane", del contenuto calorico, della concentrazione di carboidrati nel prodotto e della "risoluzione" dell'analogo selezionato.

  1. Lunedi. Facciamo colazione con ricotta a basso contenuto di grassi in casseruola e cetriolo. Mangiamo stufato di pesce (250 grammi) con una piccola quantità di fagioli. Ceniamo in un avocado, ceniamo con riso scuro e verdure consentite.
  2. Martedì. Facciamo colazione pollo bollito e omelette magro da 2 uova. Mangia la zuppa di funghi con un cucchiaino di panna acida. Mangiamo un bicchiere di kefir e ceniamo con carne bollita con insalata di verdure.
  3. Mercoledì. Facciamo colazione stufata di verdure, cosparsa di formaggio duro grattugiato. Mangiate la zuppa di verdure, cotta nel brodo di pollo fresco. Ceniamo con una piccola mela verde e ceniamo con il petto bollito e insalata di cavolo fresco.
  4. Giovedi. Facciamo colazione con farina d'avena con frutta secca. Dover stufato di vitello con verdure. Ceniamo 40 grammi di mandorle. Ceniamo una piccola ciotola di grano saraceno con cavolo stufato.
  5. Venerdì. Per colazione prepariamo due uova sode e 50 grammi di formaggio duro e permesso. A pranzo mangiamo carne di manzo cotta nel formaggio e insalata di verdure. Ceniamo con il tè non zuccherato e ceniamo con verdure stufate.
  6. Sabato. Omelette da colazione di tre uova e tè. Pranzo con zuppa di piselli con insalata di tacchino e cavolo. Ceniamo con una piccola pera e ceniamo con pesce bollito.
  7. Domenica. Facciamo colazione con uova fritte e formaggio. Mangiate pesce al forno con verdure. Ceniamo un paio di avocado. Cenare con verdure al vapore.

Diabete mellito di tipo 1: cause, sintomi e trattamento

Il diabete di tipo 1 viene solitamente diagnosticato nei bambini e nei giovani adulti. La malattia si verifica quando il sistema immunitario inizia a distruggere le isole di Langerhans - cellule pancreatiche endocrine che secernono l'insulina ormonale. L'insulina riduce la concentrazione di glucosio nel sangue e la sua carenza porta allo sviluppo di iperglicemia cronica, chetoacidosi e altre complicanze. Parliamo delle cause, dei sintomi, delle complicanze e del trattamento del diabete di tipo 1.

L'insulina è un ormone pancreatico che è responsabile del trasporto di zucchero (glucosio) nei tessuti del nostro corpo. Le cellule usano lo zucchero come combustibile. Se l'insulina non è sufficiente, il glucosio non entra nelle cellule, ma si accumula nel sangue. In questo caso, una persona sviluppa una serie di complicazioni:

  • La disidratazione. Quando c'è troppo zucchero nel sangue, il corpo cerca di sciacquarlo con l'urina. Minzione frequente porta alla perdita di liquidi e disturbi metabolici, abbassamento della pressione sanguigna e cianosi.
  • Perdita di peso Le calorie sono derivate dal glucosio e dall'acqua. Ecco perché molte persone con glicemia alta perdono peso velocemente.
  • Chetoacidosi diabetica (DKA). Se il corpo non riceve abbastanza glucosio, inizia a distruggere le cellule grasse e le proteine ​​nel tessuto muscolare. Questo processo porta alla formazione di chetoni - sostanze tossiche, il cui accumulo diventa la causa del coma diabetico e può essere pericoloso per la vita.
  • Danni a tutto il corpo. Con il tempo, alti livelli di glucosio nel sangue possono danneggiare i nervi e i vasi sanguigni, causando problemi alla vista, aterosclerosi, infarto e ictus.

Cause del diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è raro. Viene diagnosticato solo nel 5% di tutti i pazienti con diabete. Anche se la malattia di solito si verifica nei bambini e nei giovani sotto i 20 anni, può svegliarsi a qualsiasi età.

I medici non conoscono ancora tutte le cause che portano al diabete di tipo 1, ma ci sono diversi fattori che aumentano il rischio di ammalarsi.

  • Geni. Il 90% dei pazienti con diabete di tipo 1 ha una predisposizione genetica alla malattia. Alcuni gruppi etnici (ad esempio, scandinavi e sardi) soffrono di diabete molto più spesso di altri. Se uno dei genitori ha il diabete di tipo 1, il rischio di sviluppare la malattia aumenta del 4-10%.
  • I virus. Coxsackie, virus della rosolia, virus di Epstein-Barr e retrovirus sono associati al diabete. Si ritiene che possano provocare una reazione autoimmune alle cellule pancreatiche, ma gli scienziati non hanno prove convincenti di questa teoria.
  • Droga. Un'altra versione che richiede conferma è l'effetto tossico dei farmaci che danneggiano le cellule beta del pancreas, rendendo impossibile la produzione di insulina.
  • Batteri. Nel 2016, gli scienziati hanno suggerito che il diabete di tipo 1 può svilupparsi a causa di batteri che provocano le cellule T del sistema immunitario ad attaccare i propri tessuti e le cellule beta pancreatiche.
  • Dieta. Solo il 30-50% dei gemelli identici ha il diabete mellito di tipo 1 simultaneamente, il che significa che i fattori ambientali influenzano lo sviluppo della malattia. Ad esempio, gli scienziati hanno associato al diabete alcune abitudini alimentari: alto contenuto di nitrati nell'acqua potabile e basso consumo di vitamina D.

Il diabete di tipo 1 può coesistere con altre malattie autoimmuni: malattia di Graves, vitiligine e così via.

Malattie correlate:

Sintomi del diabete di tipo 1

I sintomi clinici del diabete mellito dipendono non solo dal suo tipo, ma anche dalla durata del corso, dalla presenza di complicazioni da cuore, vasi sanguigni, reni, fegato e altri organi e sistemi. In generale, i medici identificano diversi segni caratteristici del diabete di tipo 1:

  • sete intensa;
  • sensazione di fame (anche dopo aver mangiato);
  • bocca secca;
  • nausea e vomito;
  • dolore addominale;
  • minzione frequente;
  • perdita di peso inspiegabile (nonostante il fatto che il paziente mangi regolarmente e non si lamenti di una mancanza di appetito);
  • affaticamento (debolezza);
  • visione offuscata;
  • difficoltà a respirare rumorosamente (respirazione di Kussmaul);
  • infezioni frequenti del sistema urinario, della vagina o della pelle (colpite, vaginite, foruncolosi);
  • sindrome del piede diabetico.

Sintomi pericolosi del diabete di tipo 1 che richiedono cure mediche:

  • dolore addominale;
  • odore di alito fruttato;
  • disturbi respiratori;
  • confusione, tremore;
  • svenimento.

Diagnosi del diabete di tipo 1

Se si sospetta il diabete di tipo 1, il medico considera la presenza di sintomi tipici di iperglicemia: aumento della formazione di urina (poliuria) e sete innaturalmente forte e inestinguibile (polidipsia). Allo stesso tempo, è necessario escludere altre malattie con manifestazioni simili: diabete insipido, insufficienza renale cronica, polidipsia psicogena, iperparatiroidismo e così via.

I livelli di zucchero nel sangue sono testati in condizioni di laboratorio. Il diabete è caratterizzato da un contenuto di glucosio nel plasma sanguigno capillare superiore a 7,0 mmol / l a stomaco vuoto e / o superiore a 11,1 mmol / l 2 ore dopo il test di tolleranza al glucosio.

Se l'iperglicemia è confermata, il medico deve chiarire la forma del diabete. La distinzione tra diabete mellito di tipo 1 e di tipo 2 può essere effettuata mediante il digiuno e post-esercizio degli anticorpi C-peptide e GAD.

Trattamento del diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è insulino-dipendente, ma molte persone con questa forma di malattia vivono a lungo senza sperimentare i sintomi sgradevoli dell'iperglicemia. La chiave per una buona salute è mantenere il livello di zucchero entro il range che il medico determinerà. I pazienti devono controllare regolarmente il livello di glucosio nel sangue, seguire la dieta e l'attività fisica.

Tutti i pazienti con diabete di tipo 1 devono usare iniezioni di insulina per controllare i livelli di zucchero nel sangue. Oggi esistono diversi tipi di insulina, che differiscono nel tasso di insorgenza dell'azione del picco e nella sua durata.

  • L'insulina ad alta velocità inizia a funzionare circa 15 minuti dopo la somministrazione. Raggiunge l'azione massima in circa 1 ora e funziona per 2-4 ore.
  • L'insulina regolare a breve durata d'azione inizia a funzionare entro 30 minuti. Raggiunge un massimo in 2-3 ore e funziona da 3 a 6 ore.
  • L'insulina della durata media dell'azione entra nel sangue entro 2-4 ore, raggiunge un massimo in 4-12 ore e dura fino a 18 ore.
  • L'insulina ad azione prolungata impiegherà diverse ore per entrare nel sangue, ma funziona per circa 24 ore.

Il medico può prescrivere a un paziente due iniezioni al giorno da due diversi tipi di insulina, sebbene il più delle volte i pazienti necessitino di 3-4 iniezioni al giorno.

Sono attualmente in fase di sviluppo metodi sperimentali per il trattamento del diabete di tipo 1:

  • Trapianto di cellule pancreatiche. Il 52% dei pazienti che hanno ricevuto il trapianto di cellule insulari è diventato indipendente dall'insulina, l'88% si è liberato da gravi episodi di ipoglicemia e il livello di zucchero nel sangue rimane entro il range di normalità.
  • Vaccino contro il DNA BHT-3021. L'essenza di questo metodo è di aumentare il livello dei peptidi C nel sangue e ripristinare la funzione delle cellule beta produttrici di insulina.

Come vivono i pazienti con diabete di tipo 1?

L'esercizio dosato è una parte importante del trattamento del diabete di tipo 1. Ma lo sviluppo di un programma di esercizi individuali dovrebbe essere affrontato con molta attenzione, bilanciando la dose di insulina, la quantità e la qualità del cibo e il tipo di attività fisica.

Esercizi ben aiutano a spendere l'apporto di glucosio nelle cellule muscolari. I muscoli rimangono sensibili all'insulina anche 24-48 ore dopo lo sport. Se il paziente sceglie un intenso sforzo fisico, i medici raccomandano di ridurre la dose di insulina di 2-4 unità prima di coricarsi (per evitare l'ipoglicemia notturna).

Il rischio di ipoglicemia dipende non solo dall'intensità e dalla durata dello sforzo fisico, ma anche dal livello individuale di glucosio nel sangue, dal tipo e dalla dose di insulina. È necessario discutere il piano di allenamento con il proprio medico.

La nutrizione per il diabete di tipo 1 dipende dal tipo di insulina utilizzata e dal numero di iniezioni al giorno. Prima di mangiare, è necessario pianificare la quantità di carboidrati digeribili e tenere conto dell'indice glicemico degli alimenti.

Cosa succede senza trattamento: complicanze del diabete di tipo 1

I pazienti che controllano male il diabete di tipo 1 si mettono a rischio di gravi complicanze. Tra loro ci sono:

  • Retinopatia. Questa malattia dell'occhio si verifica nell'80% degli adulti con diabete da 15-20 anni. Per evitare il pericolo, è necessario controllare la glicemia, la pressione sanguigna, il colesterolo e i trigliceridi.
  • Nefropatia. Il danno renale si verifica nel 20-30% dei casi di diabete di tipo 1. Nel tempo, i rischi aumentano. La malattia di solito si sviluppa 15-25 anni dopo l'inizio del diabete. Può portare ad altri seri problemi: insufficienza renale e malattie cardiache.
  • Scarsa circolazione sanguigna e danni ai nervi. Queste complicazioni portano alla perdita di sensibilità e al deterioramento dell'afflusso di sangue alle gambe, aumentano il rischio di lesioni e impediscono la guarigione delle ferite.
  • Encefalopatia. Questo è un danno organico al cervello che porta a cambiamenti mentali e aumenta il rischio di sviluppare depressione.