remissione

La remissione è una fase specifica della malattia quando tutti i segni della malattia iniziano a indebolirsi o a lasciare completamente il corpo umano. Il termine "remissione" deriva dal latino "remissio", che significa riduzione e indebolimento.

Questo processo può manifestarsi in pazienti con un'ampia varietà di malattie croniche. Ci sono remissioni complete e incomplete.

Questi due concetti differiscono nel grado di segni della malattia. La remissione incompleta dura circa 1-3 mesi e nella maggior parte dei casi aggrava la patologia.

La remissione completa ha una durata di 2 mesi e diversi anni. Per entrambi i tipi di remissione, tutti i sintomi della malattia non scompaiono mai. Quando sono pieni, i medici riducono il dosaggio dei farmaci consumati, ma allo stesso tempo prescrivono la terapia di mantenimento.

Classificazione delle remissioni

Si distinguono i seguenti tipi di remissione in oncologia:

  1. Parziale. Lei suggerisce che il processo maligno è ancora nel corpo, ma in piccole quantità. In altre parole, la risposta alla terapia fornita è incompleta. Qui stiamo parlando di cancro, che sono di natura cronica. Il paziente può prendersi una pausa dal trattamento intensivo controllando costantemente la presenza di cellule maligne e mantenendo una condizione generale. La remissione è parziale anche se il tumore è diminuito del 50%.
  2. Completa. La remissione di questo tipo indica che test e diagnostica non rivelano un processo maligno. Qui stiamo parlando di un ritiro completo del cancro. Ma questo non libera il paziente dall'esame necessario, altrimenti sarà possibile perdere una ricaduta. Quando le cellule tumorali ritornano, succederà più di 5 anni. Tenendo conto di queste informazioni, la previsione è determinata per quanto riguarda la durata della vita del paziente oncologico.
  3. Spontanea. Questo tipo di remissione è caratterizzato da un inaspettato miglioramento delle condizioni del paziente o dalla completa guarigione del cancro, anche progressiva. Tali malattie comprendono il cancro del sangue, la leucemia, il melanoma, il linfoma e il cancro al seno. Se parliamo di carcinoma, la remissione spontanea si verifica molto raramente.

oncologia

Il recupero completo e spontaneo si verifica molto raramente. Affinché tutte le misure terapeutiche abbiano l'effetto desiderato, è necessario capire come si forma una malattia maligna e prepararsi a livello psicologico per combattere la malattia in qualsiasi momento.

Ci sono 3 fasi di trattamento del cancro:

  1. Terapia attiva Alcune malattie oncologiche sono diagnosticate al culmine della formazione della malattia o direttamente di fronte ad essa. Il medico elabora un regime di trattamento che può includere i metodi usuali: chirurgia, chemio e radioterapia.
  2. La remissione in oncologia è un periodo durante il quale una neoplasia è ridotta in misura significativa o viene osservata la sua completa scomparsa.
  3. Controllo del processo patologico. Nonostante il fatto che non ci siano segni evidenti di un tumore, è necessario esercitare il massimo sforzo per mantenere lo stato di remissione. Per questo, si raccomanda di sottoporsi a un corso di riabilitazione dopo una terapia aggressiva. Il medico prescrive farmaci di supporto speciale e medicine naturali. Il loro appuntamento ha luogo individualmente. Grazie a questo, è possibile mantenere la malattia in uno stato di completa remissione per un periodo di tempo indefinito.

Per migliorare la prognosi può essere necessaria una terapia complessa. Coinvolge la combinazione di trattamenti tradizionali e ausiliari come agenti mirati, terapia ormonale o effetti biologici.

Tipi di remissione per la leucemia

Per una malattia come la leucemia, esiste una gradazione più accurata della remissione. Ad esempio, nei bambini con diagnosi di "leucemia linfoblastica acuta", la remissione prolungata è molto difficile da distinguere dal recupero completo.

Con una forma clinica e ematologica di remissione, il corpo lascia tutti i sintomi della malattia e la composizione del midollo osseo e del sangue periferico ritorna normale. Se è presente la remissione citogenetica, è impossibile rilevare le cellule cancerose utilizzando il metodo dell'analisi citogenetica.

erpete

Il decorso della malattia è suddiviso in 3 tipi di acciaio: lieve, moderato e grave. Per il corso facile dell'herpes, l'insorgenza di recidive è estremamente rara e la loro durata è breve. Con questa forma di herpes, non più di 4 recidive si sviluppano in un anno. Se consideriamo il corso di moderata gravità, le ricadute si sviluppano fino a 5-6 volte l'anno, e nei casi più gravi, ogni mese.

Secondo il tipo di corso, l'herpes è diviso in arrhythmic, subsiding e monotono. Per un decorso aritmico, le recidive si verificano dopo un lasso di tempo indefinito. E più a lungo è durata la remissione, più a lungo saranno le esacerbazioni.

In un corso monotono, la remissione e le recidive si sostituiscono a vicenda dopo certi periodi, quasi sempre uguali. Ad esempio, se parliamo di herpes mestruale, allora è accompagnato da eruzioni mensili durante le mestruazioni. Per il decorso della malattia, la remissione aumenta gradualmente e la durata delle recidive diminuisce. Potrebbe esserci una completa subsidenza del processo patologico.

La remissione e la sua durata non dipendono sempre dai metodi di terapia usati. Un ruolo importante in questa materia è assegnato all'umore individuale del paziente per la guarigione, la fede nella sua forza e il desiderio di vivere.

Remissione: cos'è e quanto dura

L'altro giorno, l'attrice americana Shannon Doherty (Shannen Doherty), nota per i suoi ruoli nella serie TV "Beverly Hills 90210" e "Charmed", ha annunciato che era in remissione. Dall'agosto 2015, la 46enne Doherty ha lottato con il cancro al seno - ha dovuto sottoporsi a una mastectomia e diversi corsi di chemioterapia. Alla fine di aprile, l'attrice ha pubblicato un post sul suo account Instagram, dove ha detto ai suoi fan e ai fan che gli ultimi test hanno dimostrato che era in remissione.

Che cos'è la remissione e la sua insorgenza significa guarigione completa? In oncologia, la remissione è una condizione in cui un tumore risponde al trattamento, è sotto controllo. La remissione è parziale, in cui è possibile ottenere una significativa riduzione della malignità in termini di dimensioni o riduzione del numero di cellule tumorali nel corpo, e può essere completa - in questo caso, qualsiasi segno di cancro scompare del tutto.

In alcuni casi, l'inizio della remissione completa non è possibile. I pazienti che hanno ottenuto una remissione parziale (questo è osservato, ad esempio, in alcuni linfomi), i medici raccomandano di prendere il cancro come una malattia cronica come il diabete o le malattie cardiovascolari, che richiede terapia, test e test regolari. Un inizio di remissione anche completa, che può durare diverse settimane, mesi o molti anni, non significa guarigione.

Gli studi di controllo confermeranno che la remissione è mantenuta o aiuteranno a identificare la ricorrenza della malattia. All'inizio si svolgono ogni pochi mesi e in seguito sempre meno. Nel caso in cui la remissione duri diversi anni (di solito non meno di cinque), i medici parlano di una guarigione completa, ma molti medici evitano una tale formulazione.

Una recidiva si verifica se le cellule tumorali rimangono nel corpo anche dopo che la terapia è stata completata. È impossibile prevedere se si verificherà una recidiva e quando la malattia tornerà esattamente. Alcune forme di cancro si ripresentano più spesso di altre: dipende dal tipo di tumore e dallo stadio in cui la malattia è stata rilevata e dal trattamento iniziato. Pertanto, il rischio di recidiva in un paziente con carcinoma del colon-retto di stadio 1 è solo del 5%, che è 9 volte inferiore alla probabilità di recidiva in un paziente con stadio 3 del cancro del colon-retto.

In alcuni casi, si osserva una remissione spontanea - il tumore stesso e altri segni della malattia scompaiono da soli senza alcun trattamento. Le informazioni superstiti sul primo caso del genere risalgono al XIII secolo, quando il sarcoma osseo, rinvenuto a Saint Peregrin, scomparve senza lasciare tracce dopo aver subito un'infezione batterica. Nella letteratura medica, il fenomeno della regressione spontanea del cancro è noto anche come sindrome di Peregrine.

Remissione - che cosa è in parole semplici

A proposito di remissione in parole semplici

Tutte le persone sono malate, è parte integrante delle nostre vite. Le malattie acute differiscono da quelle croniche in quanto finiscono in un modo o nell'altro. Ad esempio, prendi la "varicella". Questa è una malattia infettiva acuta che colpisce spesso i bambini in età prescolare. Penso che la maggior parte dei lettori abbia sofferto di questa piaga e se ne sia completamente dimenticata, perché si stava riprendendo. Ma per le malattie croniche caratterizzate solo da un cambiamento dei periodi di esacerbazioni e remissioni.

Il termine stesso di remissione, come la maggior parte dei termini medici, deriva dalla parola latina remissio, che significa diminuzione e indebolimento. Cioè, nel periodo di remissione, il paziente ha una diminuzione e un indebolimento dei sintomi della malattia.

Esistono varie classificazioni di remissione. Ad esempio, allocare la remissione completa e incompleta.

  • La remissione incompleta dura diversi mesi, più spesso da 1 a 3, quindi si verifica un periodo di esacerbazione.
  • La remissione completa, che dura da 2 mesi per anni, consente ai medici di passare al trattamento di supporto di una malattia cronica, riducendo così il carico di droga sul corpo.

Naturalmente, qualsiasi paziente affetto da una malattia cronica vuole prolungare lo stato di remissione il più a lungo possibile, ma la malattia viene esacerbata per vari motivi. I sintomi ritornano o peggiorano, devi cercare aiuto medico e essere trattato fino al prossimo periodo di remissione. Le cause di tali esacerbazioni possono dipendere dal comportamento del paziente e possono insorgere senza una ragione apparente. Cambiamenti delle condizioni meteorologiche, viaggi su lunghe distanze, stress mentale o eccessivo sforzo fisico hanno un effetto provocante. Quindi un paziente con asma sa che la primavera con le piante da fiore provoca una esacerbazione, e un paziente con diabete evita situazioni stressanti, altrimenti rischia un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Una persona che soffre di artrite alle estremità, non andrà alla pista, altrimenti sarà portato avanti da lì sulle sue mani.

esempi

Ad esempio, tutta l'ipertensione conosciuta. Questa è una grave malattia cronica in cui la pressione sanguigna aumenta. La maggior parte dei malati pensa che è necessario prendere la pillola in un corso, cioè un mese - un altro, e quindi è possibile annullarli e vivere come prima. Ma pochi di loro pensano alle terribili complicazioni, come infarto e ictus. Indubbiamente, questi incidenti vascolari non si svilupperanno il giorno seguente dopo il ritiro del farmaco, ma dopo 2-3 mesi senza trattamento, il rischio aumenta significativamente. Se il paziente assumerà dosi di mantenimento di farmaci che gli sono stati prescritti dal medico curante, e non dal vicino o da se stesso, allora è possibile ritardare e persino evitare un infarto e un ictus.

Molto più spesso per ottenere la remissione, sentiamo parlare di malati di cancro. Tutti voi sapete perfettamente che la remissione in tali malattie è molto difficile da raggiungere, e più spesso dovete ammettere la vostra impotenza. La remissione per il cancro può essere di 3 tipi: parziale, completa e spontanea.

  • La cosa più inspiegabile è la remissione spontanea, si verifica nei tumori del sistema ematopoietico (leucemia, linfoma) e nel neuroblastoma. La malattia si attenua da sola, tutti i sintomi scompaiono, così come il tumore stesso.
  • La remissione parziale si verifica dopo il trattamento, quando i sintomi diminuiscono, il tumore si restringe e il paziente può passare un po 'di tempo con la famiglia e acquisire forza per la fase successiva del trattamento. Osserviamo questa remissione più spesso.
  • La remissione completa si verifica quando l'esame non rivela la malattia. Nessun tumore, i test sono normali, rispettivamente, nessun sintomo. Ma questo non avviene in modo indipendente, ma dopo il trattamento. E il paziente ha bisogno di un monitoraggio regolare per 5 anni in modo che il tumore non ritorni.

Un altro esempio

Una malattia comune tra le donne è la colelitiasi. Cos'è? Questa è la presenza di calcoli biliari. Se niente disturba, allora le nostre donne sono felici di indossare queste pietre in se stesse. Questo piacere è temporaneo e dipende dalle dimensioni di queste pietre. La situazione è la prima: piccole pietre. Qualsiasi attività fisica, violazione della dieta, gravidanza può provocare il movimento di queste pietre lungo il dotto biliare, che porterà all'aggravamento. La seconda situazione: pietre o grosse pietre. Questi "ciottoli" mentono da anni e non si muovono, ma possono "sdraiarsi" sul muro della cistifellea. I problemi si presenteranno in entrambi i casi. L'unico modo per ottenere la remissione completa è la chirurgia.

risultati

In ogni caso, se una persona ha una malattia cronica, un atteggiamento psicologico interno è molto importante. Senza fede nelle proprie forze, senza il supporto di parenti e amici, è molto difficile ottenere la remissione anche con il miglior trattamento.

Qual è la remissione nella pancreatite?

La pancreatite cronica in remissione è caratterizzata da una diminuzione dell'intensità dei processi di lesione del pancreas e dall'assenza di segni sintomatici. Questo periodo di per sé non si verifica, per il suo raggiungimento è necessario utilizzare speciali procedure terapeutiche con l'uso di determinati gruppi di farmaci, rimedi popolari, così come l'adesione ad una dieta speciale prima e durante la remissione. Nei materiali di questo articolo daremo uno sguardo più da vicino al periodo di inizio della remissione in caso di pancreatite, quanto tempo ci vuole, che cosa è, i suoi segni, così come i principi di base per mantenere il pancreas per prevenire la recidiva.

Stadio di remissione della pancreatite cronica

La remissione è il lungo periodo di tempo durante il quale il paziente non ha sintomi e segni di una malattia in via di sviluppo.

Il compito principale dei pazienti all'inizio di questo periodo è l'uso di moderni metodi di trattamento preventivo della malattia pancreatica.

La terapia patogenetica è prescritta in assenza di segni di patologia acuta per normalizzare la funzione secretoria dello stomaco, stimolare i processi di rigenerazione nel pancreas ed eliminare anche discinesia nella colecisti e dotti biliari, per i quali è anche prescritta una dieta proteica speciale con quantità ridotte di grassi e carboidrati.

Segni di remissione

Esistono due tipi di periodi di remissione:

  1. Il periodo di remissione completa, caratterizzato dalla completa assenza di segni della malattia.
  2. Il periodo di remissione parziale, in cui rimangono segni sintomatici individuali, ricorda una patologia progressivamente in via di sviluppo.

Il periodo di remissione completa è anche diviso in due sottospecie:

  1. Un periodo persistente caratterizzato da una condizione persistente del paziente e la completa assenza di segni di patologia pancreatica per un periodo di mezzo anno a 3-5 anni.
  2. Un periodo instabile caratterizzato da uno stato instabile e alternata alternanza di periodi di remissione e riacutizzazioni.

Può esserci dolore in questo periodo?

Il periodo di remissione della lesione pancreatica cronica del pancreas è caratterizzato dall'assenza di segni sintomatici, e ciò significa che anche le sensazioni dolorose non infastidiscono le persone per tutta la durata dell'alleviazione della malattia, il che aumenta notevolmente il livello e la qualità della vita delle persone con questa patologia.

Remissione: Stabilità del palco, se sono possibili nuovi attacchi

La lesione pancreatica del pancreas, che ha una forma cronica di sviluppo, si riferisce a una malattia di natura progressiva, il che significa che il periodo di remissione nel tempo può essere sostituito da una esacerbazione della malattia. Come risultato, si sviluppano metamorfismi patologici sotto forma di lesioni diffuse e focali della ghiandola parenchimale.

Dopo un certo periodo di tempo, vi è una sostituzione parziale dei tessuti ghiandolari del pancreas con fibrosi, e il paziente inizia a sentire una diminuzione dell'intensità dei sintomi che appaiono, ma il livello di funzionalità dell'organo interessato sta già diminuendo. Nel corso del tempo, il pancreas cessa completamente di produrre componenti enzimatici pancreatici necessari per garantire i normali processi di digestione degli alimenti.

Va notato che nei casi di patologia pancreatica cronica nella cavità della ghiandola, l'assenza di segni sintomatici e sensazioni dolorose può anche significare lo sviluppo di una complicazione della malattia.

Come entrare nella fase di remissione? Quanto ci vuole?

L'uscita del paziente dallo stadio della forma acuta della patologia pancreatica o dallo stadio di esacerbazione della varietà cronica della malattia deve essere effettuata in un ospedale in una unità di terapia intensiva o chirurgica sotto la stretta guida del medico curante.

La durata del trattamento della patologia acuta dipende direttamente dal grado di danno all'organo parenchimale e dalla presenza di patologie concomitanti. Con l'esacerbazione di una varietà cronica della malattia, potrebbe essere necessario trattare almeno 2-3 giorni per eliminare il dolore acuto, eliminare i processi di intossicazione e completare l'anamnesi. Successivamente, il paziente è dimesso a casa, dove ha bisogno di continuare il trattamento della patologia, secondo lo schema prescritto. Viene prescritta una terapia dietetica obbligatoria, che consiste nel seguire una dieta speciale con una tabella n. 5.

Nella forma acuta di malattia pancreatica, è necessario un lungo periodo di ospedalizzazione, la cui durata può variare da 10 giorni a 2 mesi.

Quando si verifica una remissione stabile, la conformità con l'assunzione dietetica è prescritta per un periodo di 5 anni o più.

Molto importante! In caso di lesioni pancreatiche dell'organo parenchimale, eliminare completamente l'uso di prodotti contenenti alcol.

Modi popolari di mantenere il pancreas durante la remissione

Le seguenti ricette dei guaritori tradizionali aiuteranno a fornire un supporto efficace all'organo parenchimale interessato nel periodo di remissione stabile:

  1. L'uso del metodo più diffuso utilizzando il prodotto dell'apicoltura - miele naturale, contribuendo al miglioramento dell'intensità dei processi di rigenerazione. Il miele è raccomandato per l'uso nella quantità di 5 grammi, o 1 cucchiaino in forma disciolta con latte mezz'ora prima dei pasti.
  2. L'accelerazione del brodo dai fianchi, che ha anche un effetto preventivo sullo sviluppo della patologia colecistica, contribuirà ad accelerare i processi di deflusso biliare. È necessario accettarlo su un bicchiere a pasto.

Non meno efficaci sono le infusioni di erbe curative, come:

  • erba medica;
  • baffi d'oro;
  • calendula;
  • eterna;
  • assenzio;
  • camomilla;
  • aneto e così via.

È importante ricordare che l'eliminazione completa della patologia pancreatica con i rimedi popolari non funziona, ma il loro uso regolare contribuirà ad un aumento del periodo di remissione e ad una diminuzione della frequenza delle esacerbazioni.

Principi della dieta per evitare complicazioni

I principi di dieta in remissione di pancreatite sono come segue:

  • fornire all'organismo tutte le sostanze necessarie;
  • aderenza al metodo termico e chimico di shchazheniya;
  • garantire una nutrizione frazionata;
  • livello massimo di restrizione dei prodotti con il livello aumentato del contenuto di grassi;
  • masticare il cibo accuratamente;
  • prevenire il verificarsi di sovraccarico del funzionamento dell'organo interessato.

La cottura deve essere eseguita stufando, bollendo o cuocendo in forno, la frittura è severamente vietata.

Ma, prima di cucinare qualsiasi piatto, è necessario sapere cosa è permesso mangiare, secondo la dieta in fase di remissione durante la pancreatite, e quali ingredienti dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta.

Elenco di cibi e piatti consigliati

  1. Colture vegetali: varietà colorate di cavoli, patate, carote, zucche e barbabietole.
  2. Colture frutticole: albicocche, mele, prugne, banane.
  3. Latticini: tutti i tipi di prodotti a base di latte fermentato, latte intero e ricotta.
  4. Prodotti da forno: pane secco a base di farina di frumento, cracker a base di pane bianco, maccheroni non più di 2 volte a settimana.
  5. Varietà di cereali: grano saraceno, riso, fiocchi d'avena, semolino e cereali.
  6. Prodotti ittici: varietà a basso contenuto di grassi di carne di pesce in forma bollita o al forno.
  7. Prodotti a base di carne: carne di pollo e tacchino senza pelle, carne di manzo, agnello e coniglio.
  8. Liquido: debole bevanda da tè, composta di frutta secca, succo di frutta e bacche, brodo di rosa canina.
  9. L'importo minimo consentito per utilizzare sciroppi e conserve.

Prodotti proibiti

L'elenco dei prodotti vietati che possono causare pancreatite acuta o fase acuta di patologia cronica includono i seguenti ingredienti:

  • tutti gli alimenti affumicati e in salamoia, nonché cibi in salamoia e cibi piccanti;
  • cibi fritti;
  • cibo in scatola;
  • bevande alcoliche e gassate;
  • succhi, frutta e bacche con un alto livello di acidità;
  • tè e caffè forti;
  • Pane al Borodino;
  • pasticcini e pasticcini;
  • pesce e brodo di carne.

Prevenzione e fisioterapia

Quando si verifica una remissione con pancreatite, si raccomandano esercizi di ginnastica terapeutica.

I compiti principali della terapia fisica sono volti a raggiungere i seguenti risultati:

  • migliorare la circolazione del sangue nel tratto gastrointestinale, che ha un effetto positivo sui processi digestivi;
  • prevenzione del ristagno nel tratto gastrointestinale;
  • normalizzazione del movimento del succo secreto dallo stomaco.

Nella fase di remissione incompleta e completa, sono raccomandati i seguenti tipi di esercizi:

  • ritmo calmo del camminare;
  • fare leggeri movimenti di massaggio sull'addome;
  • esercizi di respirazione dal corso di yoga o esercizi di ginnastica su Strelnikova.

Migliorare significativamente la storia della malattia e prolungare il periodo di remissione aiuterà a riposare nelle condizioni delle località turistiche con la fornitura di procedure mediche.

Non dimenticare che anche in un lungo periodo di remissione con una violazione della dieta e l'uso di prodotti alcolici, può verificarsi una esacerbazione della patologia pancreatica, contribuendo a danneggiare ancora di più l'organo parenchimale.

Remissione in oncologia

Il termine "remissione" è familiare a tutti, ma cosa significa questa parola in medicina? Parlando di questo termine nel concetto medico, intendiamo con esso un certo stadio nel corso della malattia. Parlando in parole semplici, questo è un periodo di malattia in cui i sintomi della malattia diminuiscono in qualche modo o addirittura scompaiono del tutto.

Remissione totale

Questa stessa parola ha radici latine "remissio", che significa "indebolimento, diminuzione". In generale, in medicina, questo termine si riferisce a un tale periodo con una lunga malattia (a volte con una variante cronica del decorso), quando arriva una cessazione completa o semplicemente un sollievo dai sintomi. Questo è lo stato opposto (antonimo) della fase di esacerbazione di qualsiasi malattia. Nel caso di tale "inibizione" dello sviluppo della malattia, tutti i segni e sintomi scompaiono o sono semplicemente vagamente espressi.

Molto spesso, questo concetto si trova in pazienti con cancro o nel trattamento della tossicodipendenza (alcol), ma questo termine è usato anche in altre malattie.

Quando può accadere

La presenza di tale stato è caratteristica di alcuni tipi di malattie, in cui tali periodi sono dovuti alla natura specifica della malattia stessa. Ad esempio, tale condizione può essere osservata con ulcera peptica, alcuni disturbi mentali (sono noti per avere fasi aggravate e calme), alcuni tipi di allergie (a seconda della stagione, fioritura delle piante o altri fattori che contribuiscono alla comparsa della malattia), tubercolosi, malattie oncologiche.

Collezione del monastero di padre George. La composizione di cui è composto da 16 erbe è uno strumento efficace per il trattamento e la prevenzione di varie malattie. Aiuta a rafforzare e ripristinare l'immunità, eliminare le tossine e avere molte altre proprietà utili.

Inoltre, i cicli di mitigazione della malattia possono essere presenti a causa della natura della malattia, ad esempio, nella malaria, l'indebolimento dei sintomi può verificarsi a causa del particolare ciclo di vita che ha il plasmodt della malaria. O questa condizione si verifica a seguito del trattamento (come con il cancro, dopo chemioterapia o altra terapia). Altri casi di "attenuazione" della malattia sono causati da cambiamenti nel corpo che sono stati causati dagli agenti causali della malattia, come nel caso delle reazioni allergiche, per esempio. In assenza di un allergene, c'è un periodo di calma nella malattia, quando compare l'agente causale di allergia, i sintomi e i segni riappaiono.

Tipi di remissione:

Secondo la natura del flusso, è consuetudine distinguere tre tipi:

  • Come risultato del trattamento (dissenteria cronica);
  • Spontanea (urolitiasi);
  • Cyclic (herpetic infection).

Ci sono anche le remissioni in termini di durata:

  1. Completa, caratterizzata dall'assoluta scomparsa dei sintomi della malattia;
  2. Parziale. Con esso, rimangono alcuni sintomi della malattia, ma c'è un indebolimento della malattia, spesso questo si osserva dopo l'esacerbazione della malattia nel suo decorso cronico.

Spesso, il miglioramento temporaneo è sostituito da una nuova ondata (recidiva) della malattia. Ci sono anche molte malattie che non sono completamente guarite. Ad esempio, nel trattamento dell'alcolismo, i medici non usano il termine "sano", ma dicono "in remissione" o "in uno stato di remissione sostenuta", sebbene il paziente venga dimesso dall'ospedale dopo il trattamento in uno stato normale. Ma dal momento che questa malattia può tornare in qualsiasi momento (il paziente può semplicemente "rompere"), stanno parlando del miglioramento temporaneo della condizione.

Anche in oncologia, la remissione completa significa la completa scomparsa di un tumore, e una parziale può solo parlare di una diminuzione della dimensione del tumore.

Durata della condizione di miglioramento della malattia

La durata di una tale condizione può essere di diversi giorni (settimane) - una remissione instabile (o anche parziale) a un paio di anni (persistente), che a volte lascia il posto a una ricaduta della malattia. Quanto dura questa condizione dipende dalla qualità del trattamento ricevuto, dalla malattia stessa, dalla sua fase, dalla resistenza del corpo e dalle condizioni generali del paziente (anche l'umore psicologico del paziente ha senso qui). Soprattutto quando si tratta di alcolismo, tossicodipendenza, ma con una malattia così terribile come l'oncologia, l'umore psicologico non è meno importante.

Remissione in oncologia

I casi più frequenti di indebolimento della malattia erano nel trattamento dell'oncologia. Si ritiene che non sia possibile curare completamente il cancro, pertanto un periodo positivo di trattamento (intervento chirurgico o trattamento terapeutico) può essere considerato come un periodo prolungato di debilitazione con esami regolari obbligatori per il rilevamento tempestivo di una recidiva. Se la recidiva non seguiva cinque anni dopo l'inizio dell'attenuazione della malattia, i medici possono accertare il completo recupero del paziente (completa remissione). Ma alcuni tipi di cancro hanno presentato sorprese sotto forma di cura inaspettata, anche con tumori avanzati nelle fasi finali. Il più delle volte tali casi erano nel cancro del sangue, neuroblastoma, cancro al seno, melanoma, questo è stato osservato nel 22% dei casi.

Lo stato di remissione in un paziente con una diagnosi di cancro può essere sostituito da una recidiva della malattia, pertanto, spesso i pazienti e durante i periodi di indebolimento della malattia sono costretti a sottoporsi a terapia di supporto per arrestare l'esacerbazione della malattia.

Se si è verificata una remissione completa, allora possiamo supporre che la probabilità di una ricorrenza della malattia in una persona simile sia la stessa di una persona che non ha mai avuto questa malattia. Remissione parziale (incompleta) - coinvolge il processo quando alcuni dei sintomi della malattia persistono, anche se in una forma debolmente espressa.

Tipi di remissione per la leucemia

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie parassitarie e infettive sono la causa della morte in oltre 16 milioni di persone che muoiono nel mondo ogni anno. In particolare, il batterio Helicobacter Pylori si trova in quasi il 90% dei casi di diagnosi di cancro gastrico. Da questo è facile proteggersi con.

In alcune malattie, esiste una gradazione più accurata degli stati di inibizione della malattia. Ad esempio, nei bambini con leucemia linfoblastica acuta, la remissione prolungata è abbastanza difficile da essere completamente diversa dal pieno recupero. Con la forma clinica ed ematologica, le manifestazioni cliniche della malattia scompaiono completamente, la composizione del midollo osseo e del sangue periferico ritorna normale. Nella forma citogenica, le cellule tumorali non vengono rilevate nemmeno nel metodo di analisi citogenetica. Quando si utilizza l'analisi genetica molecolare anche non si riscontrano segni di cellule tumorali.

Che cosa significa la remissione spontanea

Il tipo più raro di remissione in oncologia è spontaneo. Questa specie è considerata la meno studiata e persino misteriosa, dal momento che quando si inserisce, i segni di laboratorio dell'anomalia e i primi sintomi della malattia scompaiono in un paziente malato di cancro in modo misterioso. Naturalmente, questo fenomeno è molto raro (quando si osserva una regressione del cancro), ma i suoi casi sono stati documentati in medicina. Gli scienziati stanno cercando di capire cosa potrebbe causare l'autoguarigione del corpo in questo caso e spingere per una completa regressione della malattia. E ciò che ha scatenato un attacco immunitario alle cellule tumorali. Ma queste domande rimangono senza risposta. Bene, per i malati di cancro, questo è letteralmente un miracolo di guarigione.

Cosa può causare la remissione in caso di oncologia?

Gli scienziati che hanno studiato l'insorgenza della remissione spontanea suggeriscono che ciò è possibile con uno speciale atteggiamento psicologico del paziente. L'atteggiamento verso la sua malattia, non come qualcosa di terribile e inevitabile, ma piuttosto come un processo in corso, attiva le capacità nascoste del corpo per una remissione spontanea di successo.

Le infezioni batteriche acute (streptococco, stafilococco), che erano accompagnate da fame e febbre, sono state trasferite anche al malato di cancro, e talvolta potevano anche spingere il corpo all'esordio di un attacco immunitario e alla completa remissione che lo seguiva.

Quindi quale conclusione si può trarre da questo? Tale attenuazione è lo sviluppo della malattia - è una pausa prima della tempesta o una completa liberazione dalla malattia? In ogni caso, ci possono essere risposte diverse. Ma non dovresti mai dimenticare che questa guarigione dipende non solo dalla professionalità del medico, ma anche dal credere nella tua forza, dal tuo desiderio di sconfiggere la malattia una volta per tutte.

Domanda risposta

Ho sentito parlare del concetto di "remissione", ma cosa significa "sotto-missione" e "intervallo"? Questa non è la stessa cosa?

Se la remissione significa un indebolimento o una malattia temporanea, allora la sub-emissività significa che non c'è esacerbazione, ma le condizioni del paziente sono instabili. E intermissione significa "ritardo, termine". Esiste una linea piuttosto sottile tra questo concetto e la remissione, ma è sottinteso che un paziente con intermissione può sperimentare un attacco della malattia. Spesso questo concetto si applica specificamente ai pazienti mentali.

Può esserci una remissione prolungata nel carcinoma polmonare a piccole cellule o addirittura una cura completa per questo?

Con questo tipo di malattia polmonare, la remissione a lungo termine ha una probabilità molto bassa: la sopravvivenza a cinque anni rappresenta circa il 3% del numero totale di pazienti affetti da questo tipo di cancro.

remissione

La remissione è un indebolimento temporaneo (remissione incompleta) o scomparsa (completa remissione) dei sintomi come una regola di una malattia incurabile. Le remissioni sono caratteristiche delle malattie croniche, spesso procedendo ciclicamente. Sono osservate nel cancro, nella malaria, nell'ulcera peptica, nell'anemia di Addison-Birmer e in altre malattie e possono essere spiegate sia dalla resistenza temporanea delle difese del corpo sia dalle caratteristiche della malattia quando il cambiamento di fase è accompagnato dalla temporanea scomparsa dei fenomeni dolorosi. Il termine è comunemente usato per riferirsi all'assenza di manifestazioni di attività cancerosa o di malattia infiammatoria intestinale, quando si prevede che queste malattie si manifesteranno nuovamente in futuro. Rallentare la crescita del cancro del 50 percento o più può essere chiamato remissione incompleta. La remissione completa è definita come la completa scomparsa di tutte le manifestazioni della malattia.

Tuttavia, la remissione non può essere considerata come un ritorno a uno stato di salute completa. La durata della remissione da diversi giorni a diversi anni e persino decenni (con malattie mentali, malattie del sangue). In questi ultimi casi, possono creare una falsa impressione di recupero.

Remissione (da Lat. Remissio - riduzione, indebolimento) - un temporaneo indebolimento o scomparsa dei sintomi della malattia. La presenza di remissione è tipica per il corso di un certo numero di malattie - ulcera peptica, malaria, alcune malattie infettive, anemia di Addison - Birmer et al. La remissione è particolarmente caratteristica di un certo numero di malattie mentali in cui a volte è molto persistente (dura per molti anni e persino decenni) creando una falsa impressione di recupero. Tuttavia, la remissione è spesso molto più breve (settimane, mesi). Ci sono remissioni complete (la scomparsa di tutti i sintomi della malattia) e incomplete (attenuazione dei sintomi della malattia).

TUTTO SU DI MEDICINA

Cos'è la remissione

La remissione è un periodo di malattia cronica, manifestata dalla scomparsa o da un significativo indebolimento dei suoi sintomi.

Significato della remissione

La parola "remissione" dal latino (remissio) significa "indebolimento, diminuzione". In parole povere, la remissione è una diminuzione o scomparsa dei segni della malattia.

Le remissioni possono avvenire spontaneamente (ad esempio con urolitiasi); a causa del decorso ciclico della malattia (malattia ricorrente, psicosi maniaco-depressiva, malaria); come risultato del trattamento (dissenteria cronica, schizofrenia).

Quanto a lungo può durare la remissione

La remissione è parziale o completa. Con parziale alcuni dei sintomi della malattia persistono, con una completa scomparsa dei segni della malattia, che sono determinati nel corso di studi standard di laboratorio. Le remissioni parziali possono essere rapidamente sostituite da nuove esacerbazioni (recidive) della malattia e la remissione completa può continuare per diversi mesi e anni (ad esempio con linfogranulematoz). A volte, con remissioni complete, alcuni segni della malattia possono persistere (ad esempio, anomalie cromosomiche nella leucemia), quindi, nella maggior parte dei casi, la terapia di mantenimento continua. In altri casi, le remissioni complete perenni sono praticamente indistinguibili dal recupero (ad esempio nei bambini con leucemia linfoblastica acuta).

In relazione ai tossicodipendenti, il termine "remissione" viene usato quando smettono di usare droghe o riducono la frequenza del loro uso.

Per le leucemie, si distinguono le seguenti remissioni:

• Remissione molecolare - una condizione in cui le cellule tumorali non possono essere rilevate con metodi sensibili di analisi genetica molecolare.

• Remissione citogenetica - una condizione in cui viene raggiunta la remissione ematologico-clinica completa e le cellule tumorali non possono essere rilevate utilizzando l'analisi citogenetica.

• Rimozione ematologico-clinica - una condizione in cui i segni clinici della malattia scompaiono e la composizione del sangue periferico e del midollo osseo è normalizzata e non vi sono focolai di malattia al di fuori del midollo osseo (come la neuroleucemia).

Nell'alcolismo, il termine "remissione" è usato quando un alcolizzato non beve alcool per più di un mese.

Remissione sostenuta

Se inizi a curare la malattia il prima possibile, puoi ottenere la remissione più stabile. La remissione sostenuta è caratterizzata da un lungo decorso e da una significativa riduzione o scomparsa di tutti i segni della malattia.

Modelli di malattie croniche. Cos'è la remissione della malattia?

La maggior parte delle malattie oggi viene trattata con successo chirurgicamente o attraverso l'uso di farmaci farmacologici. Tale trattamento è soggetto a patologie acute e croniche, in cui si verifica un periodo di remissione. Ma cos'è la remissione della malattia e come capire il suo vero significato? Questo termine si riferisce alla diminuzione delle manifestazioni attive della malattia, la sua traduzione in una forma cronica lenta che può essere controllata.

La remissione non è una cura completa per la patologia. Questo è un esempio del suo flusso controllato, non pericoloso per la vita del paziente. La remissione è un corso di malattia cronica in cui mancano le principali manifestazioni cliniche. Nonostante questo, la diagnosi non può essere ignorata in alcun modo, e tale paziente deve costantemente monitorare le proprie condizioni e conformarsi alle raccomandazioni mediche.

Aggravamento e remissione

Per capire le caratteristiche del decorso di alcune malattie, è necessario capire quale sia la remissione della malattia e la sua esacerbazione. L'esacerbazione o il decorso acuto della malattia è chiamato un tipo di manifestazione della malattia, in cui vi sono i suoi sintomi specifici. Questa è la fase attiva nel processo patologico associato alla presenza di dolore, febbre o danno. Alcune malattie dopo il sollievo del periodo acuto sono completamente eliminate, ad esempio, le malattie infettive.

L'esempio inverso è la caratteristica del decorso cronico di una malattia infettiva come la tubercolosi. Può manifestarsi cronicamente, raggiungendo la remissione o acutamente, accompagnato da alcuni sintomi e spesso dalla secrezione batteriologica. La remissione della tubercolosi è indicata nel caso di eliminazione completa dell'escrezione batterica e cessazione del danno attivo al tessuto polmonare. Quindi tutti i sintomi saranno assenti, che è tipico per il periodo di remissione della malattia. Ma al fine di ridurre la probabilità di esacerbazione della tubercolosi, le condizioni del paziente vengono costantemente controllate.

Asma bronchiale cronico

Un esempio simile si verifica nel caso di asma bronchiale e BPCO, per i quali è caratteristico un decorso cronico permanente. Nelle prime fasi, possono non avere manifestazioni attive associate a insufficienza respiratoria. Questo è chiamato remissione della malattia. In caso di sintomi di insufficienza respiratoria, come i segni di asfissia, si parla di esacerbazione della malattia. In questo caso, l'obiettivo principale del trattamento dell'asma e della BPCO è quello di ottenere la remissione, ovvero la nomina di una combinazione di farmaci, con l'uso costante dei quali non vi sono sintomi di insufficienza respiratoria e soffocamento.

Per ulcere dello stomaco e del duodeno 12

Nella pratica clinica moderna, il termine ulcera peptica è completamente assente. Invece, viene utilizzata una nosologia speciale: un'ulcera gastrica o un'ulcera duodenale. Ma solo il precedente concetto sovietico di ulcera peptica riflette in dettaglio la sua essenza. Questa è una patologia cronica associata alla formazione di difetti della membrana mucosa dello stomaco o del duodeno sotto l'influenza di alcuni fattori di rischio.

Poiché i fattori che provocano l'ulcera colpiscono quasi costantemente, è necessario adottare la seguente tesi: l'ulcera peptica è una malattia cronica con periodi di esacerbazione e remissione. Una esacerbazione è la formazione di un nuovo danno alla membrana mucosa nel sito di un'ulcera precedente o in un nuovo sito della membrana mucosa. Ma cos'è la remissione della malattia?

Con questo si intende il processo di attenuare i sintomi di un'ulcera dopo la sua epitelizzazione. Cioè, la chiusura del danno ulcerativo con nuovo epitelio. Quando l'ulcera viene "stretta" dalla cicatrice, inizia la remissione dell'ulcera peptica. È un decorso inattivo della malattia? e nel caso di una riacutizzazione, la probabilità che un difetto appaia nello stesso luogo è molto alta a causa di disturbi alimentari dell'epitelio nell'area della deformità della cicatrice. Pertanto, la malattia da ulcera peptica in fase di remissione richiede la conformità con il regime dietetico e le raccomandazioni del medico, nonché la cessazione dell'abitudine al fumo.

Il corso del cancro

Una delle malattie croniche più pericolose è oncologica. Questo è un gruppo di patologie associate alla crescita di neoplasie maligne o benigne. E qui non è appropriato parlare di aggravamento. Un tal concetto è assente in oncologia, il termine ricaduta è invece usato. Questa è una crescita tumorale ripetuta nello stesso punto in cui il tumore primitivo è stato precedentemente rimosso chirurgicamente.

Remissione in pratica di oncologia

Qual è la remissione della malattia nella pratica oncologica? Questo termine si riferisce a un processo in cui non ci sono segni di nuova crescita del tumore. In oncoematologia, la remissione implica uno stadio di trattamento in cui nuove cellule esplosive sono presenti nel sangue in quantità accettabili dopo il sollievo di una crisi. La remissione in oncologia è un esempio di un tale corso di patologia tumorale, in cui il suo decorso e la crescita delle neoplasie sono completamente controllati.

Durante questo periodo, il paziente non è in pericolo fino al momento di esacerbazione. Riconoscere questo processo dovrebbe essere il più presto possibile, non permettendo le sue manifestazioni attive. E poiché ogni paziente con cancro deve costantemente frequentare sessioni di diagnostica strumentale, controlla gli indicatori di specifici marcatori tumorali.

Caratteristiche della gastrite cronica in remissione

Secondo le statistiche mediche, circa l'80% di tutte le persone nel mondo soffre di gastrite cronica e negli ultimi anni la malattia è diventata "più giovane" - sempre più giovani, adolescenti e bambini si rivolgono a gastroenterologi con disturbi del mal di stomaco. La gastrite cronica può manifestarsi in 2 fasi: aggravamento e remissione. Quali sono le fasi, come si manifesta la remissione della gastrite cronica e perché si può verificare una esacerbazione della malattia, leggi l'articolo.

Caratteristiche della gastrite cronica

La gastrite cronica è preceduta da una forma acuta della malattia. La gastrite acuta è una malattia infiammatoria dello stomaco, che è caratterizzata dalla violazione del funzionamento del corpo. La malattia si sviluppa più spesso sullo sfondo di malnutrizione e infezione da parte del batterio Helicobacter pylori.

Senza trattamento, la malattia acuta diventa cronica. Questa è una patologia di lunga durata, caratterizzata da fasi acute e di remissione. Nella classificazione internazionale delle malattie, alla gastrite cronica superficiale viene assegnato un codice K29.3, altre forme croniche - K29.6.

Remissione e aggravamento: caratteristiche delle fasi

Dalla parola latina "remissio" è tradotto come "riduzione". Il periodo di remissione è caratterizzato da una diminuzione o completa eliminazione dei sintomi della malattia. Ci sono remissioni complete e incomplete. Nel primo caso, i sintomi della malattia scompaiono completamente, la persona è effettivamente guarita dalla malattia, nulla lo infastidisce. Nel secondo caso, alcuni sintomi persistono, ma la loro intensità è debole, praticamente non causano disagio alla persona. Lo stadio di remissione è anche chiamato la forma inattiva della malattia.

Questo stadio della malattia può richiedere molto tempo, fino a diversi anni. Ma per questo, il paziente deve rispettare tutte le raccomandazioni del medico ed evitare errori nell'alimentazione. In qualsiasi momento, la forma inattiva può andare nella fase acuta.

In termini di sintomi, l'esacerbazione è simile alla forma acuta della malattia. Una persona soffre di mal di stomaco, nausea e vomito, feci anormali e altri sintomi dispeptici. Con l'esacerbazione della malattia viene eseguita una terapia complessa, il cui scopo è ottenere la remissione.

Come si manifesta la fase di remissione?

La gastrite cronica nella fase inattiva ha caratteristiche che vengono determinate durante la gastroscopia:

  • la mucosa gastrica è ispessita (se la remissione è completa, la mucosa sembra sana);
  • cambiamenti distrofici dello strato di copertura difficilmente rilevabili;
  • il tessuto epiteliale è ricoperto da uno strato mucoso;
  • la secrezione di succo gastrico non è ridotta;
  • i nuclei hanno dimensioni maggiori, ipercromiche;
  • la quantità di RNA aumenta.

Raccomandiamo di sapere perché potrebbe esserci una sensazione di bruciore nello stomaco.

Di cosa hai bisogno per fare la gastrite in una forma inattiva?

Affinché la gastrite cronica diventi inattiva, viene eseguita la cura di una malattia acuta. I farmaci e la terapia dietetica svolgono un ruolo chiave nella terapia. È anche importante seguire le regole dell'igiene personale, abbandonare le cattive abitudini (smettere di fumare e non assumere alcol), eliminare il fattore di stress, ridurre lo stress fisico ed emotivo.

La terapia farmacologica prevede l'assunzione di diversi gruppi di farmaci che normalizzano la condizione della mucosa gastrica, alleviano l'infiammazione, eliminano i sintomi dispeptici e migliorano la digestione. Se la gastrite ha una natura infettiva, vengono prescritte combinazioni di antibiotici per uccidere l'infezione da Helicobacter pylori nello stomaco.

È importante! La terapia farmacologica può anche essere richiesta nella fase di remissione della malattia. È incaricata di prevenire le esacerbazioni e migliorare il benessere generale del paziente. La necessità di farmaci è determinata dal tipo di malattia, ad esempio, nella gastrite cronica atrofica in remissione, sostituzione e farmaci stimolanti sono necessari.

La terapia dietetica è una condizione importante per sbarazzarsi della malattia. Il paziente deve abbandonare molti dei soliti prodotti, ricostruire la dieta, cambiare l'atteggiamento nei confronti del cibo. L'eccesso di cibo è sicuramente escluso, i pasti sono spesso fatti in piccole porzioni. Ciò impedisce carichi elevati sul tratto gastrointestinale, il che rende possibile ridurre il processo infiammatorio sulla mucosa.

La dieta ha lo scopo di proteggere lo stomaco da sostanze irritanti meccaniche, chimiche e termiche, che sono cibi piccanti, acidi, grassi, affumicati, salati, troppo caldi, freddi e duri. Nel menu di un paziente con gastrite, vengono introdotti piatti semi-liquidi, pastosi e pastosi.

L'uso di succhi di frutta, soda, caffè e tè forte, bevande energetiche è vietato. Delle bevande consentivano l'uso di tè nero a base di erbe, verde, debole, acqua senza gas, baci, composte.

Con lo sviluppo di esacerbazioni e con lo stadio acuto della malattia nei primi 2-3 giorni si raccomanda di osservare il digiuno. Questo elimina un forte dolore allo stomaco e aiuta a migliorare il benessere del paziente.

Ti consigliamo di scoprire perché non puoi mangiare i semi durante la gastrite.

Scopri cosa mostra un'ecografia addominale e come viene eseguita.

Come prevenire l'aggravamento?

Affinché la gastrite cronica rimanga in una forma inattiva il più a lungo possibile, e i sintomi sgradevoli non riappaiono, è importante seguire tutte le raccomandazioni del medico curante. Con la loro ignoranza e anche lievi imperfezioni nella dieta, può iniziare una esacerbazione della malattia.

È possibile prevenire l'esacerbazione conducendo uno stile di vita sano e seguendo una dieta. Uno stile di vita sano significa:

  • disponibilità del regime giornaliero;
  • l'assenza di cattive abitudini (fumare, bere alcolici);
  • regolari esami preventivi da parte di specialisti;
  • trattamento tempestivo delle malattie esistenti;
  • attività fisica moderata regolare;
  • senza stress.

I medici raccomandano l'igiene orale dal dentista, poiché le malattie dentali possono provocare malattie del tratto gastrointestinale. Per le persone con patologia gastroenterologica, è importante effettuare periodicamente l'esame endoscopico dello stomaco per monitorare la condizione della mucosa dell'organo.

Cos'è la remissione?

Remissione - una parola di origine latina - da remissio - riduzione, indebolimento.

La remissione è un miglioramento temporaneo delle condizioni del paziente (umano o animale). La remissione blocca lo sviluppo della malattia, attenua il dolore e rallenta la progressione delle malattie croniche. Remissione o rallentamento o arresto temporaneo del decorso della malattia, fino alla completa scomparsa dei sintomi caratteristici.

La remissione può verificarsi a seguito di diagnosi e trattamenti efficaci, cambiamenti climatici e stato mentale di una persona debitamente stabiliti.

La remissione può durare anni, ma non garantisce l'assenza di una ricaduta. La remissione non è un recupero completo.

Remissione - un termine in medicina usato nella classificazione delle malattie e inteso a determinare le dinamiche del processo patologico.

Nel periodo di remissione, le manifestazioni della malattia sono ridotte, sia clinicamente (da lamentele e sintomi), sia da criteri di laboratorio e studi strumentali. Ad esempio: nell'asma bronchiale, la spirografia migliora, nella IHD, i cambiamenti di ecocardiografia sono migliorati: aumenta EF (frazione di eiezione), in leucemia, gli indicatori di puntura di midollo osseo. Ma la malattia stessa è incurabile.

La remissione è persistente o instabile o stabile e instabile. A volte la malattia scorre senza remissione: un corso continuo e recidivante.