Zollinger - Sindrome di Ellison

Sindrome di Zollinger-Ellison - sintomo causato dalla presenza di pancreas o duodenale gastrinprodutsiruyuschey tumore acido cloridrico gipergipersekretsiey nello stomaco e la sua azione ulcerogenica sulla mucosa del tratto gastrointestinale. La malattia si manifesta con i sintomi di un'ulcera: dolore, diarrea, bruciore di stomaco, eruttazione e sanguinamento gastrointestinale. La diagnosi della sindrome di Zollinger-Ellison si basa sulla determinazione del livello di gastrina basale, dati di studi endoscopici e radiografici, ecografia, TC, angiografia selettiva. Il trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison può includere la rimozione di gastrinomi, gastrectomia completa, vagotomia, assunzione di H2-bloccanti, m-colinolitici, inibitori della pompa protonica, chemioterapia.

Zollinger - Sindrome di Ellison

Sindrome di Zollinger-Ellison è causata dallo sviluppo di tumore pancreas ormonale attiva o nel duodeno, producendo una quantità eccessiva di gastrina, che porta ad un aumento della produzione di acido gastrico e sviluppo di peptica e ulcera duodenale.

I tumori che producono gastrina (gastrinomi) appartengono agli adenomi delle cellule endocrine del sistema APUD e sono rappresentati da nodi singoli o multipli di colore rosso scuro di forma rotonda (ovoidale), consistenza densa, piccole dimensioni (di solito da 0,2 a 2 cm). Nella sindrome di Zollinger-Ellison, i gastrinomi si trovano nella maggior parte dei casi nel corpo o nella coda del pancreas, circa un terzo nel duodeno o nei linfonodi peripancreatici (raramente nello stomaco, nella milza, nel fegato). Due terzi del gastrinoma sono tumori maligni, crescono lentamente, metastatizzano principalmente nei linfonodi regionali e sopraclaveari, nel fegato, nella milza, nel mediastino, nel peritoneo e nella pelle.

Per la sindrome di Zollinger-Ellison è caratterizzata dalla presenza di molteplici ulcere gastrointestinali superiori localizzazione atipica (ad esempio, nella parte distale del duodeno, digiuno) con lunga durata e frequenti recidive. La sindrome di Zollinger-Ellison è una patologia rara in gastroenterologia (circa 4 casi per 1 milione di persone), si verifica principalmente nei maschi di età compresa tra i 20 ei 50 anni.

Cause della sindrome di Zollinger-Ellison

La causa principale della sindrome di Zollinger-Ellison è l'ipergastrinemia persistente e incontrollata causata dalla presenza di tumori che producono gastrina nel pancreas o nel duodeno. Quasi un quarto dei pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison mostra adenomatosi endocrina multipla di tipo I, con danni non solo al pancreas, ma anche alle ghiandole pituitaria, tiroidea e paratiroidee e alle ghiandole surrenali.

A volte la sindrome di Zollinger-Ellison può essere associata a iperplasia delle cellule G produttrici di gastrina dell'antro. Normalmente, la secrezione di gastrina da parte delle cellule G è regolata da un meccanismo di feedback negativo (l'inibitore è un rilascio di acido cloridrico). La produzione di tumore della gastrina nella sindrome di Zollinger-Ellison non è regolata affatto, il che porta a ipergastrinemia incontrollata.

Sintomi della sindrome di Zollinger-Ellison

Nella sindrome di Zollinger-Ellison, l'ulcera gastrica grave e l'ulcera duodenale possono essere rilevati localizzazione atipica, tollerante alla terapia anti-ulcera. I sintomi clinici di Zollinger-Ellison che servono resistente, dolore intenso nella parte superiore dell'addome, abbondante, poluoformlenny o feci acquose contenenti elevate quantità di grassi (diarrea e steatorrea), bruciore di stomaco prolungata e eruttazione, esofagite, stenosi esofagea. La diarrea è causata dall'acidificazione del contenuto del digiuno, dall'aumento della peristalsi, dallo sviluppo dell'infiammazione e dall'assorbimento alterato.

La natura maligna della sindrome di Zollinger-Ellison può indicare una significativa riduzione del peso corporeo. Con la sindrome di Zollinger-Ellison, c'è una tendenza a sviluppare processi e complicanze distruttive (perforazione e sanguinamento gastrointestinale).

Diagnosi di Zollinger - Sindrome di Ellison

Le difficoltà di diagnosi precoce della sindrome di Zollinger - Ellison sono associate alla presenza di sintomi simili a un'ulcera peptica comune. La palpazione ha rivelato un dolore pronunciato nell'epigastrio, dolore locale nell'ulcera (un sintomo positivo di Mendel).

Il valore diagnostico differenziale nella sindrome di Zollinger-Ellison ha uno studio del livello della gastrina basale nel siero e degli indicatori di secrezione gastrica con l'esecuzione di test funzionali con carico nutrizionale standardizzato o somministrazione endovenosa di secretina, glucagone, sali di calcio. Per Zollinger - la sindrome di Ellison, a differenza della normale ulcera peptica, è caratteristico un aumento significativo del livello di gastrina nel sangue (fino a 1000 pg / ml o più) e la velocità del flusso di acido cloridrico libero (4-10 volte). Specifico per la sindrome di Zollinger-Ellison è un test con secretina, in / nell'introduzione del quale porta ad un aumento dei livelli di gastrina nella maggior parte dei pazienti (con ulcere duodenali normali, la sua concentrazione diminuisce). Un effetto simile è causato da uno stress test con glucagone e gluconato di calcio.

La diagnosi della sindrome di Zollinger - Ellison è completata da metodi strumentali di indagine. Sospetto di Zollinger - La sindrome di Ellison può essere causata dalla presenza di lesioni ulcerative multiple e da un'insolita localizzazione delle ulcere, rivelata da raggi X dello stomaco e FGDS. L'ecografia della cavità addominale e la TC consentono la visualizzazione di un tumore pancreatico e, in caso di un gastrinoma maligno, è possibile anche un significativo allargamento del fegato e la presenza di formazione di tumori. Il metodo più informativo, ma tecnicamente più complesso di diagnosi della sindrome di Zollinger-Ellison è l'angiografia addominale selettiva con la determinazione del livello di gastrina nelle vene pancreatiche.

Sindrome di Zollinger-Ellison difficile distinguere con cicatrici e ulcere spesso ricorrenti del tratto gastrointestinale superiore, celiachia, tumori intestinali piccoli, hypergastrinemic con ipertiroidismo, gastrite, stenosi pilorica, B12-anemia da carenza.

Trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison

Un metodo radicale per il trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison è la completa rimozione del gastrinoma con diafanoscopia a fibre ottiche del duodeno e della duodenotomia laterale con una revisione completa della mucosa. Spesso, al momento dell'intervento, le metastasi gastrinoma vengono rilevate in vari organi, quindi una cura completa dopo tale operazione è possibile solo nel 30% dei pazienti.

L'efficacia della resezione gastrica con vagotomia prossimale selettiva o piloroplastica con sindrome di Zollinger-Ellison è bassa, a causa del fatto che le ulcere possono ripresentarsi molto rapidamente. La gastrectomia totale precedentemente ampiamente utilizzata è attualmente indicata solo in assenza di un risultato di un trattamento conservativo e di un complicato decorso del processo ulcerativo.

Come la pratica trattamento conservativo con Zollinger-Ellison utilizzato farmaci che riducono l'assegnazione di acido cloridrico: bloccanti istamina antagonisti del recettore H2 (ranitidina, famotidina), a volte in combinazione con un selettivo M-cholinolytics (platifillin Pirenzepine), inibitori della pompa protonica (omeprazolo, lansoprazolo ). I farmaci possono essere prescritti a vita a causa dell'elevato rischio di recidiva dell'ulcera, le loro dosi sono più elevate rispetto al trattamento dell'ulcera peptica convenzionale e dipendono dal livello di secrezione basale dell'acido cloridrico. Per i gastrinomi maligni e inoperabili, viene utilizzata la chemioterapia (una combinazione di streptozocina, fluorouracile e doxorubicina).

Prognosi per Zollinger - Sindrome di Ellison

La prognosi per Zollinger - la sindrome di Ellison è alquanto migliore rispetto ad altri tumori maligni ed è associata alla sua crescita piuttosto lenta: la sopravvivenza a 5 anni anche in presenza di metastasi epatiche è del 50-80%, dopo operazioni radicali - 70-80%. La morte può essere causata non dal tumore stesso, ma dalle complicazioni di gravi lesioni ulcerative.

Sindrome di Zollinger-Ellison: sintomi, moderni metodi di trattamento

La sindrome di Zollinger-Ellison è caratterizzata dalla comparsa di una neoplasia ormonalmente attiva del pancreas o del duodeno, che produce gastrina e causa ulcera duodenale e peptica. In questo articolo vi faremo conoscere le cause, le manifestazioni, le possibili complicanze, le proiezioni, i metodi di diagnosi e il trattamento della sindrome di Zollinger-Ellison. Queste informazioni aiuteranno a sospettare la comparsa dei primi sintomi di una malattia pericolosa, che sono molto simili ai sintomi dell'ulcera peptica, e farai la giusta decisione sulla necessità di un trattamento da parte di uno specialista.

Questa malattia fu descritta per la prima volta da Zollinger ed Ellison nel 1955 usando l'esempio di due pazienti nei quali le ulcere nel tratto digerente superiore erano difficili da guarire. Inoltre, la diarrea si è verificata nei pazienti a causa di un aumento dell'acidità e un tumore era presente sulle isole del pancreas. Le cellule di questa neoplasia hanno isolato una grande quantità di gastrina (una sostanza biologicamente attiva che influenza la produzione di succo gastrico e le funzioni fisiologiche dello stomaco) e il tumore è chiamato gastrinoma. Più tardi, la malattia prese il nome dai medici che la descrissero.

Alcune statistiche

Nell'85-90% dei casi, la formazione inizia a crescere dalle cellule della testa o della coda del pancreas e in circa il 10-15% dei pazienti il ​​tumore è localizzato nelle parti inferiori del duodeno o dei linfonodi peripancreatici. Gastrinomi estremamente rari si formano nello stomaco, nella milza o nel fegato.

Molto spesso questi tumori crescono lentamente, ma circa il 60-90% è maligno. Possono metastatizzare ai linfonodi regionali, al mediastino, alla milza e al fegato. Il gastrinom di dimensioni può arrivare a 0,2-2 cm, e in casi rari - 5 o più centimetri.

La sindrome di Zollinger-Ellison viene rilevata relativamente raramente - in 1-4 pazienti da 1 milione di persone all'anno. Gli esperti notano che in un primo momento questa malattia è spesso mascherata come ulcera peptica comune e nel 90-95% dei pazienti sono rilevate più ulcere peptiche, la cui comparsa è provocata da un'eccessiva produzione di acido cloridrico. Questo disturbo può svilupparsi in persone di qualsiasi età (di norma, nelle persone di 20-50 anni) e viene solitamente rilevato negli uomini.

motivi

Finora, gli scienziati non sono riusciti a stabilire i veri fattori che causano lo sviluppo della sindrome di Zollinger-Ellison.

  • Il motivo principale per lo sviluppo della malattia è associato al rilascio costante e incontrollato di grandi quantità di gastrina prodotta dal tumore appena formato.
  • Circa il 25% dei pazienti con questa malattia manifesta adenomatosi endocrina multipla di tipo I, che è accompagnata non solo dal tessuto pancreatico, ma anche da altre ghiandole (tiroide, paratiroide, pituitaria e surrenali).
  • In alcuni pazienti, lo sviluppo della sindrome è associato a iperplasia della gastrina che produce cellule G, localizzata nell'antro dello stomaco.
  • Inoltre, ci sono ipotesi sulla possibile natura genetica di questa malattia, quando i fattori ereditari vengono trasmessi da madre a figlio.

sintomi

Nella sindrome di Zollinger-Ellison, il paziente presenta segni tipici di ulcera gastrica o ulcera duodenale. Il dolore risultante può avere una localizzazione atipica, sono testardi e spesso scarsamente suscettibili al trattamento convenzionale anti-ulcera.

In genere, i pazienti lamentano la comparsa di dolore intenso nella parte superiore dell'addome. Appaiono dopo aver mangiato (come con l'ulcera peptica) o a stomaco vuoto. Nello studio delle mucose di queste parti del tubo digerente sono state rilevate ulcere di diversa profondità. Inoltre, tali lesioni possono causare la perforazione della parete duodenale o dello stomaco e lo sviluppo di sanguinamento gastrointestinale.

Circa il 35-60% dei pazienti presenta diarrea e in alcuni pazienti questa manifestazione è l'unico segno della sindrome di Zollinger-Ellison. Lo sgabello diventa semiformato, acquoso e contiene una grande quantità di grasso e particelle di cibo non digerito.

La combinazione di dolore e diarrea è osservata nella maggior parte dei pazienti. Inoltre, i pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison possono presentare i seguenti reclami:

  • eruttare acido;
  • sensazione di bruciore dietro lo sterno e il bruciore di stomaco;
  • vomito;
  • nausea;
  • perdita di peso (con diarrea prolungata).

Circa il 13% dei pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison sviluppa una forma grave di esofagite. In alcuni di questi pazienti possono successivamente formarsi ulcere peptiche e stenosi dell'esofago.

Il gastrinoma trovato a controlli di strumento rappresenta l'istruzione arrotondata nodosa rosso scuro con una coerenza densa. Può essere singolo o multiplo.

In caso di malignità da gastrinoma in un paziente, ci sono segni di intossicazione da cancro e si sviluppa cachessia. Se il tumore dà metastasi, compaiono i sintomi di una lesione dei linfonodi regionali, del mediastino, della milza o del fegato.

Possibili complicazioni

La sindrome di Zollinger-Ellison può essere complicata dalle seguenti condizioni patologiche:

  • perforazione dell'ulcera e peritonite;
  • sanguinamento gastrointestinale;
  • stenosi dell'esofago inferiore;
  • perdita di peso (fino alla cachessia);
  • disturbi del funzionamento del cuore, derivanti da diarrea prolungata, che porta a una significativa perdita di potassio;
  • compressione del dotto biliare dal tumore, che porta a disturbi gastrointestinali e ittero;
  • malignità del gastrinoma e delle sue metastasi.

diagnostica

La diagnosi precoce della sindrome di Zollinger-Ellison è spesso ostacolata dalla somiglianza delle manifestazioni cliniche di questa malattia con l'ulcera peptica. Importante valore diagnostico in questi casi ha i seguenti studi:

  • analisi del sangue per la gastrina sierica;
  • analisi del succo gastrico con test funzionali (alimentari o farmacologici con secretina e sali di calcio).

Nella sindrome di Zollinger-Ellison, nelle analisi dei pazienti, viene rilevato un aumento del livello di gastrina a 1000 pg / ml o superiore e un aumento del livello di acido cloridrico libero di 4-10 volte.

Oltre a questi test di laboratorio, vengono eseguiti i seguenti test:

  • determinazione del livello di cromogranina A;
  • test ormonali (insulina, prolattina, somatotropina, ecc.).

Per valutare la natura delle lesioni degli organi interni, vengono condotti i seguenti studi:

  • Radiografia dello stomaco;
  • EGD;
  • Ultrasuoni degli organi addominali;
  • risonanza magnetica;
  • Scansione TC;
  • angiografia addominale selettiva per misurare il livello di gastrina nelle vene del pancreas;
  • scintigrafia con analoghi della somatostatina marcati con radioisotopi;
  • scansione ossea del radioisotopo.

Se sospetti la sindrome di Zollinger-Ellison, la diagnosi differenziale di questa malattia viene sempre effettuata con le seguenti malattie:

  • ulcere spesso ricorrenti e di lunga durata del tratto digerente superiore;
  • tumori dell'intestino tenue;
  • celiachia;
  • ipergastrinemia causata da gastrite, anemia da carenza di B12, ipertiroidismo o stenosi pilorica.

trattamento

Se viene rilevata la sindrome di Zollinger-Ellison, il paziente viene ricoverato in ospedale nel reparto gastroenterologico o chirurgico. Se il tumore è maligno, al paziente viene raccomandato un trattamento in una clinica oncologica.

Terapia conservativa

Il trattamento farmacologico per la sindrome di Zollinger-Ellison ha lo scopo di ridurre l'acidità, prevenire la comparsa di nuove ulcerazioni e la guarigione delle ulcere esistenti. Per questo, al paziente possono essere assegnati i seguenti gruppi di farmaci:

  • Bloccanti di H2-istamina - Famotidina, ranitidina;
  • inibitori della pompa protonica - Rabeprazolo, Lansoprazolo, Omeprazolo e altri;
  • m-cholinolytics - Pirenzepine, platifillina cloridrato;
  • analogo della stomatostatina - Octreotide.

Per rallentare la crescita del tumore o ridurne le dimensioni, è possibile prescrivere citostatici: 5-fluorouracile, doxirubicina, streptozocina, ecc.

Trattamento chirurgico

In assenza di metastasi da gastrinoma, è possibile eseguire interventi chirurgici minimamente invasivi quali diafanoscopia a fibre ottiche del duodeno e duodenomia laterale con successiva revisione della membrana mucosa per rimuoverlo. Nei casi più complessi e quando è impossibile identificare il sito di un tumore, viene eseguita una gastrectomia totale o resezione dello stomaco con vagotomia prossimale o piloroplastica.

prospettiva

L'esito della sindrome di Zollinger-Ellison è leggermente migliore della prognosi per altri tumori dell'apparato digerente. Questo fatto è spiegato dal tasso di crescita relativamente lento del gastrinoma. Anche con la rilevazione delle metastasi epatiche, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 50-80% e, dopo aver eseguito interventi chirurgici radicali, questa percentuale raggiunge il 70-80%. L'inizio della morte di un paziente con sindrome di Zollinger-Ellison può essere provocata da gravi complicanze ulcerative di questa malattia.

Quale dottore contattare

Se hai dolore allo stomaco, diarrea, bruciore di stomaco e eruttazione dovrebbero consultare un gastroenterologo. Per la diagnosi, il medico può prescrivere esami di laboratorio per determinare il livello di gastrina nel siero, succo gastrico, ormoni, ecc. Inoltre, al paziente verranno assegnati vari tipi di studi strumentali: FGDS, raggi X, ultrasuoni, RM, TC, ecc. Se si sospetta una neoplasia il gastrinoma necessita di consulenza oncologica.

La sindrome di Zollinger-Ellison è una malattia rara ma grave che è pericolosa per le sue complicanze. Le sue manifestazioni cliniche sono per molti aspetti simili ai sintomi di un'ulcera peptica comune, e un tumore che si forma in questa patologia può causare ozlokachestvlyatsya e metastasi. Inoltre, le ulcere formate nello stomaco o nel duodeno possono causare gravi complicazioni - perforazione, peritonite e sanguinamento gastrointestinale. Le operazioni radicali possono migliorare significativamente la prognosi per la sopravvivenza dei pazienti.

Video informativo sulla sindrome di Zollinger-Ellison:

Sindrome di Zollinger-Ellison (gastrinoma del pancreas): che cos'è, cause, diagnosi, trattamento

La sindrome di Zollinger-Ellison è una condizione patologica causata dalla presenza di un tumore funzionalmente attivo delle isole di Langerhans del pancreas (gastrinomi). Questa è una malattia rara in cui un tumore in eccesso produce l'ormone gastrina. La patologia è una vera minaccia per la vita umana. Quando compaiono i primi segni della malattia, dovresti immediatamente consultare un medico per una diagnosi tempestiva e un trattamento appropriato.

Il gastrinoma è un adenoma pancreatico, che produce un eccesso di gastrina ormone polipeptide. Sotto la sua influenza, aumenta il numero di cellule parietali dello stomaco e aumenta la secrezione di acido cloridrico, che porta alla formazione di difetti sulla membrana mucosa del tratto gastrointestinale - ulcere peptiche e duodenali. Sono difficili da medicare e sono accompagnati da diarrea persistente. Le ulcerazioni di localizzazione atipica hanno un decorso lungo e spesso si ripresentano.

Gastrinoma nella maggior parte dei casi è localizzato nel pancreas, un po 'meno spesso nello stomaco, duodeno e linfonodi situati vicino alla ghiandola. In termini di morfologia, il tumore ha una struttura nodosa, di colore rosso scuro, giallastro o grigiastro, una forma arrotondata e una trama densa senza una capsula trasparente. La dimensione dei gastrinomi varia spesso da 1-3 mm a 1-3 cm di diametro. La maggior parte del gastrinoma è una neoplasia maligna. Sono caratterizzati da una lenta crescita e metastasi ai linfonodi regionali e agli organi adiacenti.

I gastrinomi sono divisi in solitari e plurali. I primi sono sempre localizzati nel pancreas, i secondi sono più spesso manifestazioni di neoplasia multipla con lesioni nelle altre ghiandole endocrine del corpo.

Per la prima volta la patologia è stata descritta da due scienziati a metà del secolo scorso: Zollinger e Allison. Nei pazienti, hanno trovato ulcere difficili da curare nel tratto GI superiore, elevata acidità del succo gastrico e un tumore dell'apparato insulare del pancreas. Gli scienziati hanno identificato una stretta relazione patogenetica tra ulcerazione della mucosa e sostanze ormonali prodotte da questo tumore. Grazie al lavoro svolto da Zollinger ed Ellison, la sindrome ha preso il nome.

La sindrome di Zollinger-Ellison è anche chiamata sindrome da diatesi ulcerosa ulcerosa. Questa è una patologia gastrointestinale piuttosto rara, che si sviluppa prevalentemente negli uomini di 20-50 anni. La diagnosi di patologia consiste nell'identificazione della gastrinemia, effettuando test provocatori, endoscopia, angiografia transepatica, radiografia, ecografia, tomografia. I pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison sono sottoposti a trattamento chirurgico e farmacologico: rimuovono il gastrinoma, conducono una terapia antiproliferativa e sintomatica. Sono prescritti farmaci che riducono l'acidità del succo gastrico, così come la chemioterapia. La sindrome di Zollinger-Ellison è una malattia molto pericolosa. La diagnosi tardiva e una terapia inadeguata portano alla morte dei pazienti.

motivi

La causa diretta della malattia è un tumore pancreatico. In casi estremamente rari, può essere localizzata nello stomaco o in varie parti dell'intestino. Un tumore che produce gastrina a volte diventa una manifestazione di adenomatosi multipla.

Le cause e il meccanismo della formazione di gastrinomi non sono attualmente pienamente compresi. Esiste una teoria genetica dell'occorrenza di un tumore, secondo cui la malattia viene ereditata da madre a figlio. Le mutazioni genetiche causano una crescita incontrollata di cellule patologicamente alterate.

Normalmente, le cellule G producono la gastrina, che promuove l'ipersecrezione di acido cloridrico, il cui eccesso provoca acidificazione del contenuto gastrico e sopprime la produzione di gastrina. L'acido cloridrico sul principio del feedback diventa un inibitore della secrezione ormonale. Con la sindrome di Zollinger-Ellison, questo processo non è controllato, il che porta a ipergastrinemia persistente. L'ipergastrinemia è anche una manifestazione di tumori della tiroide, lipoma renale, leiomioma del carcinoide, dell'esofago. La produzione di un'enorme quantità di gastrina stimola la secrezione di acido gastrico. L'acidità aumentata è la causa della formazione di ulcere gastriche che non sono suscettibili al trattamento anti-ulcera.

Il gruppo di rischio per la sindrome di Zollinger-Ellison comprende:

  • fumatori esperti,
  • le persone anziane
  • pazienti con diabete o pancreatite cronica,
  • persone in sovrappeso
  • non osservando il regime alimentare,
  • avendo una predisposizione ereditaria a questa patologia.

Video: sul concetto di sindrome di Zollinger-Ellison

Quadro clinico

La sindrome di Zollinger-Ellison negli stadi iniziali praticamente non si manifesta. L'unico sintomo della malattia è la diarrea persistente causata dall'ipersecrezione di acido cloridrico.

  1. Sindrome del dolore Quando le ulcere si formano, i dolori gravi compaiono in luoghi del tutto inusuali, che sono mal bloccati dalle medicine. Il dolore nell'addome superiore è molto persistente e intenso. Si verifica dopo aver mangiato, a stomaco vuoto o qualche tempo dopo aver mangiato. Il dolore in ipocondria spesso si irradia alla schiena.
  2. Dispepsia. I pazienti hanno bruciore di stomaco, eruttazione acida, bruciore al petto, perdita di appetito, nausea, vomito di contenuti gastrici all'altezza della sindrome del dolore.
  3. Sgabello sconvolto. La diarrea è causata dall'ingestione di acido cloridrico in eccesso nell'intestino, aumento della funzione motoria e indebolimento delle funzioni di aspirazione. La sedia è abbondante, a forma di mezza, acquosa, con frammenti di cibo non digerito e inclusioni grasse. La steatorrea è un sintomo frequente della sindrome causata dall'inattivazione della lipasi. La diarrea è permanente o periodica. Si verifica nel 50% dei pazienti e nel 20% è l'unico segno della malattia.
  4. La gastrinaemia maligna si manifesta con una significativa riduzione del peso corporeo fino all'esaurimento del corpo, sanguinamento dal tratto gastrointestinale, una violazione dell'equilibrio acido-base e idrico-elettrolitico.
  5. Molti pazienti sviluppano sintomi di esofagite.
  6. È possibile un ingrossamento del fegato.

Con la localizzazione di un tumore nella testa del pancreas, la malattia si manifesta con prurito della pelle, sensazioni dolorose nell'ipocondrio destro, feci oleose, meteorismo. Segni di danno alla coda o al corpo di un organo sono: splenomegalia, calo dell'indice di massa corporea, dolore a sinistra sotto le costole.

Le ulcere nella sindrome di Zollinger-Ellison hanno le loro caratteristiche. Sono abbastanza grandi, molteplici e difficili da trattare con il trattamento anti-ulcera.

Frequenti complicanze della patologia sono:

  • perforazione di ulcera e peritonite,
  • sanguinamento dal tratto digestivo,
  • saldatura dell'ulcera con gli organi adiacenti,
  • costrizione della cicatrice del corpo,
  • ricorrenza di ulcere dopo l'intervento chirurgico,
  • esaurimento del corpo
  • disfunzione cardiaca
  • metastasi gastrinomi.

diagnostica

Gli specialisti-gastroenterologi analizzano la storia della malattia, i reclami del paziente, la storia della vita, la storia familiare. La refrattarietà delle ulcere alla terapia antiulcera, la loro molteplicità, le frequenti recidive, la diarrea inspiegabile, l'ipercalcemia, l'assenza di infezione da Helicobacter pylori e l'associazione con l'uso dei FANS meritano un'attenzione speciale. Quindi il medico esegue un esame obiettivo, durante il quale rivela il pallore della pelle o il suo giallo. Durante la palpazione manifestano dolore marcato nella regione epigastrica.

Poiché i sintomi della malattia sono aspecifici e simili ad altre malattie del tratto gastrointestinale, è necessario sottoporsi a esami speciali per una corretta diagnosi. I metodi diagnostici strumentali e di laboratorio consentono di confermare o smentire la presunta diagnosi.

Il materiale clinico per la diagnosi di laboratorio della malattia è il sangue del paziente e il succo gastrico. Nel sangue, la concentrazione dell'ormone gastrina è determinata, nel succo gastrico - il livello di acidità. Con questa patologia, entrambi gli indicatori saranno aumentati. Per differenziare la sindrome di Zollinger-Ellison e l'ulcera gastrica è necessario determinare la presenza del batterio dannoso Helicobacter pylori nel corpo umano. Per fare questo, eseguire un esame del sangue, feci, test respiratorio, citologia. I contenuti fecali vengono esaminati per gli indicatori di coprogram.

I metodi strumentali per la diagnosi di patologia includono: esofagogastroduodenoscopia, radiografia gastrica, TC e RM, angiografia selettiva. Questi metodi di ricerca consentono di confermare la presenza di un tumore pancreatico, per determinarne le dimensioni e la localizzazione precisa. Per rilevare metastasi, la radiografia degli organi del torace, l'ecografia endoscopica, la scintigrafia con analoghi della somatostatina marcati con isotopi radioattivi e la scansione ossea del radioisotopo vengono eseguite.

gastrinoma su CT

trattamento

Le persone con sindrome di Zollinger-Ellison sono trattate nel reparto gastroenterologico o chirurgico dell'ospedale. In presenza di un tumore maligno, i pazienti vengono ospedalizzati in un dispensario oncologico.

I pazienti con gastrinoma devono seguire un determinato regime e dieta. I pasti dietetici sono organizzati in base alle condizioni del paziente. L'obiettivo della terapia dietetica è ridurre l'irritazione del tratto gastrointestinale, ridurre l'infiammazione, accelerare la guarigione delle ulcere. Mangiare dovrebbe essere frazionario fino a 6 volte al giorno. Il cibo deve essere cotto a vapore, bollito, cotto e consumato in una forma squallida.

La terapia conservativa è mirata alla rapida guarigione delle ulcere, riducendo l'acidità del succo gastrico, prevenendo le ricadute. Solitamente ai pazienti vengono prescritti i seguenti farmaci: "Omeprazolo", "ranitidina", "famotidina", "platifilina", "pirenzepin", "gastrotepina", "octreotide". Tutti questi farmaci appartengono a diversi gruppi farmacologici, ma hanno un unico effetto: antiulcera e anti-proliferativa. Poiché il rischio di ricorrenza delle ulcere è molto alto, questi farmaci vengono prescritti per tutta la vita a dosi elevate.

Il trattamento chirurgico consiste nella rimozione di un tumore potenzialmente maligno. Idealmente, il tumore dovrebbe essere rimosso completamente, il che fornirà la prognosi più favorevole. Dopo l'intervento, il materiale viene inviato all'istologia, con il quale chiariscono la buona qualità del tumore. Se la formazione è posizionata in modo tale da non poter essere raggiunta, è possibile la rimozione di una parte o dell'intero organo. I pazienti hanno indicato la rimozione dello stomaco. In questo caso, il tumore non viene rimosso. La gastrina non ha alcun effetto sull'organo e i sintomi della malattia non compaiono più.

duodentotomia longitudinale, rimozione del gastrinoma

  1. Enucleazione - rimozione del gastrinoma senza incisioni del suo guscio.
  2. Resezione pancreatoduodenale - asportazione di parte del pancreas e del duodeno.
  3. Resezione distale del pancreas.
  4. Resezione subtotale del pancreas.
  5. Embolizzazione selettiva del gastrinoma
  6. Resezione dello stomaco
  7. Gastrectomia totale
  8. La laparoscopia è un fenomeno comune che non richiede un'apertura completa della cavità addominale, senza lasciare cicatrici, riducendo il rischio di sanguinamento e complicanze.
  9. In presenza di metastasi nel fegato, viene eseguita la resezione.

Dopo l'intervento, al paziente viene prescritta vitamina B12 e speciali integratori di calcio.

Spesso i pazienti cercano aiuto medico quando ci sono già metastasi negli organi interni. In tali casi, la completa guarigione dopo l'intervento chirurgico può essere raggiunta solo nel 30% dei pazienti.

La chemioterapia è ampiamente utilizzata in presenza di una neoplasia maligna. Inibisce la crescita del tumore. Tuttavia, anche questo trattamento non garantisce un esito favorevole. Ai pazienti viene prescritta una combinazione di farmaci: Streptozotsin, Fluorouracile, Doxorubicina.

Prognosi e prevenzione

La prognosi della patologia dipende dall'istologia della neoplasia, dalla sua posizione e dalla presenza di metastasi. Nella maggior parte dei casi, la prognosi è relativamente favorevole. Ciò è dovuto alla lenta crescita del tumore e alla presenza nel mercato farmaceutico moderno di un numero enorme di farmaci che riducono la secrezione gastrica.

La prognosi per la sopravvivenza a 5 anni dipende dallo stato di salute iniziale del paziente, dal metodo di trattamento applicato, dalla presenza di metastasi negli organi interni. Esito fatale si verifica con la comparsa di gravi lesioni ulcerative.

Per evitare lo sviluppo di patologie, gli esperti raccomandano di osservare le seguenti regole:

  • mangiare bene
  • visita regolarmente un gastroenterologo,
  • una volta all'anno per sottoporsi ad esame endoscopico del tratto gastrointestinale,
  • combattere cattive abitudini
  • evitare situazioni di stress e conflitto.

DIAGNOSTICA E TRATTAMENTO DELLA SINDROME DI ELLISON DI ZALLINGER

Circa l'articolo

Autore: Okhlobystin A.V. (GBOU VPO "Prima Università medica statale di Mosca intitolata a IM Sechenov" del Ministero della Sanità della Russia)

Per la citazione: Okhlobystin A.V. DIAGNOSTICA E TRATTAMENTO DELLA SINDROME ELLISON DI ZOLLINGER // RMZH. 1998. №7. P. 4

La sindrome di Zollinger-Ellison (SZE) è una manifestazione clinica di ipergastrinemia causata da tumori che producono gastrina del pancreas o del duodeno. Questa malattia deve essere esclusa nei pazienti con ulcere difficili da curare, spesso ricorrenti, specialmente dopo il trattamento chirurgico dell'ulcera peptica in pazienti con esofagite, diarrea e perdita di peso. SZE può essere un componente di adenomatosi endocrina multipla di tipo 1. La completa rimozione del gastrinoma è impossibile nel 70 - 70% dei pazienti, il che richiede loro di condurre massicce terapie antisecretorie continue sotto il controllo dell'endoscopia e del livello di secrezione gastrica.

La sindrome di Zollinger-Ellison (ZES) è causata da un tumore che produce gastrina del pancreas o del duodeno. Questa malattia dovrebbe spesso essere ricorrente, specialmente quando si tratta di pazienti con esofagite, diarrea, perdita di peso. Non può essere completamente rimosso dal corpo della secrezione gastrointestinale.

AV Okhlobystin, Dipartimento di malattie interne Propedeutics 1 lech. Facoltà MMA loro. IM Sechenov (Capo - Accademico di RAMS Prof. VT Ivashkin)

A.V.Okhlobystin, Dipartimento di Propedeutica interna, (Responsabile - Prof. V.I.Ivashkin, Accademico dell'Accademia Russa delle Scienze Mediche), Prima Facoltà Terapeutica, I.M. Sechenov Moscow Medical Academy

Nel 1955 R.M. Zollinger ed E.H. Ellison ha descritto una sindrome che si manifesta con grave ipergastrinemia, ipersecrezione gastrica e ulcera peptica del tratto gastrointestinale superiore. L'ipergastrinemia in questa malattia è associata alla presenza di un tumore ormonalmente attivo - il gastrinoma.
Secondo le statistiche, la prevalenza della sindrome di Zollinger-Ellison (SZE) varia da 0,1 a 4 per 1 milione di persone, ma la reale incidenza della malattia è molto più elevata, a causa della notevole complessità della diagnosi. È noto che la diagnosi corretta viene stabilita dal paziente in una media di 5 - 7 anni dal momento dell'inizio dei primi sintomi. I pazienti SZE fino all'1% di tutti i pazienti con ulcera duodenale [1, 2].

Normalmente, la regolazione della secrezione di gastrina è dovuta al meccanismo di feedback negativo: il rilascio di acido cloridrico inibisce il lavoro delle cellule G dell'antro, che secernono gastrina. Tuttavia, l'acido cloridrico non influisce sulla produzione di gastrina da parte del tumore, che porta a ipergastrinemia incontrollata.
L'aspetto delle ulcere gastrointestinali in SZE non è associato con l'infezione da Helicobacte r pylori. L'incidenza di questa infezione nei pazienti con gastrinomi è del 23% (10% con infezione attiva), che è significativamente inferiore rispetto alla popolazione generale e ai pazienti con malattia da ulcera peptica [3].
I gastrinomi sono adenomi delle cellule APUD (cellule di Kulchitsky). I tumori di solito formano e secernono non solo gastrina, ma anche altri ormoni: polipeptide pancreatico, somatostatina, ormone adrenocorticotropo, glucagone, insulina, peptide intestinale vasoattivo (VIP), ma il più delle volte l'effetto di queste sostanze non si manifesta clinicamente. I tumori possono essere singoli o, più spesso multipli, di dimensioni variabili da 2 a 20 mm. Nella stragrande maggioranza dei pazienti (circa l'80%), i tumori sono localizzati nel cosiddetto "triangolo gastrinomico", che forma il pancreas (corpo e coda), il duodeno e la giunzione del dotto cistico e del fegato comune [4, 5]. Tradizionalmente, lo SZE è descritto come un tumore endocrino del pancreas, ma circa un terzo della gastrina si trova nella parete del duodeno o nei linfonodi peripancreatici. Inoltre, i tumori possono essere localizzati nel gate della milza e nella parete dello stomaco [2].
Tabella 1. Test provocativi per identificare SZE [2, 10, 21]

I gastrinomi in 2/3 dei casi possono essere maligni, ma la loro eterogeneità istologica spesso rende difficile la differenziazione tra un tumore maligno e benigno [5]. Con la microscopia ottica, i tumori possono essere simili ai carcinoidi, specialmente se si sviluppano dall'intestino tenue o dallo stomaco. I gastrinomi maligni di solito crescono lentamente. La metastasi si verifica nei linfonodi regionali, nel fegato e anche nel peritoneo, nella milza, nelle ossa, nella pelle, nel mediastino.
Schema 1. Diagnosi di adenomatosi endocrina multipla del 1o tipo [2].

Circa l'80% dei pazienti con SZE ha gastrinomi isolati (sporadici). Nel 20% dei pazienti, i gastrinomi sono un componente di adenomatosi endocrina multipla di tipo 1 (sindrome di Vermere, MEN-1) [5]. Nella maggior parte di questi pazienti, oltre al gastrinoma, si osservano iperplasia paratiroidea e livelli sierici di calcio. Inoltre, l'adenomatosi endocrina multipla può essere manifestata da tumori o iperplasia delle cellule delle isole pancreatiche (adenoma delle cellule b, glucagonomio, VIPoma), corteccia surrenale, ghiandola pituitaria e tiroide (Figura 1). Nel 47% dei casi, i tumori sono maligni, il più delle volte si metastatizzano nel fegato.

Il sintomo più importante del gastrinoma, che si osserva nel 90-95% dei pazienti, è la comparsa di ulcere del tratto gastrointestinale. In circa il 75% dei pazienti si verificano ulcere nel duodeno prossimale e nello stomaco. Le ulcere possono essere localizzate nel duodeno distale, digiuno (fino al 25% dei casi). Le ulcere sono di solito singole, ma possono essere multiple, specialmente con la localizzazione post-bulbar. I sintomi clinici delle ulcere che si verificano durante il gastrinoma assomigliano alle manifestazioni di un'ulcera peptica comune, ma il dolore addominale persistente, che è scarsamente suscettibile alla terapia convenzionale anti-ulcera, è caratteristico di SLE. Le ulcere si ripetono spesso, si sviluppano complicazioni: sanguinamento, perforazione, stenosi. Le complicazioni delle ulcere sono gravi e sono la principale causa di morte per i pazienti. Circa la metà dei pazienti sviluppa esofagite [1, 2, 4].
Schema 2. Situazioni in cui la presenza di SZE dovrebbe essere esclusa [2].

Un sintomo caratteristico di questa malattia è la diarrea, che si verifica nel 30 - 65% dei pazienti. Nel 25-40% dei pazienti la diarrea è il primo sintomo e nel 7-18% è l'unico. L'ipersecrezione severa di acido cloridrico porta a danneggiare la membrana mucosa del digiuno, che causa un aumento della motilità dell'intestino tenue, aumento della secrezione di ioni di potassio e rallentamento dell'assorbimento di sodio e acqua. A bassi valori di pH, gli enzimi pancreatici (in particolare le lipasi) sono inattivati ​​e i sali biliari sono precipitati con formazione di micelle alterate. Di conseguenza, l'assorbimento di grassi e monogliceridi diminuisce, si verificano steatorrea e perdita di peso.
Schema 3. Tattiche di gestione dei pazienti con SZE [2]

Le metastasi ai linfonodi regionali si sviluppano in 1/3 dei pazienti con SZE. Nel 10-20% dei pazienti, al trattamento iniziale vengono rilevate metastasi gastriche al fegato e successivamente si verificano metastasi ossee. La presenza di metastasi epatiche di solito determina una prognosi infausta per il paziente, ma Ellison ha anche descritto diversi pazienti con metastasi epatiche che hanno vissuto da 15 a 20 anni dopo una gastrectomia totale. Nei pazienti dopo resezione tumorale di successo o se non è stato trovato un tumore durante l'intervento chirurgico, la sopravvivenza a 10 anni è del 60-100%. Con un tumore non resecabile, la sopravvivenza a 5 anni è del 40%. La sopravvivenza dei pazienti con adenomatosi endocrina multipla di tipo 1 è solitamente più alta rispetto ai pazienti con SZE isolato. Questo è associato a sintomi clinici più vividi, che portano a una diagnosi precoce e all'inizio della terapia antisecretoria [5].

SZE deve essere sospettato in tutti i pazienti con esofagite severa (gravità 3-4 Sawari-Miller), specialmente in quelli che soffrono di ulcera duodenale o diarrea di origine sconosciuta (Figura 2). La presenza di SZE è improbabile in caso di ulcere gastriche: tali ulcere si osservano in meno del 5% dei pazienti con gastrinomi.
Di grande importanza per la diagnosi è uno studio di aspirazione della secrezione gastrica: nei pazienti con SZE, la produzione basale di acido cloridrico per 1 ora (BAO) è 15 meq / ho più. A volte un BAO supera 100 meq / h. Dopo un intervento chirurgico per ulcere gastriche o duodenali, il livello BAO> 5 meq / h è diagnostico. Il valore BAO di oltre 15 mEq / h si trova in solo il 10% dei pazienti affetti da ulcera peptica, mentre in SZE - nel 70% dei pazienti. Un'altra caratteristica caratteristica è che nella SZE la produzione basale di acido cloridrico è pari al 60% o più del massimo (MAO). Tuttavia, va ricordato che sia l'elevata formazione di acido sia un piccolo intervallo tra la produzione basale e massima di acido cloridrico possono essere osservati in pazienti con ulcera peptica e individui sani.
Nel caso di SZE, il livello di gastrina sierica è elevato: nel 70% dei pazienti supera 100 pg / ml nella determinazione del metodo del radioisotopo a digiuno e può raggiungere 450.000 pg / ml. Tuttavia, un aumento del livello di gastrina sierica può essere osservato in malattie come l'anemia perniciosa, la gastrite cronica atrofica, il feocromocetoma, l'insufficienza renale, dopo estesa resezione dell'intestino tenue. Occasionalmente (in meno dell'1% dei casi) in caso di ulcera duodenale, può verificarsi ipergastrinemia a causa di iperfunzione e / o iperplasia delle cellule G dell'antro. In questo caso, quando si esegue una biopsia, viene rilevato un aumento del contenuto di gastrina nella membrana mucosa dell'antro. Il livello di gastrina superiore a 250 pg / ml è considerato diagnostico per SZE, incondizionato - più di 1000 g / ml.
Nei casi in cui si osserva un'elevata secrezione gastrica, ma il livello di gastrina sierica è compreso nell'intervallo tra 100 e 1000 pg / ml, la diagnosi del gastrinoma deve essere confermata da test provocatori. Test effettuati con secretina, calcio o colazione standard. Quando si esegue un test con secretina, Kabi-secretin viene somministrato per via endovenosa in una dose di 2 unità / kg / h; Il livello di gastrina viene misurato due volte prima dell'iniezione e dopo ogni 5 minuti per 30 minuti (un'altra opzione: a 2, 5, 10, 15 e 20 minuti dopo l'iniezione). Un campione con calcio viene effettuato come segue: una soluzione al 10% di calcio gluconato viene somministrata per via endovenosa per un periodo di 3 ore ad una dose di 5 mg Ca / kg / h; La gastrina viene determinata prima dell'introduzione del calcio e ogni 30 minuti per 4 ore: un campione di calcio è più pericoloso per il paziente rispetto al test con l'introduzione di secretina, quindi non è raccomandato che venga eseguito come test primario. Quando si eseguono i test con una colazione standard, l'attività della gastrina viene determinata a stomaco vuoto e ogni 15 minuti per 1,5 ore dopo aver mangiato.
L'SZE è caratterizzato da un forte aumento del contenuto di gastrina dopo somministrazione di una soluzione di calcio, un aumento paradossale dopo l'iniezione di secretina, e dopo una colazione di prova non c'è aumento di gastrina di oltre il 50% (Tabella 1). Il più grande valore diagnostico è il test con secretin. È positivo nell'87% dei pazienti con SZE. L'indicazione per il test del calcio è un risultato negativo del test della secretina (13% dei pazienti con SZE). Sfortunatamente, il test con il calcio rende possibile rivelare anche solo il 4% dei pazienti con gastrinomi. Pertanto, nel 9% dei pazienti con SZE, entrambi i test provocatori sono negativi.
Per scegliere la giusta tattica di trattamento, è di cruciale importanza determinare se un gastrinoma sia isolato o esista all'interno della struttura di adenomatosi endocrina multipla di tipo 1 (vedi diagramma 1). In quest'ultimo caso, la maggior parte dei pazienti è gravata da anamnesi familiare, si verifica prima iperparatiroidismo e solo successivamente gastrinoma. Tuttavia, sono descritti pazienti nei quali i segni di iperparatiroidismo sono comparsi anni dopo la comparsa di un quadro clinico sviluppato di SZE. La diagnosi dello spettro degli ormoni, la radiografia della sella turca, la tomografia computerizzata della ghiandola pituitaria aiuteranno a stabilire la diagnosi.
Non meno difficile della diagnosi di laboratorio del gastrinoma, è quello di stabilire la sua localizzazione. Ciò è dovuto alle piccole dimensioni della gastrina. Un tumore di dimensioni inferiori a 1 mm può essere maligno e metastatizzare a livello dei linfonodi regionali, fegato [6]. Di solito è difficile individuare un tumore con una dimensione inferiore a 1 cm. L'algoritmo per esaminare un paziente per rilevare la localizzazione di un gastrinoma comprende:
• esame ecografico della cavità addominale;
• tomografia computerizzata della cavità addominale;
• angiografia del fegato / pancreas.
Inoltre, l'ecografia endoscopica, la transilluminazione durante la laparotomia diagnostica e l'ecografia intraoperatoria possono rilevare l'80% dei tumori di 1 cm o più di dimensione, che si trovano nel triangolo con gastrina. La scansione dello scheletro consente di identificare le metastasi ossee.

Trattamento di pazienti con SZE

Con gastrinomi isolati di localizzazione consolidata, viene eseguita la resezione del tumore. Questo è possibile nel 20% dei pazienti con gastrinomi isolati. Le principali indicazioni per il trattamento chirurgico sono le seguenti: localizzazione del tumore accertata, assenza di adenomatosi endocrina multipla di tipo 1, metastasi. Tuttavia, anche in questi pazienti dopo la resezione del tumore, la remissione nell'arco di 5 anni è stata osservata in meno del 30% dei casi [7, 8]. Pertanto, per la maggior parte dei pazienti con SZE, è necessario un trattamento sintomatico: il sollievo dei sintomi della malattia e il raggiungimento di cicatrici di ulcere duodenali e digiunali con l'aiuto della terapia antisecretoria.
Nei pazienti dopo resezione parziale dello stomaco o della vagotomia, si osserva un decorso più grave di SZE. Secondo Zollinger, la peggiore operazione per SZE è una parziale resezione dello stomaco. Dopo tali operazioni, è necessario condurre la terapia antisecretory ancora più attiva.
La terapia antisecretoria continua potente sotto controllo costante con l'aiuto di endoscopia e ricerca di secrezione gastrica è il componente principale del trattamento conservativo di pazienti con SES. Per fare ciò, utilizzare due gruppi di farmaci: bloccanti H 2 -recettori dell'istamina e inibitori della pompa protonica. Prima dell'avvento di questi farmaci, l'unico modo per sopprimere la secrezione gastrica era condurre una gastrectomia totale [4, 9].
Blockers H 2 -i recettori dovrebbero essere prescritti in una dose da 2 a 5 volte superiore rispetto all'ulcera duodenale [1, 10]. In particolare, la ranitidina viene utilizzata in una dose di 1,5 - 9 g / die. I farmaci devono essere assunti più frequentemente: ogni 4-6 ore [13]. Secondo le raccomandazioni del National Institutes of Health (USA) il compito di trattare N 2-bloccanti è la riduzione di BAO a meno di 10 meq / h. Sfortunatamente, con l'aiuto di H2-bloccanti, anche a dosi elevate, è difficile raggiungere questo indicatore (che può essere insufficiente per cicatrici di ulcere e subsidenza di esofagite). Inoltre, nella maggior parte dei casi, è necessario un aumento della dose annuale [11, 12]. Pertanto, al momento, i bloccanti H2 -i recettori sono usati solo per la somministrazione endovenosa durante interventi chirurgici, nel periodo postoperatorio e quando è impossibile assumere farmaci orali [2].
Gli inibitori della pompa protonica (omeprazolo e lansoprazolo), che bloccano lo stadio finale della secrezione di acido cloridrico, hanno un effetto antisecretorio più potente e prolungato rispetto a H 2 -bloccanti. Usando questi farmaci, BAO può essere facilmente ridotto a un livello di 10 meq / h, e di solito è possibile raggiungere un livello non superiore a 2 meq / h. L'uso di inibitori della pompa protonica non richiede un aumento della dose giornaliera nel tempo, inoltre, la dose può essere spesso ridotta in qualche modo [13].
Omeprazolo e lansoprazolo hanno all'incirca la stessa efficacia [14]. Il lansoprazolo, tuttavia, ha un numero maggiore di siti di legame nella cellula parietale, il che spiega la sua attività un po 'più elevata in condizioni sperimentali [15, 16]. Studi clinici condotti su 24 ore di pH-metria hanno mostrato che l'omeprazolo (alla dose di 20-160 mg / die) e il lansoprazolo (alla dose di 30-165 mg / die) in pazienti con SZE hanno un profilo di pH simile e un pH medio durante il giorno (1.8 - 6.4 unità e 2.1 - 6.4 unità, rispettivamente) [17, 18]. Nonostante le pubblicazioni disponibili che la dose giornaliera di inibitori della pompa protonica possa essere somministrata in un'unica fase, dividendola in due dosi aumenta l'efficacia della terapia [2].
I pazienti con SZE richiedono un'attenta selezione e controllo della terapia. Il compito della terapia in pazienti non operati con SZE non complicato è di ridurre il BAO al di sotto di 5 meq / h. I pazienti con esofagite o dopo un intervento chirurgico a stomaco (ad eccezione della gastrectomia totale) necessitano di una soppressione più pronunciata della produzione di acido gastrico (fino a un BAO inferiore a 1 meq / h) [2, 4, 19, 12, 18]. La dose iniziale è di 60 mg / die di omeprazolo o lansoprazolo [19]. Quindi il farmaco viene titolato: una dose giornaliera da 1 a 2 settimane viene aumentata da 20 a 30 mg sotto il controllo di uno studio sulla secrezione gastrica fino a raggiungere il livello desiderato di BAO. Lo studio della secrezione gastrica viene effettuato circa 1 ora prima di assumere la dose successiva del farmaco. Per valutare un'adeguata frequenza di assunzione, è auspicabile eseguire un pH-metro di 24 ore [21]. In futuro, i test di controllo, tra cui EGD e sensing gastrico, saranno effettuati dopo 3 mesi. L'assenza di ulcere ricorrenti durante questo periodo può indicare un tumore potenzialmente resecabile. L'osservazione dinamica dei pazienti (studio clinico, gatsroduodenoscopy endoscopico, sensing gastrico) viene effettuata 2-4 volte durante il primo anno, quindi 2 volte l'anno. Se il BAO è zero e il MAO è inferiore a 5 meq / h, è possibile un'attenta riduzione della dose, ma se il MAO è uguale o superiore a 5 meq / h, la dose del farmaco deve essere lasciata invariata [2].
L'incapacità di rispettare il regime di trattamento prescritto o l'esame di follow-up regolare è un'indicazione per la gastrectomia totale. I pazienti con SZE di solito tollerano tale operazione, ma in futuro hanno bisogno della somministrazione intramuscolare di vitamina B12, ferro, calcio [21].
Anche con un'attenta osservazione clinica, il corso di SZE è imprevedibile e difficile da controllare utilizzando farmaci antisecretori. Vi sono casi di perforazione di ulcere e sanguinamento dopo una gastrectomia totale, in pazienti con produzione di acido inferiore a 1 meq / h [2]. Tali situazioni possono impedire l'esecuzione sistematica dell'endoscopia.
In caso di gastrinoma con metastasi, oltre alla terapia antisecretoria o alla gastrectomia totale, la somministrazione di streptozocina e 5-fluorouracile riduce la dimensione del tumore e riduce il livello di gastrina sierica [21].
La presenza di più adenomatosi endocrina di tipo 1 richiede principalmente la rimozione delle ghiandole paratiroidi. In alcuni pazienti dopo questa operazione, il livello di gastrina e secrezione gastrica è normalizzato [2, 10, 21].
Pertanto, nella maggior parte dei pazienti con SZE, il trattamento chirurgico non può essere eseguito. Questi pazienti hanno bisogno di una terapia continua con inibitori della pompa protonica sotto il controllo dell'endoscopia e lo studio della secrezione gastrica.

1. Guida alla gastroenterologia: in tre volumi / a cura di un generale F.I. Komarova e A.L. Grebeneva. Т.1 Malattie dell'esofago e dello stomaco / F.I. Komarov, A.L. Grebenev, A.A. Sheptulin e altri - M.: Medicina, 1995. - P. 672: Il.
2. Hirschowitz B.I. Sindrome di Zollinger-Ellison: patogenesi, diagnosi e gestione. Amer. J. Gastroent. 1997; 92 (3): 44-8.
3. Weber H.C., Venzon D.J., Jensen R.T., Metz DC. Studi sull'interrelazione tra Zollinger - Sindrome di Ellison, Helicobacter pylori e terapia con inibitori della pompa protonica. Gastroent. 1997; 112 (1): 84-91.
4. Hirschowitz B.I. Patologia e gestione dell'ipergastina e sindrome di Zollinger-Ellison. Yale J Biol Med 1992; 65: 659-76.
5. Jensen R.T., Gardner J.D. Sindrome di Zollinger-Ellison: presentazione clinica, patologia, diagnosi e trattamento. In: Zakim D, Dannenberg AJ, eds. Malattia da ulcera peptica e altri disturbi legati all'acido. New York: Academic Research Assoc Inc 1991: 117-212.
6. Schroder, W., Holscher, A.H., Beckurts, T., et al. Microgastrinomi duodenali associati a sindrome di Zollinger - Ellison. Epato-Gastroent. 1996; 43 (12): 1465-9.
7. Mignon, M., Ruszniewski, R., Haffar, S., et al. Attuale approccio alla gestione del processo tumorale in pazienti con gastrinoma. World J Surg 1986; 10: 703-10.
8. Norton J.A., Doppman J.L., Jensen R.T. Resezione curativa in pazienti con sindrome di Zollinger - Ellison: risultati di uno studio prospettico di 10 anni. Am Surg 1992; 21 5: 8-18.
9. Farley, D.R., van Heerden, J., Grant C.S., et al. La sindrome di Zollinger - Ellison: un'esperienza chirurgica collettiva. Ann Surg 1991; 215: 561-9.
10. Malattie interne. In 10 libri. Libro 7: Per. dall'inglese / Ed. E. Braunwald, C.J. Isselbacher, R.G. Petersdorf et al. - M.: Meditsina, 1996. - C. 720: ill.
11. Jensen R.T., Maton P.N. Sindrome di Zollinger-Ellison. In: Gustavsson S., Kumar D., Graham D. Y., eds. Lo stomaco Londra: Churchill Living Stone, 1991: 341-74.
12. Metz D.C., Piseg na J.R., Ringham G.L., et al. Studio prospettico dell'efficacia e della sicurezza del lansoprazolo nella sindrome di Zollinger-Ellison. Dig Dis Sci 1993; 38: 245-56.
13. Metz, D.C., Pisegna, J.R., Fishbeyn, V.A., et al. Zollianer - La sindrome di Ellison è troppo alta. Gastroenterologia 1992; 103: 1498-1508.
14. Jensen, R.T., Metz, D.C., Koviack, P.D., et al. Studio prospettico dell'efficacia a lungo termine e della sicurezza di lansoprazolo in pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison. Aliment Pharmacol Ther 1993; 7: 41-50.
15. Nagaya H., Satoh H., inibitore della pompa protonica Maki Y. AG 1749 in cellule parietali canine isolate. J Pharmacol Exp Ther 1990; 252: 1289-95.
16. Tolman K.G., Sanders S.W., Buchi K.N. Livelli di pH gastrico dopo 15 mg e 30 mg di lansoprazolo e 20 mg di omeprazolo. Gastroenterologia 1994; 106: A172.
17. Ramdani A., Paul G., Ruszniewsji Ph., Et al. Efficienza comparativa di lansoprazolo e omeprazolo sulla misurazione del pH intragastrico 24 ore. Gastroenterologia 1992; 102: A151.
18. Maton, P.N., Frucht, H., Vinayek, R., et al. Gestione medica dei pazienti con sindrome di Zollinger-Ellison sottoposti a precedente chirurgia gastrica: uno studio prospettico. Gastroenterologia 1988; 94: 294-9.
19. Hirschowitz B.I. Decorso clinico della sindrome di Zollinger-Ellison non trattata chirurgicamente. In: Mignon M, Jensen RT, eds. Tumori endocrini del pancreas, vol. 23. Basilea, Svizzera: S. Karger AG, 1995: 360-71. Frontiere nella serie di ricerche gastrointestinali.
20. Miller L.S., Vinayek R., Frucht H., et al. Esofagite da reflusso nei pazienti con sindrome di Zollinger - Ellison. Gastroenterologia 1990; 98: 341-6.
21. Berkow R. ed. -In-chief, Fletcher A.J.: Il manuale Merck di diagnosi e terapia. Laboratori di ricerca Merck. 16 ed. Rahway, NJ, 1992.

L'eliminazione dell'infezione da Helicobacter pylori, riducendo la frequenza di recidiva delle ulcere.