Come capire cosa fa male al fegato: segni e sintomi

Il fegato è uno dei principali organi che sostengono la vita del corpo umano. Filtra tutte le scorie, tossine, cibo spazzatura, alcol, droghe, veleni, sostanze chimiche. Il fegato è il nostro filtro, che non lascia entrare nel corpo tutte le sostanze nocive e i veleni con cui lo avveleniamo. Possiamo dire che il fegato è molto più intelligente dell'uomo stesso. Avveleniamo il corpo e lo protegge. Ma sotto la potente influenza di fattori negativi e il fegato non può sopportare. La cosa brutta è che il fegato non fa male e non punge: non ci sono semplicemente terminazioni nervose nel suo corpo. Veniamo a conoscenza del cattivo stato del fegato piuttosto tardi, quando è già in una fase dolorosa.

Ciò che colpisce il fegato

Malattia epatica e aumento dello stress su questo organo possono essere scatenati dai seguenti fattori.

  1. Un gran numero di droghe. Spesso questo accade in pazienti con malattie croniche. Ogni giorno assumono potenti farmaci che supportano la salute dell'organo malato. Ma allo stesso tempo dà un carico potente sul lavoro del fegato. A proposito, i contraccettivi orali, che sono spesso presi per anni, possono dare una tale reazione.

Queste sono le principali condizioni che possono causare malattie del fegato. Ma come capire che il fegato funziona in modalità freelance? Come riconoscere la sua condizione dolorosa?

Come capire cosa fa male al fegato

Ecco i principali sintomi che possono parlare dei problemi nel lavoro di questo corpo.

  1. Frequente eruttazione con un odore sgradevole, bruciore di stomaco.
  2. I dolori doloranti nella parte destra, la sensazione di pesantezza e sovraffollamento. Il dolore può essere sia periodico che minore e acuto. Soprattutto il dolore si manifesta dopo l'ingestione di cibi grassi e salati.
  3. Se il fegato è compromesso, possono verificarsi prurito, arrossamento ed eruzioni cutanee. Anche dall'eccesso di bile possono apparire macchie di wen e pigmento.
  4. Un eccesso di bile dà un chiaro sapore amaro in bocca.
  5. Sulla lingua può apparire una patina bianca o gialla.
  6. Nelle malattie del fegato, l'urina diventa scura, intensamente gialla, le feci possono diventare incolori.
  7. Modifica delle condizioni generali dell'uomo. Diventa letargico, si sente stanco anche dopo il riposo e appaiono sonnolenza e irritabilità. Il paziente spesso soffre di perdita di appetito, il sonno è disturbato, perde peso. A volte è accompagnato da sudori notturni.
  8. In caso di gravi malattie del fegato, la sclera e la pelle diventano gialle.
  9. Le malattie del fegato sono spesso accompagnate da un disturbo dell'apparato digerente - compaiono costipazione o diarrea, gonfiore, flatulenza, nausea e persino vomito.
  10. Nelle donne, i problemi al fegato spesso portano a disturbi mestruali. Negli uomini, questo è accompagnato da una perdita di potenza.
  11. I problemi al fegato riducono l'immunità, una persona comincia a sentirsi male spesso e per molto tempo.
  12. Tali segni esterni possono apparire, come il deterioramento di capelli e unghie.
  13. Se un processo infiammatorio ha luogo nel fegato, è spesso accompagnato da febbre.

A volte il fegato fa del male assolutamente asintomatico, e riconoscere la sua condizione è possibile solo mediante ultrasuoni e analisi. Ma accade anche che il dolore nell'ipocondrio destro e tutti i sintomi caratteristici non indichino la malattia del fegato stesso, ma malfunzionamenti nel lavoro degli organi vicini, ad esempio la cistifellea. L'auto-trattamento e l'autodiagnosi in questo caso non sono altamente raccomandati e potrebbero persino essere pericolosi. Se non si vede un medico in tempo, i sintomi possono diventare confusi o andare via del tutto. Ma questo non significa che il processo infiammatorio si sia fermato. A volte l'inazione può portare a cirrosi epatica, oncologia e distrofia grassa. Visita il tuo medico in modo tempestivo per identificare la diagnosi e prendere un trattamento adeguato. Ma quali malattie possono indicare una scarsa funzionalità epatica?

Quali malattie feriscono il fegato

Spesso, il fegato subisce il primo colpo se virus e batteri dannosi entrano nel corpo. Il fegato può essere malato con le seguenti malattie.

  1. Mononucleosi. Questa è una malattia virale causata dal virus Epstein-Barr. La mononucleosi è caratterizzata da gola purulenta, come il mal di gola follicolare, un aumento dei linfonodi e un rash è possibile. Il virus ha anche un forte effetto sul fegato - cresce di dimensioni.
  2. Epatite. L'epatite può essere virale, batterica, radiante, tossica e autoimmune. L'epatite virale da A a G è la malattia più nota che sconvolge il funzionamento del fegato, sostituendo le sue cellule con depositi di sale e calcio. L'epatite batterica si verifica quando la sifilide, le radiazioni - a causa di alte dosi di radiazioni, autoimmuni - quando gli anticorpi vengono prodotti sulle proprie cellule epatiche. L'epatite tossica si verifica a causa di avvelenamento da alcol, droghe o veleni. L'epatite si manifesta con sintomi simil-influenzali: sonnolenza, debolezza, perdita di appetito, vomito, ecc.
  3. Parassiti. Vari parassiti nel corpo umano vivono non solo nell'intestino. Possono essere localizzati nel fegato, restringendo le pareti dei vasi sanguigni e irritando le terminazioni nervose della membrana epatica, il che porta a disagio, dolore e pesantezza.
  4. Cisti del dotto biliare, policistico. Spesso queste malattie si verificano senza sintomi. La cisti si trova semplicemente nei tessuti, senza inconvenienti. Le cisti si formano nel periodo prenatale. Se la cisti inizia a crescere, può portare a sensazioni dolorose. È molto importante consultare un medico in tempo utile per evitare una rottura, dopo di che può iniziare il sanguinamento.

Questo non è un elenco completo di malattie in cui il dolore del fegato è il sintomo principale. La diagnosi corretta può fare solo un medico.

La complessità del trattamento del fegato sta nel fatto che questo organo non si fa sentire, anche se ha problemi seri con esso. Ma è in nostro potere ascoltare il tuo corpo e non essere pigro per consultare un medico. Dopotutto, con una diagnosi tempestiva, il numero schiacciante di malattie può essere trattato rapidamente e senza conseguenze.

Dove e in che modo il fegato fa male e cosa fare per il trattamento?

Lo stile di vita non salutare e la dieta non sana sono i principali fattori che causano malattie degli organi interni. Pertanto, nell'ufficio di un gastroenterologo o di un epatologo, i pazienti sono sempre più interessati a cosa fare se il fegato fa male e come trattare i disturbi associati alla sua sconfitta? La risposta corretta a questa domanda può essere ottenuta solo dopo un esame completo e un chiarimento della diagnosi.

Il fatto è che di per sé il fegato non può ferire. La struttura di questo corpo non ha semplicemente terminazioni nervose responsabili del verificarsi del dolore. Ma tali punti di dolore sono concentrati in gran numero nella membrana fibrosa del fegato (capsula del glisson), con una pressione su quali dolori caratteristici sorgono nel giusto ipocondrio. Scopriamo dove si trova il fegato e come fa male in varie condizioni patologiche, quali sono le cause del suo danno e quali sono i metodi di trattamento.

Può il fegato ferire?

Il fegato è l'organo interno più importante che funge da filtro, pulendo il sangue dalle sostanze tossiche, dai veleni e da altre sostanze nocive. È la più grande ghiandola del corpo umano, che è direttamente coinvolta nel metabolismo delle proteine, dei grassi e dei carboidrati, è responsabile della disintossicazione, del sangue, della digestione e dell'escrezione.

Senza questo organo, il corpo umano non può funzionare. Pertanto, la natura si è presa cura della sua protezione e dotata di capacità veramente uniche per la rigenerazione e l'auto-guarigione. Ci sono casi in cui, con la perdita del 70% del tessuto epatico, una persona ha tutte le possibilità di sopravvivenza, perché nel tempo l'organo è stato ripristinato e ha continuato a funzionare.

Allo stesso tempo, questa ghiandola presenta un grave inconveniente, vale a dire l'assenza di terminazioni nervose. Pertanto, il dolore grave si verifica solo quando si estende la capsula del fegato, che è solo un sacco di fibre nervose. Ma tali sintomi si verificano solo con lesioni gravi (epatite, cirrosi, tumori), quando il processo patologico è già andato troppo oltre e il fegato gonfio inizia a esercitare pressione sulla membrana. In altri casi, la sindrome del dolore è lieve e molti semplicemente non prestano attenzione al solito malessere e non vedono un motivo per andare dal medico.

Il fegato è un organo molto "silenzioso" che raramente si fa sentire dolore nelle prime fasi della malattia. Ma ancora, ci sono alcuni segni caratteristici che indicano problemi e forza per cercare aiuto medico. Spesso, le patologie epatiche sono direttamente correlate alle malattie degli organi vicini (pancreas, cistifellea).

Quindi la sindrome del dolore diventa più pronunciata e l'esame consente di effettuare una diagnosi corretta e tempestiva. Pertanto, è necessario essere più attenti alla propria salute, sapere dove fa male il fegato di una persona, quali segni mostrano le sue condizioni patologiche e quali sono le cause della più importante ghiandola del corpo.

Perché il fegato fa male?

Ci sono molti fattori che possono portare all'interruzione del fegato. Possono essere divisi in due gruppi:

Dolore provocante condizioni:

  • Allenamento sportivo intenso con tecniche di respirazione impropria o esecuzione di un intenso lavoro fisico dopo uno spuntino stretto può essere accompagnato da dolore sordo e dolente nella parte destra. Ciò è dovuto al fatto che i carichi aumentati accelerano la circolazione del sangue, in conseguenza del quale il ferro trabocca di sangue e preme contro il guscio della capsula, causando sensazioni dolorose.
  • Uno stile di vita sedentario (ipodynamia) provoca congestione nella cistifellea e porta alla rottura del deflusso della bile, che minaccia la formazione di calcoli e provoca coliche epatiche. Pertanto, se fa male nella zona del fegato, dovrebbe essere esaminato il più presto possibile e determinare la causa di questa condizione.
  • Dieta sbagliata con una predominanza di cibi grassi o piccanti, aderenza a diete severe, abuso di alcool - tutto ciò influenza negativamente lo stato del fegato e provoca dolore nell'ipocondrio destro.

Malattie che causano dolore al fegato:

  1. Intossicazione cronica e acuta del corpo. Questo è avvelenamento da alcol, veleni di origine vegetale o animale, sali di metalli pesanti, pesticidi, fenoli, uso a lungo termine e incontrollato di farmaci che hanno un effetto tossico sul fegato.
  2. Infezioni virali o batteriche (mononucleosi, epatite virale).
  3. Malattie acute o croniche degli organi digestivi (colecistite, discinesia biliare, pancreatite, ecc.).
  4. Disturbi metabolici, provocando obesità al fegato.
  5. Malattie autoimmuni
  6. Patologie genetiche (congenite).
  7. Infezioni parassitarie (giardiasi, alveococcosi, echinococcosi).
  8. Processi tumori.

Entrambe queste cause possono causare problemi al fegato e possono portare a gravi malattie come insufficienza renale, epatite, cirrosi o cancro. Pertanto, è molto importante sapere come appaiono i sintomi delle anomalie epatiche al fine di cercare prontamente assistenza medica ed evitare le gravi conseguenze che si presentano nei casi avanzati.

sintomi

Nelle fasi iniziali, i problemi epatici sono difficili da identificare, poiché si manifestano come disturbi non specifici, che la persona media può cancellare come segni di malattie completamente diverse. A cosa devi prestare attenzione e quali sintomi devono allertare e costringere a consultare un medico?

  • debolezza, letargia, irritabilità;
  • mancanza di appetito, perdita gratuita o aumento di peso;
  • affaticamento, mal di testa;
  • diminuzione della capacità lavorativa;
  • gengive sanguinanti, placca sulla lingua;
  • alitosi;
  • la comparsa di edema;
  • insonnia;
  • prurito della pelle.

Questi sintomi indicano lo sviluppo di un processo patologico nel fegato. Il deterioramento del benessere dovuto al fatto che il ferro non può far fronte alle sue funzioni e non può neutralizzare completamente e rimuovere le tossine in entrata, che porta ad avvelenamento del corpo da prodotti di decomposizione. Il sistema nervoso e il cervello sono i primi a soffrire di una rottura del fegato, che causa i disturbi di cui sopra.

Mentre la patologia progredisce ulteriormente, ci sono sintomi più pronunciati associati all'accumulo di bilirubina nel sangue, che porta a un cambiamento nel colore della pelle e nella sclera degli occhi (diventano giallastri). Si ritiene che questo sia un sintomo importante che indica problemi al fegato. In questa fase, ci sono segni più pronunciati della malattia:

  • dolore di natura diversa (tirando, dolorante) nell'ipocondrio destro;
  • un aumento delle dimensioni del fegato;
  • giallo della pelle e dell'occhio sclera;
  • indigestione, disagio e pesantezza nell'addome;
  • nausea, amarezza in bocca;
  • l'aspetto delle vene dei ragni;
  • aumento delle reazioni allergiche;
  • condizioni febbrili (brividi, febbre);
  • cambiamenti nel colore delle urine (diventa più scuro);
  • sbiancamento delle feci.

I dolori che si alzano nell'ipocondrio destro possono essere diversi: opaco, tirante, dolente, acuto. Tutto dipende dalla natura e dalla gravità del processo patologico. Allo stesso tempo, il quadro clinico di come un fegato fa male nelle donne non è praticamente diverso dai sintomi del decorso della malattia negli uomini. Ma nei rappresentanti del sesso più forte, il decorso della malattia può essere accompagnato da disfunzioni sessuali, una diminuzione del numero di spermatozoi e di impotenza. Inoltre, molti uomini soffrono di dipendenza da alcol, che molto spesso causa cirrosi.

Come fa male il fegato - i sintomi negli uomini e nelle donne sono generalmente gli stessi. Ma il gentil sesso più spesso presta attenzione al deterioramento dell'aspetto. Mentre la patologia progredisce, la carnagione cambia, la pelle diventa grigiastra o giallastra, le borse appaiono sotto gli occhi, i capelli cadono, diventano sottili, asciutti e senza vita. C'è un'eritema da prurito alla pelle, si rompono le unghie, si sviluppano disfunzioni del ciclo mestruale.

In che modo l'alcol influisce sul fegato?

Tutti sanno che l'alcol distrugge le cellule del fegato e porta allo sviluppo di cirrosi, degenerazione grassa o epatite alcolica. Il rischio di gravi danni al fegato causati dall'abuso di alcol è molto più alto negli uomini, dal momento che sono gli uomini che hanno maggiori probabilità di soffrire di cattive abitudini. Ma l'alcolismo è una malattia insidiosa, che nelle donne si sviluppa molto più velocemente e più attivamente. Le donne più rapidamente degli uomini diventano dipendenti dall'alcol, e questa dipendenza è accompagnata da patologie in rapido sviluppo dal fegato e da altri organi interni. In questo caso, l'alcolismo femminile non viene praticamente trattato, e l'assunzione giornaliera di etanolo nel corpo porta alla degenerazione grassa e alla cirrosi epatica.

Con l'assunzione costante di alcol, le cellule del fegato muoiono e le forme di tessuto connettivo al loro posto. Il processo infiammatorio progredisce, il fegato cresce di dimensioni, preme contro il guscio della capsula e provoca l'insorgenza di dolore. Anche con l'incredibile capacità di rigenerare, per ripristinare il fegato ci vorranno lunghi mesi di trattamento, durante i quali dovrai abbandonare completamente l'alcol.

In che modo la malattia del fegato influisce sulla tua salute?

I cambiamenti patologici che si verificano nel fegato, influenzano immediatamente l'aspetto. Dal momento che il ferro non può svolgere pienamente le sue funzioni purificanti, scorie e tossine si accumulano nel corpo e peggiorano la condizione della pelle, dei capelli e delle unghie. La pelle del viso diventa opaca e eccessivamente secca, compaiono eruzioni cutanee (acne, brufoli), i capelli si spargono, le unghie si staccano.

Nei pazienti con patologie epatiche, il rischio di sviluppare cataratta e glaucoma aumenta e l'acuità visiva diminuisce. La visione di "Twilight" cade, appare uno strappo, una reazione dolorosa alla luce del sole. Dal momento che il fegato non può far fronte al carico, il livello di colesterolo "cattivo" nel sangue aumenta, il che innesca lo sviluppo di malattie cardiovascolari e porta ad un persistente aumento della pressione sanguigna. L'ipertensione arteriosa a sua volta aumenta il rischio di sviluppare un infarto o ictus.

I medici dicono che quasi tutti i pazienti che sono in sovrappeso o che soffrono di obesità hanno problemi al fegato. Il fegato grasso più comunemente osservato (epatite), in cui le cellule del fegato sono sostituite dal tessuto adiposo.

È importante! Se si hanno i sintomi caratteristici (pesantezza nella parte destra, dolore acuto o costante), non curarsi da soli e non assumere antidolorifici prima di consultare un medico! L'accettazione di pillole per il dolore può offuscare l'immagine della malattia, complicare la diagnosi e avrà un ulteriore effetto tossico sul fegato.

Se il fegato è gravemente dolente e ci sono almeno alcuni dei sintomi caratteristici sopra elencati, consultare immediatamente un medico! Tale condizione può indicare lo sviluppo di gravi problemi di salute e richiede un'assistenza immediata e qualificata.

Quale dottore contattare?

Quando compaiono i sintomi dell'ansia, si raccomanda di consultare un medico generico. Dopo un esame esterno e una raccolta di anamnesi, il medico indirizzerà il paziente a specialisti ristretti. Se ha problemi al fegato, un epatologo o un gastroenterologo specializzato in malattie di questo organo fornirà un aiuto esperto. Se necessario, dopo aver specificato la diagnosi, il paziente verrà indirizzato a un oncologo (se vi è il sospetto di sviluppo di un processo oncologico) o un chirurgo.

diagnostica

Le misure diagnostiche per il dolore del fegato comprendono una serie di metodi di ricerca di laboratorio, invasivi e non invasivi.

  • I metodi di laboratorio comprendono esami del sangue generali e biochimici, ricerche su epatite e cellule tumorali, test immunologici e genetici (se necessario).
  • I metodi diagnostici non invasivi sono l'esame di un paziente che utilizza tecnologia informatica (TC, risonanza magnetica), ecografia. Metodi diagnostici moderni e informativi ci permettono di formare un'idea dello stato di un organo, del suo grado di danno, per determinare le dimensioni del fegato, la struttura dei suoi tessuti.
  • Sono necessari studi come la biopsia, laparoscopia o puntura percutanea (tecniche invasive) per chiarire la diagnosi nei casi dubbi.

Metodi di trattamento

I farmaci per il dolore al fegato sono prescritti in base alla gravità dei sintomi, al quadro clinico della malattia e alle condizioni generali del paziente. Gli antidolorifici e gli antispastici sono i più usati per alleviare il dolore. Il medico deve prescriverle, poiché il trattamento di questo organo più importante richiede un approccio competente e uno schema di trattamento complesso correttamente selezionato.

Il ruolo principale nel trattamento del fegato è dato ai farmaci - epatoprotettori, la cui azione è finalizzata alla rigenerazione e al ripristino delle cellule epatiche. Devono durare a lungo. Date le patologie associate (colecistite, pancreatite), il medico può prescrivere farmaci con proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche.

Gli agenti combinati si sono dimostrati efficaci, non solo per alleviare il dolore, ma anche per eliminare il processo infiammatorio e normalizzare le funzioni dell'organo più importante. Tra questi ci sono i seguenti farmaci:

Questi strumenti sono utilizzati anche per danni al fegato così gravi come la cirrosi o l'epatite cronica. Se il verificarsi della sindrome del dolore è accompagnato da colecistite cronica o colelitiasi nel regime di trattamento includono farmaci:

Per eliminare gli spasmi prescritti No-shpu, Drotaverin, colica epatica è ben rimosso Trimedat, Buscopan, Duspatalin. Alleviare un attacco acuto di dolore aiuterà Riabal e normalizzare la peristalsi dell'intestino ed eliminare la discinesia delle vie biliari - Reglan o Domperidone.

Dovresti assumere farmaci per il dolore al fegato dopo aver consultato il tuo medico, che selezionerà il regime di trattamento ottimale, tenendo conto delle tue caratteristiche individuali, della gravità della condizione, delle possibili controindicazioni e di altre sfumature. Se il dolore acuto non viene fermato dai farmaci, è necessario chiamare l'assistenza medica di emergenza e andare in ospedale. Epatite virale o batterica acuta, danno epatico tossico, colecistite acuta sono trattati solo in ambiente ospedaliero. In altri casi, le patologie epatiche richiedono un trattamento lungo e regolare, una terapia costante e una stretta aderenza alle raccomandazioni del medico.

Dieta per il dolore al fegato

Per le malattie del fegato, è necessaria una certa dieta. Ciò ridurrà il carico sull'organo malato, normalizzerà la funzionalità epatica, la secrezione biliare e la digestione. Le basi della dieta in questo caso sono proteine ​​e carboidrati e il contenuto di grassi dovrebbe essere ridotto al minimo. Per il dolore al fegato, i nutrizionisti consigliano di creare una dieta basata sui seguenti prodotti:

  • latticini a basso contenuto di grassi (kefir, yogurt, fiocchi di latte, yogurt);
  • zuppe di verdure, cereali, latte;
  • zuppa di borscht o di cavolo (vegetariano);
  • carne magra dietetica (pollo, coniglio, vitello);
  • pesce magro;
  • la pasta;
  • cereali (grano saraceno, orzo, farina d'avena, miglio);
  • omelette a vapore;
  • insalate di verdure con olio vegetale;
  • frutta fresca, verdura, verdura.

L'uso del pane bianco dovrebbe essere limitato a 2-3 pezzi al giorno, è preferibile non usarlo fresco, ma in una forma leggermente asciutta e dura. Puoi fare i crostini dal pane bianco e servirli ai primi piatti. Tutti i prodotti sono consigliati per essere cotti al vapore, bolliti o al forno. I cibi fritti dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta. Delle bevande sono utili tè verde e alle erbe, gelatine, bevande alla frutta, bevande alla frutta.

Prodotti proibiti

Quando le violazioni del fegato, i seguenti prodotti sono vietati:

  • pasticceria fresca, pane, dolciumi (soprattutto con panna);
  • dolci, caramelle, cioccolata;
  • concentrato di pesce e brodi di carne;
  • carni e pesce grassi;
  • cibo in scatola, prodotti semilavorati;
  • carne affumicata, lardo, salsicce;
  • spezie piccanti e condimenti;
  • aglio, ravanello;
  • fagioli;
  • eventuali bevande alcoliche;
  • agrumi (limoni, arance, pompelmi);
  • forte tè nero e caffè;
  • uova di gallina (tuorlo).

Una tale dieta dovrebbe essere uno stile di vita, il rispetto di esso completerà il trattamento farmacologico, aiuterà a ripristinare la funzionalità epatica e raggiungere il completo recupero.

Come identificare la malattia del fegato: segni e sintomi

Il fegato è un organo interno abbastanza grande negli esseri umani. Il suo peso può raggiungere fino a 1,5 chilogrammi. Ogni giorno, numerose cellule svolgono una varietà di funzioni importanti. Prima di tutto, sono responsabili del mantenimento della pulizia all'interno del corpo. Si può dire che questo è un tipo di filtro che non consente alcuna sostanza nociva nella circolazione generale. Ecco perché è molto importante notare in tempo i primi sintomi del fatto che qualcosa non va in lei. Il lavoro è così importante che, a causa delle malattie del fegato, possono iniziare numerosi altri problemi e le condizioni del paziente peggiorano in generale.

Come diagnosticare

Ogni persona può determinare autonomamente se ha qualche problema, se monitorerà da vicino la sua salute e il suo aspetto. Dopo tutto, tutte queste malattie hanno un numero di sintomi. Per notare la maggior parte di loro, basta guardare da vicino la persona. Di più su questi segni saranno discussi di seguito.

E, inoltre, puoi fare un esame del sangue in qualsiasi clinica e scoprire esattamente se ci sono problemi con l'organo in discussione. In alcuni casi, viene prescritta anche l'ecografia. Entrambi questi metodi ci sono familiari e quasi indolori.

Quali sono i primi segni e sintomi della malattia del fegato?

Molte malattie si riflettono immediatamente sul viso e sul corpo di una persona. Ciò consente al paziente di notare il problema in tempo, andare dal medico e iniziare immediatamente il trattamento appropriato, proteggendosi da problemi più seri.

Sulla faccia

  1. Il bianco degli occhi acquisisce una tinta giallastra, che è molto facile notare.
  2. La condizione della pelle sul viso cambia drasticamente - appare molta acne, diventa troppo secca o, al contrario, troppo bagnata.
  3. Appaiono "stelle" vascolari e macchie senili.

Sulla pelle

  1. La pelle di tutto il corpo può diventare giallastra.
  2. In qualsiasi parte della pelle possono iniziare a comparire macchie bruscamente pigmentate. Quindi, la pelle sta cercando di assumere alcune delle funzioni del fegato.
  3. La pelle sembra senza vita e stanca.
  4. In tutto il corpo cominciano ad apparire wen.

Oltre a tali segni esterni, una persona può anche:

  • iniziare a stancarsi rapidamente e perdere la capacità lavorativa precedente;
  • perdere l'appetito;
  • acquisire l'addome sporgente pigro, che, forse, è una conseguenza dell'accumulo di liquido nella cavità addominale;
  • senti che il colore e la struttura dei capelli e delle unghie sono cambiati. Diventano più fragili e deboli;
  • soffre di insonnia e sudorazione notturna;
  • sentire un costante segno di amarezza in bocca e notare che la lingua è coperta di fiori giallastri. Ma può anche essere un segno di gastrite con bassa acidità.
  • iniziare a tollerare cibi troppo grassi, anche se in precedenza non aveva avuto tale caratteristica;
  • e molto altro ancora.

Ogni paziente deve sempre prestare attenzione a questi sintomi e cercare di chiedere aiuto al proprio medico in tempo utile. Ciò eviterà problemi di salute più seri. Prima inizia il trattamento, più veloce, più semplice e più efficace sarà.

Alcolismo

Tale malattia può svilupparsi in un paziente che ha abusato dell'alcool per un lungo periodo di tempo. Di norma, questo periodo dura circa 10 anni. Per gli uomini si consumano quotidianamente 40-80 grammi di etanolo, per le donne, 20 grammi.

Le malattie alcoliche possono manifestarsi come degenerazione grassa, cirrosi e epatite alcolica.
Allo stesso tempo, il rischio di comparsa e sviluppo di una tale malattia negli uomini è tre volte superiore a quello del gentil sesso. Dopotutto, gli uomini consumano alcol molto più spesso. Ma nelle donne tali malattie si sviluppano molto più attivamente e più velocemente, anche con l'uso di una quantità minore di una bevanda pericolosa. Ciò è influenzato dalle caratteristiche di genere dell'eliminazione dell'alcol dal corpo e dal suo assorbimento.

Molto spesso queste malattie sono quasi asintomatiche. Ma a volte i pazienti hanno i seguenti sintomi:

  • debolezza e perdita di appetito;
  • ittero;
  • dolore sordo nell'ipocondrio destro;
  • umore depresso;
  • nausea, bruciore di stomaco o eruttazione;
  • negli uomini, a volte c'è una diminuzione dei testicoli e un aumento delle ghiandole mammarie.

Come appare un corpo malsano durante una diagnosi medica?

Se un paziente ha sintomi evidenti di una malattia del fegato, il medico molto probabilmente lo invierà per un esame speciale, durante il quale esaminerà l'aspetto dell'organo con un dispositivo speciale. Dalla forma è possibile determinare che un problema è apparso nel corpo umano. Ad esempio, questo è evidenziato da un cambiamento nella forma, nel colore e nella struttura del corpo. Così, per esempio, con la cirrosi alcolica, il colore non diventa uniforme, ma con numerose chiazze luminose. I cambiamenti esterni aiuteranno anche il medico a fare una diagnosi accurata al paziente.

Video: cibo ed esercizi speciali per la prevenzione dei disturbi

Materiale aggiornato il 03.08.2017

Dolore al fegato

Solo uno specialista può determinare cosa significa il dolore nell'ipocondrio destro e se è il fegato a ferire. Spesso, i pazienti, assicurando che soffrono di malattie del fegato, non sanno nemmeno dove si trova, e durante l'esame rivelano malattie degli organi vicini. È utile per tutti imparare come fa male il fegato, poiché nel corpo umano il lavoro di questo organo può essere confrontato solo con il muscolo cardiaco nella sua indispensabilità e costanza.

Perché abbiamo bisogno di un fegato e dove si trova?

Nell'uomo, il fegato è un organo multifunzionale spaiato che appartiene al parenchima, il che significa l'assenza di una cavità all'interno, pieno riempimento di tessuti e cellule. Non per niente lo chiamano "fabbrica biochimica".

È qui che viene sintetizzata la massa di sostanze necessarie per il mantenimento della salute (proteine, vitamine, ormoni, coagulazione del sangue e agenti anti-coagulazione, protezione immunitaria). È un organo che fornisce energia per la vita delle cellule, un deposito di sangue. Allo stesso tempo, è impegnata nella lavorazione di scorie, liberando il corpo di sostanze tossiche e partecipando alla digestione.

La posizione può essere definita come l'angolo in alto a destra della cavità addominale. Fronte coperto di costole. Il punto più alto è al livello della quinta costola. Il margine inferiore di solito sporge leggermente dall'ipocondrio destro. Il lobo sinistro del fegato entra nella zona epigastrica e si trova sopra lo stomaco.

Sulla superficie posteriore ha pozzi, che entrano strettamente nel polo superiore del rene destro e nella testa del pancreas. Il bordo inferiore copre la cistifellea con condotti e la curva del duodeno.

Per scoprire esattamente dove fa male il fegato, è necessario scoprire da quale parte inizia il dolore, dove si sta diffondendo, il suo carattere, i sintomi di accompagnamento.

Il meccanismo del dolore

All'interno del fegato ci sono le cellule del fegato (epatociti), i vasi sanguigni, i dotti biliari. L'intera struttura è divisa in segmenti. Non hanno terminazioni nervose. Eppure, nella domanda se il fegato può ferire, i dottori sono sicuri che può farlo, ma il dolore non si forma nel parenchima dell'organo, ma nei recettori nervosi della capsula del glisson che lo circonda.

Per fare questo, il corpo deve aumentare di dimensioni (gonfiore, eccesso di sangue, infiammazione, neoplasma) e allungare la capsula. L'intensità del dolore dipende dalla forza di tensione. Il dolore al fegato può essere associato a una pressione esterna sulla capsula e sul peritoneo dai "vicini" ingrossati.

Un'altra opzione è la transizione della reazione infiammatoria ai fogli adiacenti di peritoneo (periepatite), che è molto ricco di terminazioni nervose. Le cause del dolore nel fegato possono essere associate alla patologia del corpo stesso o di altri, ci sono funzioni e organiche.

Cosa causa dolore al fegato?

Le cause del dolore nel fegato di natura funzionale, in contrasto con il biologico, vengono rimosse dopo la cessazione dell'effetto di irritante, riposo, normalizzazione della nutrizione o procedure calmanti. Questi includono:

  • intossicazione da alcol con una singola dose di bevande contenenti alcol;
  • sovraccarico fisico;
  • condizione stressante;
  • eccesso di cibo grasso, cibo a base di carne;
  • farmaci non controllati

Le cause organiche comprendono tutte le malattie del parenchima epatico. Interrompono la struttura degli epatociti, causano necrosi e sostituzione con tessuto connettivo non funzionante. Perché il fegato fa male una persona particolare può essere trovato solo dopo un esame approfondito. I dettagli delle caratteristiche distintive e del decorso della malattia saranno discussi di seguito.

Caratteristiche del dolore

Il dolore al fegato ha un "colore" diverso, i suoi pazienti descrivono con una sfumatura emotiva, che sottolinea la durata della sofferenza umana.

Dolori dolorosi e fastidiosi

Se il paziente indica che "si lamenta nell'ipocondrio a destra", dovrebbe essere chiaro che il processo ha una rotta cronica, spesso in esecuzione. I dolori funzionali non fanno male. Di solito allo stesso tempo sono preoccupato per la sensazione di pesantezza dopo aver mangiato ed esercitato o per nessun motivo.

Tirando i dolori sordo si estendono verso l'alto e nella parte posteriore (al collo, spalla, spalla). Rafforzato da disturbi, pendenze. Accompagnato da nausea, distensione addominale, eruttazione, sgabello instabile. La comparsa di ittero della sclera e della pelle suggerisce la transizione della malattia allo stadio acuto, possibilmente senza un'intensità del dolore sufficientemente pronunciata. I pazienti sviluppano debolezza, prurito della pelle.

Dolore sordo

Il dolore del carattere noioso è molto simile alla patologia del sistema epatobiliare. La capsula fibrosa è tesa su tutta la superficie, quindi il dolore non ha una localizzazione luminosa. Differenziare la malattia è possibile con l'aiuto del sondaggio.

Allo stesso tempo, dovrebbero essere considerati altri sintomi. Ad esempio, nelle neoplasie il dolore sordo accompagnato da perdita di peso, segni di insufficienza epatica, si esprime già nella fase avanzata della malattia.

Dolore intenso

Sull'alta intensità della sindrome del dolore si dice la definizione di "forte" e "dolore acuto". L'aumento del dolore dopo un periodo di "panging" è associato a un tumore in crescita, cisti e ascesso epatico. È necessario prestare attenzione alla natura della temperatura (aumento rapido con brividi e brusco calo nella formazione di ascessi), perdita di appetito, sgradevoli sgabelli, moderato ingiallimento della sclera.

L'epatite non causa forti dolori. È associato ad un attacco di calcoli biliari. Si alza improvvisamente, è localizzato nel mezzo dell'ipocondrio destro, accompagnato da vomito. Irradiare nella regione interscapolare, nella clavicola destra, nella spalla, nell'addome inferiore. Dura fino a un giorno, si attenua gradualmente.

Dolore lancinante

L'ondulazione ondulata corrisponde alla frequenza cardiaca. Questo può essere compreso mettendo una mano sull'ipocondrio e l'altra sull'impulso. Possibile con difetti cardiaci (insufficienza tricuspide o della valvola aortica). Con un aumento del fegato può essere visto sulla fluttuazione dei muscoli.

Una patologia rara - aneurisma dell'arteria epatica è anche accompagnata da dolore lancinante. Il ristagno di insufficienza circolatoria è causato da pericardite adesiva, stenosi mitralica.

Il trabocco del sangue nelle vene centrali porta ad un aumento della pressione nel sistema portale e alla carenza di ossigeno degli epatociti. Il fegato aumenta in modo significativo, vi è una necrosi al centro dei lobuli, una sostituzione con tessuto connettivo (cirrosi cardiaca). I pazienti si lamentano di grave gravità, nausea. Giallo combinato e cianosi della pelle.

Dolori acuti

Un forte dolore al fegato non è un segno di danno al tessuto epatico. È inerente alla colecistite acuta. Il dolore si irradia a destra e verso l'alto, nel collo, nella mandibola, nella scapola. Si alza improvvisamente, accompagnato da brividi, febbre, vomito. L'attacco di colica biliare è provocato da sobbalzi, esercizio fisico, violazione della dieta.

Ulteriori sintomi di dolore

Se il fegato fa male, allora i sintomi che indicano il fallimento del parenchima, i disturbi digestivi, i processi metabolici si trovano necessariamente. Più spesso, il dolore si intensifica dopo aver mangiato cibi grassi, alcol, jogging, sforzo fisico.

Segni di dolore al fegato possono essere:

  • irritabilità, debolezza, apatia;
  • ruttare con un odore marcio;
  • prurito;
  • nausea;
  • ingiallimento della sclera e della pelle;
  • urina scura;
  • feci grigie;
  • mal di testa e dolori muscolari (nella schiena e nelle gambe);
  • "stelle" vascolari (telangiectasia) sul viso, sull'addome, sulle spalle, sul petto;
  • tendenza a sanguinare le gengive;
  • gli uomini si lamentano innanzitutto della debolezza sessuale e le donne - l'infertilità.

Il principale pericolo di malattia del fegato è sintomi lievi. I pazienti vanno al dottore nello stadio di cambiamenti irreversibili (degenerazione grassa, cirrosi). In corso cronico, il dolore può essere del tutto assente.

È necessario prendere in considerazione i sintomi associati alla patologia secondaria degli organi vicini e stabilire una diagnosi basata su di essi. Questo è fatto da medici qualificati. E i pazienti dovrebbero essere guidati quando il dolore nella zona del fegato richiede una rapida chiamata a un'ambulanza.

L'assistenza medica di emergenza è necessaria se:

  • alleviare il dolore i rimedi casalinghi falliscono;
  • apparve vomito di bile;
  • il dolore nell'ipocondrio a destra sta tagliando, improvvisamente è apparso;
  • ingiallimento evidente della sclera e della pelle;
  • temperatura notevolmente aumentata.

Come si manifestano le cause funzionali del dolore?

La compromissione della funzione è possibile con l'effetto aggravante dei fattori, una persona non può nemmeno immaginare che il fegato è dolente.

Intossicazione da alcol

Anche una singola assunzione di una quantità significativa di alcol provoca gravi intossicazioni. Quando i dolori nell'ipocondrio a destra la mattina dopo aver bevuto, il fegato svolge il compito di processare l'alcol etilico e soffre se stesso:

  • l'uso dell'enzima alcol deidrogenasi lo scinde in sostanze a bassa tossicità;
  • parte degli epatociti è esposta a effetti tossici e non è in grado di funzionare;
  • il carico aggiuntivo è causato da uno spuntino con abbondante cibo a base di carne grassa, piatti speziati;
  • prendere medicine per il mal di testa e alleviare i postumi di una sbornia è dannoso per il corpo.

L'effetto dell'aumento dello sforzo fisico

Spesso quando si cerca di allenarsi, correre, camminare a lungo, le persone si lamentano di "essere ammalati sotto le costole a destra". Questo diventa la ragione del rifiuto. La mancanza prolungata di attività fisica porta alla detenzione del corpo.

Quando si esegue nel fegato si accumula un aumento del volume di sangue venoso. Particolarmente colpite sono quelle persone che non sono abituate a respirare correttamente. Hanno un diaframma che non favorisce il pompaggio del sangue dal letto venoso. Un forte aumento delle dimensioni sovrascrive la capsula, quindi la persona avverte il dolore.

Per superare il sintomo e continuare l'allenamento, si consiglia di:

  • una breve pausa, poi il dolore scomparirà da solo;
  • considerare un aumento graduale della tecnica di carico e di respirazione;
  • Non mangiare 2 ore prima degli allenamenti.

Con un'overdose di droghe

I farmaci non controllati, in particolare gli antibiotici (dal gruppo di macrolidi, penicilline, cefalosporine), i sedativi e gli stimolanti del sistema nervoso, portano all'accumulo di sostanze tossiche nel fegato. I prodotti di decadimento sono escreti nella bile. Allo stesso tempo riescono a rompere la viscosità della bile nel lato più spesso, causando stagnazione e violazione del deflusso.

Gli effetti tossici possono causare intolleranza individuale, la presenza della malattia, che una persona non realizza. Ci sono dolore, gonfiore, ittero, prurito della pelle. In pratica, i sintomi possono essere considerati come un'epatite medica acuta. Una settimana è sufficiente per formarlo.

Per trattare questa condizione dovrebbe essere l'abolizione di tutte le droghe e l'uso di epatoprotettori. Un risultato positivo appare rapidamente. Il danno organico al fegato può essere infiammatorio e altro. Ci concentreremo su alcuni di loro.

Dolore da epatite (acuta e cronica)

L'infiammazione del fegato, che dura fino a sei mesi, è considerata epatite acuta. Le malattie infettive dei medici sono impegnate nell'identificazione e nel trattamento dell'epatite virale acuta. Epatite A - inizia come una malattia respiratoria con febbre, mal di testa, debolezza.

Il dolore doloroso al fegato si verifica dopo 3 settimane. Invece di loro, forse una sensazione di pesantezza, gonfiore. L'ittero compare il giorno 2-4. Sullo sfondo, le condizioni del paziente migliorano. Tutti i segni scompaiono gradualmente, la persona si riprende.

Epatite B: dura fino a due mesi. La sindrome del dolore aumenta gradualmente dal carattere lamentoso alla sorda sensazione di pesantezza. Inizia con un aumento della temperatura, debolezza generale, letargia. Caratterizzato da un aumento del fegato, segni di ittero.

Con l'epatite D, non ci sono sintomi tipici, accompagna l'epatite B ed è meglio tollerata. Epatite E - diversa, tranne che per i segni di intossicazione, forte dolore al fegato e sopra l'ombelico. A volte la malattia inizia con il dolore. Il medico delle malattie infettive prescrive il trattamento a seconda della forma.

L'epatite virale B e C sono noti per la loro transizione verso un decorso cronico. Ciò che può essere fatto per prevenire una trasformazione indesiderata non dipende sempre dalla volontà del paziente e dal medico. Il dolore nell'ipocondrio destro è permanente, in alcuni il guadagno è solo quando la dieta viene disturbata e vengono assunti cibi grassi.

La localizzazione è inaccurata: i pazienti notano dolore sia nell'epigastrio che nell'ombelico. Nausea e vomito, flatulenza, disagio, compaiono tutti i sintomi dell'epatite. La ragione è confermata da esami del sangue biochimici, test delle urine, identificazione dei marcatori, ecografia. Se necessario, condurre la tomografia computerizzata.

Cosa fare con il dolore nel fegato e come trattare le malattie può essere più dettagliato in questo articolo.

Cirrosi e dolore

La cirrosi epatica è una malattia che sconvolge la struttura e la funzione del parenchima epatico. La malattia ha una natura irreversibile: le aree del tessuto epatico sono sostituite da cicatrici. La progressione porta a insufficienza renale epatica.

Il dolore nel fegato è costante. Esistono diversi tipi di cirrosi:

  • alcolizzato - causato da alcolismo cronico;
  • virale - il risultato di epatite virale cronica;
  • farmaci - con gli effetti tossici delle droghe;
  • biliare primario - provoca una patologia di tipo ereditario;
  • congestizia - con insufficienza cardiaca.

Altri sintomi appaiono sullo sfondo del dolore: febbre moderata, grave debolezza, perdita di peso, crescita addominale (ascite) quando il fluido viene espulso dai vasi nella cavità addominale, giallo e prurito della pelle, espansione delle vene ombelicali superficiali, intossicazione cerebrale con cambiamenti mentali. La biopsia conferma la diagnosi, consente di impostare il grado di perdita della funzionalità epatica. Il trattamento richiede emodialisi, trapianto di organi.

Dolore con steatosi

La malattia è causata da disordini metabolici, a seguito dei quali gli epatociti sono pieni di inclusioni grasse e distruggono la normale struttura del tessuto. La steatosi è più comune negli alcolisti cronici, nelle persone obese, in violazione dei processi metabolici (diabete). Il dolore al fegato accompagna il processo di attivazione, ha un carattere noioso. Ben rimosso quando si normalizza la nutrizione, rinunciando all'alcol.

Neoplasia del fegato

Con la natura benigna del tumore (adenomi, iperplasia nodulare, emangiomi, cisti) iniziano a causare dolore in caso di crescita significativa, compressione del parenchima e allungamento della capsula dall'interno. Il tipo di dolore è fastidioso, costante. La nausea e il vomito sono possibili.

Il cancro del fegato è anche accompagnato da dolori doloranti per lungo tempo, ma allo stesso tempo il paziente ha la febbre, l'appetito, la debolezza aumenta, l'addome è costantemente gonfio. Il fegato è ingrossato, la palpazione aumenta il dolore.

Se il fegato fa male a una persona che ha subito un'operazione per vari tumori maligni, allora è probabile che si verifichi una metastasi. Tali dolori sono sempre causati dallo stadio terminale delle malattie oncologiche di altri organi (stomaco, intestino, ghiandola mammaria, esofago, polmoni, cervello, pancreas).

Più spesso, le metastasi epatiche causano tumori allo stomaco, al colon, ai polmoni e all'esofago. I dolori sono costanti, gravati da febbre, perdita di peso, debolezza, nausea, ascite. Non c'è dolore nella metastasi di un tumore maligno della ghiandola prostatica, della laringe, dell'ovaio, dell'utero, del rene e della vescica.

Dolore nella zona sotto il fegato

Le sensazioni nelle malattie degli organi epatici sono molto simili al dolore nel fegato. Questi includono:

  • un attacco di appendicite;
  • colica renale destra;
  • gravidanza ectopica e annessite nelle donne;
  • colecistite;
  • malattie intestinali (Crohn, colite ulcerosa, infestazione da vermi).

A volte è necessario differenziare il dolore con l'osteocondrosi. Una discussione separata sul dolore nel fegato può essere condotta con lesioni traumatiche dell'organo, malattie parassitarie, ascessi.

Ci sono molte malattie e feriti, che sono impegnati in vari specialisti. Per iniziare l'esame dovrebbe fare riferimento al terapeuta. Il serraggio minaccia la perdita della capacità di recupero.

"Come capire cosa fa male al fegato? Caratteristiche e sintomi del dolore epatico "

4 commenti

Se i giovani sani chiedono dei sintomi del dolore al fegato in una persona, come fa male, molti non saranno nemmeno in grado di rispondere dove si trova. Questo perché, a causa dell'assenza di terminazioni nervose nell'organo, le malattie del fegato non si manifestano a lungo. Si sviluppano e procedono impercettibilmente, e quando vengono rilevate patologie, nella maggior parte dei casi il trattamento è inutile.

Dov'è il fegato umano?

Il fegato è il più grande organo interno di una persona. Occupa quasi tutta la cavità superiore destra del peritoneo, situata sotto la protezione muscolare del diaframma. La sua parte principale è fissata da legamenti nell'area del diritto ipocondrio e arco costale con una proiezione sulla parete anteriore del peritoneo.

Gradualmente si assottiglia e prende una forma acuta a forma di cuneo, è localizzato nella zona sinistra della cavità addominale, più vicino all'ipocondrio a sinistra. Pertanto, i problemi con il fegato, spesso si fanno sentire, non solo manifestati da disagio e dolore nella parte destra, ma anche nella zona epigastrica.

Più di 500 funzioni essenziali sono assegnate al fegato nel corpo. Ma la sua funzione principale è la neutralizzazione e l'eliminazione delle tossine dal corpo. Anche una violazione di una di queste funzioni porta all'ostruzione del sangue con sostanze nocive, che si diffonderà all'istante in vari organi e strutture tissutali, che potrebbero manifestarsi nello sviluppo di processi irreversibili.

Posizione schematica della pasta nel corpo umano

Quando fa male al fegato, può significare qualsiasi cosa, e non sarà necessariamente il risultato dello sviluppo di processi patologici nell'organo stesso. Una sindrome dolorosa può non essere completamente correlata ad essa e può essere provocata da:

  • processi infiammatori acuti e cronici nella cistifellea;
  • la presenza di pietre nei suoi canali;
  • reazioni infiammatorie nel pancreas;
  • mononucleosi infettiva e malattia renale;
  • appendicite e ulcere nel tratto gastrointestinale;
  • patologie del sistema urinario o osteocondrosi.

Come riconoscere il dolore epatico: i sintomi principali

L'inizio dello sviluppo di processi patologici nel fegato stesso può passare inosservato, poiché si verificano gravi problemi durante la morte massiccia delle cellule della struttura tissutale (parenchima) del fegato - epatociti. In varie malattie, possono essere gradualmente sostituiti da tessuto connettivo o adiposo. Pertanto, all'inizio della malattia, i sintomi vengono cancellati o mascherati come altre malattie.

Un'eccezione potrebbe essere la sconfitta delle tossine e lo sviluppo dell'epatite virale. Durante il loro sviluppo, a seguito della massiccia morte di epatociti, il corpo è sottoposto a intossicazione acuta accompagnata da sintomi specifici.

I processi patologici cronici sono accompagnati da:

  • Un sintomo caratteristico è il prurito in varie parti del corpo;
  • Formazione di stelle vascolari - telangiectasia;
  • Ingiallimento dell'epidermide;
  • Pelle sgusciata sulla fronte e pieghe del triangolo naso-labiale.

Un danno strutturale prolungato ai tessuti dell'organo provoca lo sviluppo di psoriasi, eczema e neurodermite. Le loro cause sono più spesso causate proprio da malattie epatiche con alterato processo di disintossicazione.

Tutto il sangue che circola nel corpo passa attraverso gli epatociti. In un fegato sano, come una spugna, assorbono dal sangue sostanze nocive, tossine e detriti cellulari. Senza la normalizzazione e il ripristino della funzione di disintossicazione, il problema con la pelle non viene risolto.

Le violazioni del deflusso della bile nel fegato causano la rottura della bilirubina nelle sue cellule e la penetrazione nel sangue, causando i sintomi della colorazione dello zafferano della pelle e della sclera degli occhi. Può verificarsi un'altra sintomatologia della pervietà del condotto:

  • dolore e pesantezza a destra nell'ipocondrio;
  • costante sensazione di nausea e amarezza;
  • fioritura gialla sulla lingua;
  • sfumatura rosso scuro di urina;
  • decolorazione delle feci.

Inoltre, eventuali irregolarità nel flusso sanguigno possono innescare lo sviluppo di gonfiore diffuso nei tessuti molli nella parte inferiore del corpo, l'idratazione addominale e l'accumulo di liquido nella cavità pleurica. Disturbi nella circolazione portale sono caratteristici con la cirrosi trascurata, che si manifesta come una sorta di sintomo (teste di meduse) -un addome gonfio e vene sulla parete anteriore del peritoneo.

Cosa dovrei cercare?

Caratteristiche del dolore al fegato, sintomi pericolosi

Quando si identifica il dolore al fegato, si dovrebbe prestare attenzione alla natura, al tempo delle manifestazioni e ai sintomi associati.

  • Il dolore opaco periodico si manifesta solitamente nello sviluppo di processi infiammatori acuti nel fegato. Può essere accompagnato da febbre o brividi.
  • Leggero dolore persistente - segnala il decorso dell'epatite cronica, ma se è forte e acuto - indica una forma acuta della malattia.
  • La gravità della sindrome del dolore determina la gravità della colelitiasi. Se ci sono piccole pietre nel dotto, il dolore è tollerabile, ma se il suo lume è completamente bloccato, il dolore sarà insopportabile, arcuato e parossistico. I sintomi sono accompagnati da segni di intossicazione e amarezza in bocca.
  • Il dolore nel fegato può parlare dello sviluppo dei processi oncologici, con un aumento del corpo. O distrofia grassa, manifestata da disagio nell'addome, aumento o riduzione di peso, vari disturbi digestivi e il cosiddetto sintomo della "pigrizia epatica", quando la stanchezza supera, anche dopo piccoli carichi.

Ma la patologia più pericolosa è la cirrosi. La sindrome del dolore inizia a manifestarsi solo nella fase terminale della malattia, quando la struttura dell'organo ha subito cambiamenti irreversibili e il recupero è impossibile.

Pertanto, ai primi segni di un malfunzionamento dell'organo, specialmente se il fegato è già dolente, il trattamento dovrebbe iniziare immediatamente. È anche importante sapere che alcune patologie, sotto forma di emangioma e steatosi, si sviluppano asintomaticamente nella struttura del fegato. Rilevali solo con la diagnosi ecografica.

In che modo l'alcol influisce sul fegato?

Un duetto di alcol e fegato provoca sempre danni ai suoi tessuti - e non è così importante ciò che un amante delle pozioni beve e in che quantità e quanto spesso. Se l'assunzione giornaliera giornaliera di bevande contenenti alcol (mezzo bicchiere di vino o 50 ml di vodka o un bicchiere di birra) non eccede la "norma", non vi saranno particolari danni alla salute. Con un aumento della quantità di alcol consumato, lo sviluppo di patologie è inevitabile.

Accelerare il processo di compromissione delle funzioni epatiche in un alcolizzato può sovrappeso, cattiva alimentazione ed epatite "C". Il primo "campanello" può suonare nella forma:

  • manifestazioni improvvise di stanchezza e debolezza;
  • nessun bisogno di cibo e perdita di peso;
  • incapacità di concentrarsi;
  • guasti nervosi e frequenti attacchi di nausea;
  • indolenzimento e aumento dell'area subcostale;
  • sapore amaro in bocca e ingiallimento della pelle del corpo.

Questo perché il colpo principale all'alcol è per il fegato. Solo un decimo viene espulso dai reni, tutto il resto è depositato nel fegato, che porta inevitabilmente alla sua sconfitta. L'etanolo si accumula nelle cellule dell'organo, facendolo diventare obeso. Questo processo in sé non causa pericolo.

Il pericolo sta nel fatto che il trattamento ritardato porta alla cicatrizzazione dei tessuti e, infine, a disturbi funzionali dell'organo. Si sviluppa epatomegalia (aumento strutturale), processi fibrosi, epatite e infine cirrosi.

Dolore al fegato, cosa si può fare?

come trattare il dolore nel fegato, cosa fare prima?

La prima cosa che fanno per il dolore al fegato è consultare un gastroenterologo o un epatologo. Ed è difficile ricordare ciò che non si può assolutamente fare - è prendere antidolorifici che possono creare ulteriore stress sul fegato, cancellare la clinica della malattia e influenzare l'accuratezza della diagnosi. Quanto prima viene identificata la causa del dolore, tanto più facile è eliminarlo. In base ai risultati della diagnosi, vengono prescritte le terapie farmacologiche e dietetiche.

Cosa si può fare a casa quando il fegato fa male? Con la prima e improvvisa manifestazione di una sindrome dolorosa nel fegato, il dolore può essere ridotto sdraiandosi sulla schiena e alzando leggermente la testa. La condizione di frequente assunzione di acqua normale (senza gas e additivi aromatici) e un impacco freddo applicato sul lato destro delle costole per 10 minuti alleggerisce la condizione.Se il dolore è forte, non automedicare - chiamare un'ambulanza.

Per qualsiasi motivo di dolore al fegato, la dieta è parte integrante del trattamento. La sua conformità riduce significativamente il carico sul corpo. La base della dieta è costituita da pasti suddivisi regolari (fino a 6 volte al giorno), una dieta bilanciata e completa, al vapore o cottura al forno. Il volume di liquido consumato (acqua normale) al giorno non deve essere inferiore a 1,5 litri.

Rimuovi dall'uso:

  • Bevande dolci a base di gas, caffè e tè;
  • Limitare i prodotti dietetici con additivi chimici e conservanti;
  • Escludere completamente prodotti salati, affumicati, in salamoia e cibi fritti;
  • Grassi animali e dolciumi (brodo su carne grassa e margarina in cottura);
  • Latticini con un tenore di materia grassa superiore al 6%, cioccolato e confetteria, compreso il gelato;
  • Nella dieta di frutta e verdura, non ci dovrebbero essere legumi, ravanelli e ravanelli, spinaci o acetosella, aglio e cipolle, bacche e frutti di varietà aspre.